fbpx

Un nostro lavoratore risulta positivo al tampone. Come dobbiamo procedere?

Un nostro lavoratore risulta positivo al tampone. Come dobbiamo procedere?

Abbiamo un nostro lavoratore che risulta positivo al tampone. Come dobbiamo procedere? Il periodo non rientra nel comporto?

Il lavoratore deve andare presso il proprio medico di base, per ricevere le prime indicazioni e cure. Questi provvederà ad inviare all’INPS, in modalità telematica, il certificato di malattia. Ad oggi, non ci sono disposizioni legislative che prevedono un trattamento diverso della malattia Covid rispetto alle altre malattie, per cui la durata della malattia dovrà essere computata nel comporto.

Leggi anche:

Con un figlio in quarantena a scuola, il lavoratore può chiedere un congedo?

I lavoratori che andranno all’estero per vacanza, sono considerati in malattia al rientro?

Quarantena dello studente e diritti dei genitori [E.Massi]

L’inizio del nuovo anno scolastico appare denso di incognite ed il rischio di positività degli studenti con obbligo di quarantena si riverbera direttamente sui genitori e sulla loro attività da lavoratori dipendenti

Esonero contributivo alternativo agli ammortizzatori covid-19: le indicazioni dell’Inps [E.Massi]

Il punto sulle novità introdotte dal D.L. n. 104/2020 in materia di ammortizzatori sociali e di esonero contributivo dal versamento dei contributi previdenziali per le aziende che non richiedono trattamenti di sostegno del reddito, in attesa del “placet” della Comunità Europea

COVID-19: procedure attive dell’Inps per congedi e permessi 104

L’Istituto di Previdenza ha emanato le procedure di compilazione e invio on line delle domande relative ai congedi e permessi 104 per l’emergenza COVID-19

Le tutele dei lavoratori a termine durante la pandemia [E.Massi]

Analisi approfondita su tutte le tutele messe in campo dell’esecutivo per i lavoratori con contratti a termine durante la crisi sanitaria da Covid-19

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 809 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

15 Commenti

  1. Aurora
    Novembre 16, 11:51 Reply

    Salve, sono risultata positiva durante il preavviso (15 gg dimissioni contratto a tempo determinato PA per vincita concorso). Al mio rientro, non ho potuto lavorare giorni più oltre a quelli previsti inizialmente dal preavviso, in quanto ho dovuto prendere servizio altrove. Ci sarà decurtazione stipendiale? Grazie

  2. Melania
    Novembre 16, 11:42 Reply

    Buongiorno, sono risultata positiva al covid durante il preavviso (15 gg contratto a tempo determinato P.A.). Una volta rientrata, ho lavorato solamente gli ultimi 4 giorni. Non ho potuto proseguire il rapporto di lavoro in quanto ho cambiato lavoro. I giorni di malattia covid durante il preavviso comporteranno una decurtazione stipendiale? Grazie

  3. Marisa
    Novembre 16, 11:41 Reply

    Buongiorno, sono risultata positiva al covid durante il preavviso (15 gg contratto a tempo determinato P.A.). Una volta rientrata, ho lavorato solamente gli ultimi 4 giorni. Non ho potuto proseguire il rapporto di lavoro in quanto ho cambiato lavoro. I giorni di malattia covid durante il preavviso comporteranno una decurtazione stipendiale? Grazie

  4. Antoz
    Settembre 14, 20:35 Reply

    BUONGIORNO, MI SONO RECATO A DUBAI IL 12/03/22 PER VACANZA DAL 12/03/22 AL 20/03/22.IL GIORNO 14/03/22 SONO RISULTATO POSITIVO AL COVID19 AL TEST PCR EFFETTUATO PER ENTRARE AL ABU DABI. PERTANTO HO SCARICATO L’ APP C19DXBSMART DI DUBAI PER I MALATI DI COVID19, HO INSERITO TUTTI I DATI RICHIESTI E MI SONO MESSO IN ISOLAMENTO PER 10GG, DAL 14/03/22 AL 23/03/22, COME DA DISPOSIZIONI LOCALI PER CASI CONFERMATI DI COVID19. AL RIENTRO IN ITALIA HO EFFETTUATO UN TAMPONE RAPIDO PER VERIFICARE COMUNQUE L’ ASSENZA DELLA MALATTIA POST QUARANTENA, RISULTANDO NEGATIVO. DATO CHE MI SONO AMMALATO DURANTE UNA VACANZA, VOLEVO CAPIRE SE I CERTIFICATI CHE MI HA RILASCIATO IL MINISTERO DELLA SALUTE DI DUBAI (CERTIFICATO TAMPONE PCR, CERTIFICATO DI ISOLAMENTO )POSSO ESSERE UTILIZZATI IN ITALIA PER CERTIFICARE LA MALATTIA ALL’ ESTERO, DATO CHE GLI EMIRATI ESSENDO PAESE EXTRA CEE NON VENGONO MENZIONATI NELLA GUIDA: CERTIFICAZIONE DI MALATTIA PER I LAVORATORI AVENTI DIRITTO ALLA SPECIFICA TUTELA PREVIDENZIALE CHE SOGGIORNANO TEMPORANEAMENTE IN UN PAESE ESTERO DELL’ INPS, E DATO CHE L’ INPS MI STA CONTINUAMENTE NEGANDO LA MALATTIA PER LA SEGUENTE MOTIVAZIONE:
    Gentile utente,
    con riferimento alla sua richiesta con numero di protocollo INPS.CCBFF.19/05/2022.1946302 del 19/05/2022 18:01:48,

    le comunichiamo quanto segue:

