Posso licenziare un lavoratore valutato “non idoneo”?

Posso licenziare un lavoratore valutato “non idoneo”?

Il medico competente, alla visita di controllo, ha valutato un lavoratore non idoneo alle mansioni. Posso procedere al licenziamento?

Prima di procedere al licenziamento del lavoratore dovrà essere effettuata questa procedura:

  1. Inviare il lavoratore a visita presso la Commissione sanitaria dell’ASL medicina del lavoro. La corte di Cassazione (sentenza n. 4757/2015) ha valutato illegittimo il licenziamento motivato sulla base del solo giudizio espresso dal medico competente, senza aver previamente atteso il successivo riesame da parte della Commissione sanitaria competente.
  2. Verificare la possibilità di ricollocare il lavoratore ad altre mansioni, anche inferiori rispetto a quelle di sua competenza.
  3. Valutare la possibilità di trovare un accordo conciliativo (da effettuare in sede protetta), al fine di evitare un eventuale contenzioso.

Leggi anche:

Il mio medico ha certificato gravi complicanze durante la mia gestazione e mi esenta dal lavoro. Cosa devo fare?

Esiste ancora il certificato medico di idoneità per l’assunzione degli apprendisti e dei minori?

Autore

Roberto Camera
Roberto Camera 493 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti gli articoli di questo autore →

4 Commenti

  1. Paolo71
    Gennaio 26, 10:16

    Se non mi presento a lavoro dopo quanto tempo possono licenziarmi? E sopratutto posso richiedere la naspi?

    • Roberto
      Gennaio 26, 11:00

      Dipende dalla previsione del Ccnl applicato dall’azienda. Tutte le cessazioni del rapporto di lavoro che sono involontarie per il lavoratore portano alla fruizione della NASPI.

  2. Buona sera,
    In vista delle indicazioni operative sulla decontribuzione inps per i settori del turismo , prevista dall’art.43 del decreto sostegni bis, il licenziamento per “superamento del periodo di comporto” è ostativo alla richiesta di tale contributo. Non riesco a capire se sia considerato nel GMO oppure no.
    Grazie per l’aiuto

    • Roberto
      Novembre 17, 07:58

      Il legislatore l’ha escluso espressamente dai licenziamenti per GMO per quanto riguarda la procedura prevista dall’art. 7 della Legge 604/1966. Per analogia si potrebbe applicare la stessa esclusione anche dal blocco dei licenziamenti.

Rispondi

Solo registrati possono commentare.