fbpx

Se in quarantena, il lavoratore può procedere con lo smart working?

Se in quarantena, il lavoratore può procedere con lo smart working?

L’azienda ha ricevuto dall’Inps un certificato medico per quarantena fiduciaria. Il lavoratore può continuare a lavorare da remoto?  Se sì, dobbiamo attivare le procedure di smart working?

Se viene imposta, dalla sanità pubblica, una sorveglianza con isolamento fiduciario (quarantena) e arriva un certificato di malattia, l’azienda deve bloccare qualsiasi forma di interazione con il lavoratore, anche da remoto, considerandolo in malattia. Ragion per cui, non è possibile attivare lo smart-working.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 701 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

13 Commenti

  1. Lunetta
    Aprile 24, 12:49 Reply

    Buongiorno, sono un dipendente pubblico in quarantena – isolamento fiduciario per 5 giorni dopo il rientro dalla Germania dove sono stata in ferie per 15 giorni. Il mio medico di base ha redatto il certificato medico per 5 giorni di quarantena che ho inviato al mio datore di lavoro. Dopo 2 giorni mi viene richiesto di concordare il lavoro agile. Come mi dovevo comportare? In presenza del certificato medico per 5 giorni dovevo lavorare?

    • Roberto
      Aprile 27, 22:01 Reply

      Se si è trattato di un certificato di quarantena, è possibile prestare attività lavorativa da remoto.

  2. aitante
    Aprile 22, 10:44 Reply

    Sono un dipendente pubblico rientrato dall’estero e sottoposto a isolamento e quarantena obbligatoria per 14 giorni. Non sono positivo al covid. Ho lavorato in smartworking nel periodo di quarantena. E’ corretto?

    • Roberto
      Aprile 22, 21:46 Reply

      E’ corretto, in quanto la quarantena è assimilato alla malattia solo da un punto di vista economico, ma soltanto qualora non sia possibile il lavoro agile.

  3. Giulia
    Marzo 14, 12:00 Reply

    Buongiorno,
    sono risultata positiva al covid e sono in attesa del secondo tampone.
    Il medico afferma che deve necessariamente inviare il certificato di malattia, anche se io non presento sintomi e posso lavorare da casa. Tuttavia, con il certificato, non è possibile.
    Mi conferma gentilmente che non è quindi possibile lavorare in smart working pur se positivi asintomatici e con certificato medico?
    Grazie

    • Roberto
      Marzo 15, 22:02 Reply

      La positività al Covid evidenzia una malattia e come tale non è possibile la prestazione da remoto.

  4. Stefano
    Settembre 17, 01:33 Reply

    Sono in quarantena obbligatoria con sorveglianza attiva da giorno 8/09 fino a giorno 22/09 (ho avuto contatti con persona positiva). Presento certificato medico alla società per cui lavoro fornendo data di inizio e fine malattia. L’ASP nel frattempo richiede di fare 2 tamponi. Se anche il secondo tampone dovesse essere negativo, chiederò al comune di far cessare ordinanza per poter uscire anticipatamente dalla quarantena. Se il comune accetta l’istanza, come devo comportarmi avendo già presentato il certificato medico con data di fine malattia?

    • Roberto
      Settembre 20, 08:52 Reply

      Deve tornare dal suo medico che farsi rilasciare un nuovo certificato di fine malattia.

  5. ilgebra
    Agosto 28, 14:03 Reply

    Ma quando si tratta di isolamento domiciliare conseguente da rientro dall’estero, senza alcun certificato di malattia, il lavoratore può lavorare da casa in smart working ? Grazie.

    • Roberto
      Settembre 01, 14:05 Reply

      La permanenza domiciliare fiduciaria prevede comunque un certificato da parte del medico di famiglia.

  6. Roberto
    Marzo 24, 00:01 Reply

    no, la procedura è obbligatoria soltanto per i lavoratori dipendenti.

  7. Cipolletta Francesca
    Marzo 23, 09:43 Reply

    Per i tirocini extracurriculari in corso, per i quali e’ stata autorizzata dall’Ente Promotore la modalità di svolgimento del tirocinio a distanza in questo periodo di emergenza sanitaria, si deve inoltrare la comunicazione al Ministero del Lavoro (prevista per i lavoratori dipendenti)?
    Ringraziando porgo cordiali saluti.

  8. palarix
    Marzo 17, 22:49 Reply

    Ma se sono in malattia e termina un mercoledì, il giovedì posso andare in smart working?
    Oppure è necessario che termini il venerdì? Devo prima rientrare in azienda o posso direttamente entrare in smart working? grazie mille

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.