fbpx

Congedo obbligatorio padre: trasferta all’estero può impedirlo?

Congedo obbligatorio padre: trasferta all’estero può impedirlo?

Relativamente al congedo obbligatorio per il padre, avremmo necessità di conoscere un suo parere in merito al fatto se può essere sanzionata l’azienda qualora invii il lavoratore/padre in trasferta all’estero per un periodo lungo, tale da impedirgli di effettuare il congedo.

Nel caso in cui si dimostri il rifiuto, l’opposizione o l’ostacolo all’esercizio dei diritti di assenza dal lavoro per congedo parentale, è prevista una sanzione amministrativa da 516 a 2.582 euro.

Ritengo che l’invio in trasferta del lavoratore possa essere considerato un “ostacolo” alla fruizione del congedo e come tale sanzionato.

 

A riguardo è bene ricordare cosa prevede la legge per il congedo di paternità nel 2021:

La Legge di Bilancio 2021 (L. n. 178/2020) ha confermato, anche per il 2021, il congedo obbligatorio padre. Ma non soltanto: oltre alla proroga, per quest’anno, la durata del congedo obbligatorio è aumentata a 10 giorni, anziché i 7 finora previsti, da fruire anche in via non continuativa.

Si ricorda, al riguardo, che possono essere richiesti entro 5 mesi per la nascita, l’adozione o l’affidamento di un figlio da tutti i lavoratori dipendenti. In altre parole, si tratta di una proroga delle misure in vigore già nel 2020, quindi le modalità di astensione dal lavoro restano sostanzialmente le stesse. Pertanto, chi diventa papà, adotta oppure ottiene in affidamento un bambino o una bambina nel 2021 (1° gennaio – 31 dicembre), ha diritto complessivamente a 10 giorni di astensione dal lavoro interamente retribuiti.

 

Per maggiori informazioni, leggi anche:

Congedo straordinario: Un papà ne può usufruire mentre la madre è in congedo obbligatorio? (R. Camera)

Il congedo per il padre per nascita del figlio si può godere ad ore? (R. Camera)

È obbligatorio concedere lo smart-working “totale” ad un dipendente con figli? (R. Camera)

Congedo straordinario: Un papà ne può usufruire mentre la madre è in congedo obbligatorio? (R. Camera)

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 668 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È dovuto il ticket licenziamento in caso di chiusura di un appalto?

Sì, ad eccezione del caso in cui al licenziamento sia succeduta l’assunzione del lavoratore presso il nuovo appaltatore, in attuazione di clausole sociali che garantiscano la continuità occupazionale prevista dai

Ho licenziato un lavoratore per giusta causa, devo pagare anche il ticket licenziamento? Qualora la risposta sia positiva, quant’è l’importo da pagare?

Sì, il contributo NASpI (c.d. ticket licenziamento) nasce per il solo fatto che il lavoratore acquisisce il diritto formale all’indennità di disoccupazione. Questo indipendentemente dal fatto che il lavoratore trovi

Il lavoratore non è rientrato dalle ferie. Doveva rientrare il 4 settembre. Come mi devo comportare? Posso procedere al licenziamento?

Per procedere ad un licenziamento per assenza ingiustificata bisogna rispettare quanto prescritto dalla legge (art. 7 della L. 300/70) e dal contratto collettivo nazionale di riferimento dell’azienda. In primo luogo,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento