Mi spiega la differenza tra smart-working e co-working?

Mi spiega la differenza tra smart-working e co-working?

Smart-working è una modalità di esecuzione della prestazione lavorativa resa senza precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro. L’organizzazione dell’attività potrà avvalersi di obiettivi predeterminati.

Co-working (lavorando con) è uno spazio di lavoro basato sulla condivisione di mezzi, ambienti e servizi. In pratica, si realizzano postazioni comuni impersonali, che vengono utilizzate da più lavoratori.

Per approfondire leggi anche Il futuro è nello Smart Working”, di seguito un estratto:

“Lo Smart-Working è diventata una realtà per le aziende italiane: in aumento, difatti, il numero di imprese e organizzazioni che hanno deciso, o stanno decidendo, di usare un nuovo modello di lavoro agile. Si mette, così, in discussione l’immagine tradizionale di ufficio, che da spazio fisico diventa spazio “digitale” che segue il dipendente nei suoi spostamenti, un modo di lavorare da remoto che prescinde dal luogo in cui ci si trovi […] Si aprono, dunque, spazi immensi per lo Smart Working, il lavoro che svincola dagli orari e dalle postazioni fisse in ufficio. Gli effetti sul modo di interagire con il proprio lavoro saranno moltissimi, maggiore flessibilità ed autonomia, opportunità di lavorare da casa o negli spazi di Coworking (altra nuova frontiera). In pratica, il concetto chiaro è quello del benessere del dipendente che in questo modo potrà più facilmente conciliare il lavoro con la vita privata e la famiglia.”

Autore

Roberto Camera
Roberto Camera 493 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti gli articoli di questo autore →