Un dipendente in azienda può avere, per una seconda attività da svolgere, anche un contratto co.co.co.?

Un dipendente in azienda può avere, per una seconda attività da svolgere, anche un contratto co.co.co.?

Ritengo che sia un rischio avviare un ulteriore contratto di lavoro con un soggetto che è già vostro dipendente.  I due rapporti si potrebbero talmente fondere che si potrebbero avere problemi relativamente, ad esempio, ai limiti previsti dalla normativa in materia di orario di lavoro e di riposi.

Per maggiori informazioni dal sito Inps riportiamo la descrizione del Contratto Co.co.co.

“COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI

I collaboratori coordinati e continuativi (c.d. co-co-co) sono anche detti lavoratori parasubordinati, perché rappresentano una categoria intermedia fra il lavoro autonomo ed il lavoro dipendente.

Essi lavorano infatti in piena autonomia operativa, escluso ogni vincolo di subordinazione, ma nel quadro di un rapporto unitario e continuativo con il committente del lavoro. Sono pertanto funzionalmente inseriti nell’organizzazione aziendale e possono operare all’interno del ciclo produttivo del committente, al quale viene riconosciuto un potere di coordinamento dell’attività del lavoratore con le esigenze dell’organizzazione aziendale”.

 

Leggi anche:

Ho un contratto a termine con un lavoratore altamente specializzato, che scade il 31 ottobre. Posso, alla scadenza, riprenderlo come co.co.co.?

Visto le restrizioni presenti nella Legge 96/2018 per i contratti a termine, posso sostituire detti contratti con contratti co.co.co.?

I 100 euro quale welfare aziendale previsto dal CCNL Industria Metalmeccanica lo devo concedere anche ai collaboratori co.co.co.?

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 534 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Come sono cambiate le sanzioni in materia di appalto dopo il decreto sulle depenalizzazioni?

Questa è una sintesi sulle modifiche, previste dal Decreto depenalizzazione (D.Lgs. n. 8/2016), in materia di appalto: Ai fini della applicazione delle norme previste dall’articolo 29 del D.Lgs. n. 276/2003,

Ho l’obbligo di emettere il Libro Unico del Lavoro per un tirocinante?

Il Vademecum sul libro unico del lavoro, predisposto dal Ministero del Lavoro nel 2008, non prevede l’obbligatorietà di iscrizione nel LUL dei tirocinanti. Detto ciò, qualora si corrisponda l’indennità di

Un familiare di tossico dipendente ha diritto all’aspettativa non retribuita?

L’art. 124 del DPR n. 309/1990 stabilisce che i lavoratori tossicodipendenti con contratto a tempo indeterminato ed i familiari di tossicodipendenti, possono godere di un’aspettativa non retribuita fino a 3

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento