Lo Smart-working prevede la timbratura presenza da remoto?

Lo Smart-working prevede la timbratura presenza da remoto?

Stiamo avviando molti lavoratori in smart-working, vorremmo sapere se c’è la possibilità di prevedere una sorta di timbratura presenza da remoto?

Sì, è possibile prevedere ed è legittima una timbratura da remoto. La cosa che mi lascia perplesso è il fatto che “legare” la prestazione agile alla sola presenza non coincide con i principi dello smart-working, ove l’agilità è alla base della prestazione e l’orario di lavoro è subordinato alla realizzazione degli obiettivi che l’azienda (il manager di riferimento) deve fornire al lavoratore durante le prestazioni smart. In definitiva, la normativa sullo smart-working (legge 81/2017) dispone una assenza di vincoli legati all’orario (logicamente entro i limiti contrattuali e legali), proprio in relazione al fatto che le performance del lavoratore sono collegate agli obiettivi forniti dal superiore del lavoratore.

Per maggiori informazioni leggi l’editoriale di Eufranio Massi Il lavoro agile: problemi e prospettive“, di cui di seguito ne pubblichiamo un estratto

[…] Innanzitutto, va sottolineato come il lavoro agile non sia una nuova tipologia contrattuale (cosa che di per sè stessa avrebbe portato ad esaminare, da subito, alcune questioni interpretative rilevanti), ma una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato che scaturisce da un accordo tra le parti ed il cui contenuto può riguardare forme organizzative del lavoro per fasi, cicli ed obiettivi. Tutto questo, afferma il Legislatore, senza precisi vincoli di orario e di luogo dell’attività che andrà prestata anche attraverso l’utilizzo di strumenti tecnologici.

Tale attività, comunque, va svolta entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero o settimanale derivanti dalla legge o dalla contrattazione collettiva la quale, senza ulteriore specificazione, può essere anche di secondo livello[…]

 

Leggi anche:

Il futuro dello Smart working: l’emergenza Covid-19 ha raddoppiato i lavoratori agiliù

Dall’inizio del lockdown del Paese causato dall’emergenza sanitaria, il numero dei lavoratori agili in Italia è raddoppiato superando il milione. Un trend che continua a crescere attivando lo smart working

Se in quarantena, il lavoratore può procedere con lo smart working?

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 631 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono le attività stagionali esonerate dalla durata massima nei contratti a tempo determinato?

Quando la normativa sul contratto a tempo determinato (articoli dal 19 al 29 del D.L.vo 81/2015) parla di attività stagionali, fa riferimento alle attività previste dal decreto del Presidente della

Con la modifica del D.Lgs. 253/16 sull’immigrazione, è possibile evitare il ricorso ai visti di ingresso per nuovi assunti americani?

  La modifica normativa riguarda solo i trasferimenti di lavoratori appartenenti ad aziende extraUE facenti parte del gruppo di quella italiana. In definitiva, si parla di trasferimenti intra-societari e non

Vorremmo creare un Centro elaborazione dati e fornire supporto alle aziende per attività di invio Uniemens e per tutto quello che serve per il rispetto dell’attività paghe. Vede controindicazioni a ciò?

Il Ministero del Lavoro, in più occasioni (lett. circolare 13649/2007, nota 7857/2010 e circolare 17/2013), ha evidenziato che “le operazioni svolte dal Centro elaborazione dati devono limitarsi ad elaborazioni aventi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento