fbpx

CIGO dal 1° luglio: quali condizioni per poterla utilizzare?

CIGO dal 1° luglio: quali condizioni per poterla utilizzare?

Per la CIGO richiedibile dal 1° luglio, per poterla utilizzare i dipendenti devono avere smaltito tutte le ferie ed i permessi dell’anno precedente o anche i maturati al 30/06?

Dal primo luglio, per le aziende che applicano la CIGO, l’utilizzo di una integrazione salariale potrà avvenire secondo quanto ordinariamente stabilito dal D.L.vo n. 148/2015.

Per quanto riguarda il previo smaltimento delle ferie, questa indicazione è prevista dal decreto del Ministero del Lavoro e del MEF del 1° agosto 2014 e riguarda la CIG in deroga: “Allo scopo di fruire dei trattamenti di integrazione salariale in deroga l’impresa deve avere previamente utilizzato gli strumenti ordinari di flessibilità, ivi inclusa la fruizione delle ferie residue.”

Il Ministero del Lavoro, con interpello n. 19/2011 ha chiarito che “in caso di sospensione totale dell’attività lavorativa, ovvero nell’ipotesi di CIG a zero ore, … si può sostenere, …., che l’esercizio del diritto in questione, sia con riferimento alle ferie già maturate sia riguardo a quelle infra-annuali in corso di maturazione, possa essere posticipato al momento della cessazione dell’evento sospensivo coincidente con la ripresa dell’attività produttiva.”

Detta interpretazione è stata ripresa dall’INPS, nella circolare n. 139/2016, posteriore alla riforma degli ammortizzatori sociali.

È utile in tal senso ricordare la definizione di CIGO:

“La Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) per l’industria e l’edilizia integra o sostituisce la retribuzione dei lavoratori a cui è stata sospesa o ridotta l’attività lavorativa per situazioni aziendali dovute a eventi transitori e non imputabili all’impresa o ai dipendenti, incluse le intemperie stagionali e per situazioni temporanee di mercato.”

Leggi anche:

CIGD, CIGO e ASO. Nuova disciplina decadenziale pagamenti diretti

INPS: termine di presentazione delle domande di CIGO e FIS

Assunzione di un lavoratore con preavviso ma in CIGO per il COVID-19

Si può usare la CIGO per i lavoratori bloccati a casa dall’allarme coronavirus?

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 683 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Stiamo per introdurre, con un accordo sindacale, lo smart working. Esiste una decontribuzione nel 2019 di fronte alla sigla di un accordo sindacale relativo al welfare?

La possibilità a cui Lei fa riferimento è contemplata dalla normativa prevista per la cd detassazione dei premi di risultato (Legge 208/2015 e DM 25 marzo 2016). In particolare, la

Il padre lavoratore dipendente ha diritto ai riposi giornalieri (ex allattamento) anche nel caso in cui la madre è casalinga, indipendentemente da situazioni di comprovata oggettiva impossibilità ?

Con sentenza n. 4293 del 9 settembre 2008, il Consiglio di Stato, Sez. VI, ha dedotto che, anche ai fini del riconoscimento del diritto del padre ai riposi giornalieri per

La nostra azienda applica il CCNL Industria, assumendo un lavoratore che era già con noi nel periodo gennaio-settembre, ed al quale abbiamo già pagato i 100 euro quale welfare. Riassumendolo, dobbiamo riconoscere ulteriori 100 euro?

Federmeccanica, nella guida operativa predisposta per il welfare aziendale, ha precisato che:” I valori del welfare sono riconosciuti un’unica volta nel periodo di competenza nel caso di lavoratori reiteratamente assunti

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.