    Si ribadisce quanto già comunicato in relazione ai criteri di accesso al ristoro per i periodi di quarantena fruiti entro il 31.12.2021.
    Al contempo, si sottolinea che i periodi di malattia a cui Lei fa riferimento sono eventi differenti, sotto il profilo normativo e medico legale, da quelli di quarantena da Lei attestati.
    Con la presente, si può ritenere conclusa l’interlocuzione sull’argomento.
    Cordialmente,

    Dr. Leonardo Sammartano
    UOC medico legale territoriale INPS Monza

    Graize per una sua risposta in merito.

    • Roberto
      Settembre 18, 16:28 Reply

      Da quello che posso capire dalla risposta dell’Inps, la certificazione medica proveniente da Dubai fa riferimento esclusivamente alla quarantena e non alla malattia Covid.

  5. perseodonato
    Febbraio 08, 14:15 Reply

    Sono risultato positivo al Covid dopo la terza vaccinazione il giorno 01/02/2022 mentre avevo già un certificato di malattia che andava dal 31/01/2022 al 02/02/2022. Il mio medico a seguito della mia positività mi ha dato ulteriori 7 giorni di malattia dal 03/02/2022 al 09/02/2022. Oggi ho fatto il tampone molecolare con al USL e domani 09/02/2022 avro’ il risultato.
    Sono giusti i tempi di malattia, ho letto su un volantino della CRI che devono essere 7 giorni senza sintomi e 10 con i sintomi. E’ corretto? Per rientrare è sufficiente il tampone negativo ? Il Green Pass mi verrà riattivato subito ? Dovrò indossare la mascherina FFP2 al rientro ? Per quanto tempo ?

    • Roberto
      Febbraio 09, 08:54 Reply

      Deve avere un tampone negativo. Per la riattivazione del Green pass deve chiedere all’ASL. Dovrà indossare la mascherina all’interno dei locali di lavoro.

  6. Alessandro
    Gennaio 14, 10:20 Reply

    Il tampone positivo porta alla quarantena obbligatoria per disposizioni di legge. Saluti

    • Roberto
      Gennaio 15, 08:13 Reply

      Deve avvertire l’Asl, la quale emetterà un provvedimento di quarantena da presentare anche al suo medico ed al datore di lavoro.

  7. Robbie
    Novembre 18, 14:25 Reply

    durante il preavviso sono stato in malattia, prima per quarantena e poi per tampone positivo.
    L’azienda mi può trattenere dallo stipendio i giorni di preavviso non lavorati?
    Grazie.

    • Roberto
      Novembre 20, 08:38 Reply

      No, il preavviso doveva proseguire al fine di recuparare i giorni di malattia.

    • Manu8701
      Dicembre 15, 20:45 Reply

      Buonasera,dal 26 di ottobre sono stata messa in quarantena preventiva In quanto mio marito è risultato positivo al Covid,successivamente anche io ho contratto il virus e sono risultata positiva anche io,l’azienda però nonostante avesse i miei certificati prima di quarantena e poi di positività mi ha messo in cassa integrazione,facendomi così perdere ogni mio diritto..la cassa integrazione vince anche sulla malattia per positività al Covid?

      • Roberto
        Dicembre 17, 21:43 Reply

        Se durante la sospensione dal lavoro (cassa integrazione a 0 ore) insorge la malattia, il lavoratore continuerà ad usufruire delle integrazioni salariali.
        Qualora lo stato di malattia sia precedente l’inizio della sospensione dell’attività lavorativa si avranno due casi:
        – se la totalità del personale in forza all’ufficio cui il lavoratore appartiene ha sospeso l’attività, anche il lavoratore in malattia entrerà in CIG dalla data di inizio della stessa;
        – qualora, invece, non venga sospesa dal lavoro la totalità del personale in forza all’ufficio, cui il lavoratore appartiene, il lavoratore in malattia continuerà a beneficiare dell’indennità di malattia, se prevista dalla vigente legislazione.
        Infine, se la cassa integrazione è relativa ad una contrazione dell’attività lavorativa, quindi riguarda dipendenti lavoranti ad orario ridotto, prevale l’indennità economica di malattia.

  8. Alessandro
    Ottobre 13, 13:02 Reply

    Messaggio INPS 2584 del 24.06.2020

    …Il comma 1 dell’articolo 26 dispone l’equiparazione della quarantena alla malattia ai fini del trattamento economico previsto dalla normativa di riferimento.

    …Il comma 1 dispone anche che tali periodi non sono da computare per il raggiungimento del limite massimo previsto per il comporto nell’ambito del rapporto di lavoro (periodo durante il quale il lavoratore assente dal lavoro ha diritto alla conservazione del posto).

    • Roberto
      Ottobre 14, 08:24 Reply

      Nel quesito si parla di tampone positivo e non di quarantena. Il tampone positivo fa sì che il lavoratore sia considerato in malattia da Covid.

Lascia un commento