fbpx

Un dipendente si è dimesso, è giusto accettare le dimissioni con una lettera tra le parti?

Un dipendente si è dimesso, è giusto accettare le dimissioni con una lettera tra le parti?

Un lavoratore che non voleva trasferirsi ha dato le dimissioni per giusta causa ed io, come azienda, le ho accettate con una lettera tra le parti. Ho fatto bene?                                               

L’articolo 2103 c.c. (comma 8) prevede le dimissioni per giusta causa allorquando l’azienda proceda ad un trasferimento, da una unità produttiva ad un’altra, senza le comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive. In pratica, le dimissioni per giusta causa non sono applicabili in caso di diniego al trasferimento da parte del lavoratore, legittimamente richiesto dall’azienda. Avallando le dimissioni per giusta causa è come se l’azienda ammettesse la mancanza delle ragioni e legittimasse il contenzioso con il lavoratore.

Inoltre, l’azienda sarà tenuta a corrispondere il ticket licenziamento.

Per maggiori informazioni, di seguito, l’articolo 2103 c.c.:

Dispositivo dell’art. 2103 Codice Civile 2020

Il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti all’inquadramento superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni riconducibili allo stesso livello e categoria legale di inquadramento delle ultime effettivamente svolte.

In caso di modifica degli assetti organizzativi aziendali che incide sulla posizione del lavoratore, lo stesso può essere assegnato a mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore purché rientranti nella medesima categoria legale.

Il mutamento di mansioni è accompagnato, ove necessario, dall’assolvimento dell’obbligo formativo, il cui mancato adempimento non determina comunque la nullità dell’atto di assegnazione delle nuove mansioni.

Ulteriori ipotesi di assegnazione di mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore, purché rientranti nella medesima categoria legale, possono essere previste dai contratti collettivi.

Nelle ipotesi di cui al secondo e al quarto comma, il mutamento di mansioni è comunicato per iscritto, a pena di nullità, e il lavoratore ha diritto alla conservazione del livello di inquadramento e del trattamento retributivo in godimento, fatta eccezione per gli elementi retributivi collegati a particolari modalità di svolgimento della precedente prestazione lavorativa.

Nelle sedi di cui all’articolo 2113, quarto comma, o avanti alle commissioni di certificazione, possono essere stipulati accordi individuali di modifica delle mansioni, della categoria legale e del livello di inquadramento e della relativa retribuzione, nell’interesse del lavoratore alla conservazione dell’occupazione, all’acquisizione di una diversa professionalità o al miglioramento delle condizioni di vita. Il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante dell’associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato o da un avvocato o da un consulente del lavoro.

Nel caso di assegnazione a mansioni superiori il lavoratore ha diritto al trattamento corrispondente all’attività svolta e l’assegnazione diviene definitiva, salva diversa volontà del lavoratore, ove la medesima non abbia avuto luogo per ragioni sostitutive di altro lavoratore in servizio, dopo il periodo fissato dai contratti collettivi o, in mancanza, dopo sei mesi continuativi.

Il lavoratore non può essere trasferito da un’unità produttiva ad un’altra se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive.

Salvo che ricorrano le condizioni di cui al secondo e al quarto comma e fermo quanto disposto al sesto comma, ogni patto contrario è nullo.

Leggi anche:

Un dipendente impugna il trasferimento in quanto figura tra gli amministratori locali. È possibile impedire un trasferimento per tale motivo?

Cessazione dell’attività e possibilità di licenziamento [E.Massi]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 694 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Vorrei procedere con l’offerta conciliativa nei confronti di un lavoratore assunto in Jobs Act. Entro quanto posso…

Vorrei procedere con l’offerta conciliativa nei confronti di un lavoratore assunto in Jobs Act. Entro quanto posso procedere? Dalla data di comunicazione o dal termine del rapporto di lavoro? L’articolo

La misura del TIS è applicabile anche ai lavoratori domestici?

Riteniamo che tale categoria di lavoratori sia esclusa dalla fruizione della misura di TIS. L’art. 1, comma 1, del D. Lgs. 148/2015, fonte primaria del Fondo di solidarietà di settore,

Quali sono i termini e le modalità di presentazione dell’ indennità di disoccupazione da parte di un lavoratore?

  La domanda per il riconoscimento della NASpI deve essere presentata all’INPS, esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti canali: • WEB: servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite

2 Commenti

  1. Roberto
    Maggio 12, 21:48 Reply

    L’azienda dovrebbe inviare una raccomandata al lavoratore, contestando le motivazioni addotte dal lavoratore nelle dimissioni per giusta causa. Ritengo che l’azienda considera ingiustificate le dimissioni per giusta causa, possa procedere con una comunicazione di dimissioni volontarie.

  2. hesp81
    Maggio 11, 18:41 Reply

    Buonasera,
    qualora l’azienda voglia contestare le motivazioni delle dimissioni per giusta causa addotte un dipendente, qual è la giusta procedura da attuare? Nel modello Unilav di cessazione il datore dovrà comunque indicare il giustificativo delle dimissioni per giusta causa o potrà indicare le dimissioni volontarie?

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.