fbpx

È ancora possibile, nel 2020, fare dei contratti di collaborazione co.co.co.?

È ancora possibile, nel 2020, fare dei contratti di collaborazione co.co.co.?

Certo, è possibile stipulare un contratto di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.), avendo cura di prevedere le seguenti specifiche:

  • La professionalità, oggetto del contratto, deve essere medio-alta
  • Il contratto non deve avere ad oggetto l’ordinaria attività d’impresa, ma dev’essere caratterizzato da “specificità” differenziandosi da essa
  • Il collaboratore deve gestire autonomamente le modalità di esecuzione della prestazione lavorativa (no etero-organizzazione da parte del committente)
  • Non vi deve essere alcun assoggettamento al potere organizzativo, direttivo
  • Possibilmente, evitare l’uso di mesi di lavoro del datore di lavoro
  • Evitate una “retribuzione” fissa mensile
  • Nell’accordo non dovrà essere specificato alcun orario di lavoro fisso e continuativo

Leggi anche:

È possibile trasformare un contratto co.co.co. in Full time e Part time all’80%?

Un dipendente in azienda può avere, per una seconda attività da svolgere, anche un contratto co.co.co.?

Ho un contratto a termine con un lavoratore altamente specializzato, che scade il 31 ottobre. Posso, alla scadenza, riprenderlo come co.co.co.?

Decreto di Agosto: le nuove integrazioni salariali [E.Massi]

Una breve riflessione sulle integrazioni salariali post Covid-19 alla luce del nuovo Decreto Agosto approvato dal Consiglio dei Ministri

NASpI e licenziamenti nulli in periodo di sospensione: i chiarimenti dell’Inps [E.Massi]

I chiarimenti dell’Inps sulla questione del riconoscimento della NASPI in favore di chi è stato licenziato per giustificato motivo oggettivo in un momento in cui vigeva la sospensione dei licenziamenti

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 645 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quando si può parlare di concorrenza durante il rapporto di lavoro?

Si parla di concorrenza durante il rapporto di lavoro quando :

Un’azienda bulgara, con cui abbiamo un appalto, ha mandato un documento tradotto in italiano per dimostrare l’equivalenza delle retribuzioni tra i lavoratori dei due Paesi. È valido?

Abbiamo un appalto con una azienda bulgara. Questa azienda, per dimostrare che i lavoratori che verranno in Italia a lavorare verranno retribuiti come i nostri lavoratori, hanno inviato un documento

Un lavoratore che ha la cessione del quinto può aderire al fondo pensione complementare?

L’adesione è possibile anche in considerazione di quanto stabilito dal Ministero del Lavoro nell’interpello n. 51/2018. Il Ministero evidenzia la possibilità dell’adesione ad una forma pensionistica complementare anche in costanza

1 Commento

  1. PieLUCY
    Gennaio 15, 13:22 Reply

    Buongiorno dott. Camera,
    sono un ingegnere iscritto all’Albo , ma ho sempre lavorato da dipendente (con contributi previdenziali INPS versati), quindi non mi sono mai aperto una P.IVA e mai iscritto all’INARCASSA. Ora da inoccupato, mi hanno proposto un contratto da CO.CO.CO per 6 mesi per attività organizzative non legate all’attività specifiche dell’azienda che si occupa di Sicurezza sul lavoro. Volevo sapere se posso accettare, iscrivendomi alla Gestione Separata INPS con contributi precidenziali pagati dal committente per i 2/3 e Irpef pagata dal committente che in pratica redige una sorta di busta pagata, senza dover comunicare e pagare nulla ad INARCASSA. In attesa di una sua risposta.
    Grazie.
    Saluti

Lascia un commento