Il mio medico ha certificato gravi complicanze durante la mia gestazione e mi esenta dal lavoro. Cosa devo fare?

Il mio medico ha certificato gravi complicanze durante la mia gestazione e mi esenta dal lavoro. Cosa devo fare?

In caso di gravi complicanze alla gestazione, Lei ha diritto ad un periodo di astensione anticipata dal lavoro che si va ad agganciarsi con l’astensione obbligatoria dei 5 mesi.

L’astensione anticipata va richiesta dalla lavoratrice e disposta dall’azienda sanitaria locale (ASL), secondo le risultanze dell’accertamento medico ivi previsto. Il provvedimento dovrà essere emanato entro sette giorni dalla ricezione dell’istanza della lavoratrice. (articolo 17, del decreto legislativo 151/2001).

Per approfondire di seguito l’articolo 17 del decreto legislativo 151/2001:

Art. 17.
Estensione del divieto
(legge 30 dicembre 1971, n. 1204, articoli 4, commi 2 e 3, 5, e 30, commi 6, 7, 9 e 10)

  • Il divieto è anticipato a tre mesi dalla data presunta del parto quando le lavoratrici sono occupate in lavori che, in relazione all’avanzato stato di gravidanza, siano da ritenersi gravosi o pregiudizievoli. Tali lavori sono determinati con propri decreti dal Ministro per il lavoro e la previdenza sociale, sentite le organizzazioni sindacali nazionali maggiormente rappresentative. Fino all’emanazione del primo decreto ministeriale, l’anticipazione del divieto di lavoro è disposta dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro, competente per territorio.
  • Il servizio ispettivo del Ministero del lavoro può disporre, sulla base di accertamento medico, avvalendosi dei competenti organi del Servizio sanitario nazionale, ai sensi degli articoli 2 e 7 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, l’interdizione dal lavoro delle lavoratrici in stato di gravidanza, fino al periodo di astensione di cui alla lettera a), comma 1, dell’articolo 16, per uno o più periodi, la cui durata sarà determinata dal servizio stesso, per i seguenti motivi:
    a) nel caso di gravi complicanze della gravidanza o di preesistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza;
    b) quando le condizioni di lavoro o ambientali siano ritenute pregiudizievoli alla salute della donna e del bambino;
    c) quando la lavoratrice non possa essere spostata ad altre mansioni, secondo quanto previsto dagli articoli 7 e 12.
  • L’astensione dal lavoro di cui alla lettera a) del comma 2 è disposta dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro, secondo le risultanze dell’accertamento medico ivi previsto. In ogni caso il provvedimento dovrà essere emanato entro sette giorni dalla ricezione dell’istanza della lavoratrice.
  • L’astensione dal lavoro di cui alle lettere b) e c) del comma 2 può essere disposta dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro, d’ufficio o su istanza della lavoratrice, qualora nel corso della propria attività di vigilanza constati l’esistenza delle condizioni che danno luogo all’astensione medesima.
  • I provvedimenti dei servizi ispettivi previsti dai presente articolo sono definitivi.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 625 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamenti e applicabilità art. 18 L. 300/70 (tutela reale): Come si calcolano le dimensioni aziendali?

Indicazioni in materia di dimensioni aziendali con riferimento alla materia dei licenziamenti individuali sono state fornite dal Ministero del Lavoro con la Circolare n.3 del 16 gennaio 2013 la quale

Nel caso di un lavoratore che utilizza i voucher sia con la disciplina vecchia che con quella nuova, pur avendo limiti economici diversi potrebbero essere cumulabili?

Ritengo di no in quanto trattasi di 2 norme diverse e la nuova norma (L. 96/2017) non richiama la precedente (DLvo 81/2015) quando parla di massimali.

Un lavoratore ci ha inviato le dimissioni online per giusta causa, indicando la causale mobbing. Come fare la comunicazione al centro per l’impiego?

Qualora l’azienda non abbia alcuna evidenza del presunto mobbing evidenziato dalla lavoratrice nelle proprie dimissioni e la stessa non ha fatto mai presente ciò all’azienda né durante, né al termine

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento