fbpx

È possibile trasformare un contratto co.co.co. in Full time e Part time all’80%?

È possibile trasformare un contratto co.co.co. in Full time e Part time all’80%?

Da disposizioni Aziendali ricevute, vorremmo trasformare alcuni contratti di collaborazione (co.co.co) in atto da FULL TIME a PART TIME all’80%, è possibile?

Il collaboratore coordinato e continuativo (co.co.co) non è un dipendente e come tale non soggiace alle regole previste dal decreto legislativo 66/2003 sull’orario di lavoro. Il collaboratore non lavora ad ore ma ad obiettivi, né, tantomeno, esiste un collaboratore full time o part-time. Prevedere un accordo di riduzione dell’orario di lavoro potrebbe evidenziare una incongruità rispetto alle regole legislative su tale tipologia contrattuale.

Leggi anche:

Decreto di Agosto: le nuove integrazioni salariali [E.Massi]

Una breve riflessione sulle integrazioni salariali post Covid-19 alla luce del nuovo Decreto Agosto approvato dal Consiglio dei Ministri

La proroga obbligatoria del contratto a termine, della somministrazione e dell’apprendistato [E.Massi]

L’emendamento all’art. 93 del D.L. Rilancio, che modifica nuovamente la normativa sui contratti a termine, porta con sé un bagaglio di criticità che pone molti dubbi sull’efficacia operativa

NASpI e licenziamenti nulli in periodo di sospensione: i chiarimenti dell’Inps [E.Massi]

I chiarimenti dell’Inps sulla questione del riconoscimento della NASPI in favore di chi è stato licenziato per giustificato motivo oggettivo in un momento in cui vigeva la sospensione dei licenziamenti

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 703 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

2 Commenti

  1. PieLUCY
    Gennaio 16, 16:52 Reply

    Buonasera,
    sono un ingegnere iscritto all’albo , ma avendo sempre lavorato da dipendente, non mi sono mai iscritto all’INARCASSA e non ho mai avuto partita IVA – Ho avuto pagato i contributi INPS dalle aziende per le quali ho collaborato. Ora sono inoccupato e mi hanno proposto un contratto da CO.co.co ( per un ruolo non tecnico ma organizzativo) con pagamenti dei contributi previdenziali alla Gestione Separata INPS. Posso accettare senza problemi , nel senso che posso continuare a non iscrivermi ad INARCASSA senza comunicare nulla? .
    In attesa di una sua risposta.
    Grazie.
    Saluti Pietro

    • Roberto
      Gennaio 18, 21:35 Reply

      Può accettare la collaborazione e far confluire i contributi nella Gestione separata.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.