fbpx

È possibile far dichiarare ai dipendenti il proprio stato di vaccinazione?

È possibile far dichiarare ai dipendenti il proprio stato di vaccinazione?

Un’azienda vorrebbe far dichiarare ai propri dipendenti se sono vaccinati o meno. È consentito?

L’informazione sullo stato di vaccinazione dei dipendenti non può essere richiesta dal datore di lavoro, neppure sotto forma di invito a formulare dichiarazioni spontanee (né da parte del dipendente, né tramite il medico competente, i nominativi del personale vaccinato o la copia delle certificazioni vaccinali).

Il rischio è di sanzioni amministrative pecuniarie (fino a 20 milioni di euro o il 4% del fatturato dell’esercizio precedente, se superiore) per l’azienda e rischi penali – seppur modesti nella pena – per il datore di lavoro.

Il riferimento è contenuto nel provvedimento n. 198 del 13 maggio 2021 del Garante per la protezione dei dati personali.

A tal proposito, è utile ricordare che:

Il provvedimento n. 198 del 13 maggio 2021 del Garante privacy contiene le indicazioni riguardo alle norme, alle garanzie e ai diritti che, anche nel contesto dell’emergenza, devono essere rispettati in relazione al trattamento dei dati personali degli interessati raccolti per la vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid-19 nei luoghi di lavoro.

La vaccinazione nei luoghi di lavoro rappresenta un’opportunità aggiuntiva rispetto alle modalità ordinarie dell’offerta vaccinale che sono e saranno sempre garantite.
presupposti “imprescindibili” per l’attivazione di punti vaccinali sui luoghi di lavoro sono:
– la disponibilità dei vaccini;
– la presenza e la disponibilità del medico competente o di altro personale sanitario (anche privato e, in taluni casi, il possibile ricorso ai medici operanti presso i servizi territoriali di Inail);
– l’adesione consapevole e informata da parte delle lavoratrici e dei lavoratori;
– la “tutela della privacy”;
– la prevenzione di ogni forma di discriminazione delle lavoratrici e dei lavoratori, in ragione della libera scelta del lavoratore in ordine all’adesione o meno alla campagna vaccinale.

 

Leggi anche:

Lavoratore che non fa il vaccino covid-19: che fare?

Un dipendente ha l’appuntamento per la vaccinazione, che tipo di permesso ha a disposizione?

COVID-19: punti di vaccinazione anti SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 680 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho l’obbligo di emettere il Libro Unico del Lavoro per un tirocinante?

Il Vademecum sul libro unico del lavoro, predisposto dal Ministero del Lavoro nel 2008, non prevede l’obbligatorietà di iscrizione nel LUL dei tirocinanti. Detto ciò, qualora si corrisponda l’indennità di

Come viene calcolato il rispetto del periodo di riposo settimanale da parte dell’ispettore del lavoro?

Così come chiarito dalla nota della Direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro, n. 19428 del 14 dicembre 2009, si ha rispetto della disposizione contenuta nell’articolo 9 del

Nel caso di spostamento ad una nuova mansione di un dipendente con difficoltà relazionali, quali sono i rischi per l’azienda?

Ho un dipendente che ha forti difficoltà relazionali che gli impediscono di svolgere bene il proprio lavoro. Sto pensando di spostarlo momentaneamente a una nuova mansione sotto il diretto controllo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.