fbpx

È possibile trasformare un contratto co.co.co. in Full time e Part time all’80%?

È possibile trasformare un contratto co.co.co. in Full time e Part time all’80%?

Da disposizioni Aziendali ricevute, vorremmo trasformare alcuni contratti di collaborazione (co.co.co) in atto da FULL TIME a PART TIME all’80%, è possibile?

Il collaboratore coordinato e continuativo (co.co.co) non è un dipendente e come tale non soggiace alle regole previste dal decreto legislativo 66/2003 sull’orario di lavoro. Il collaboratore non lavora ad ore ma ad obiettivi, né, tantomeno, esiste un collaboratore full time o part-time. Prevedere un accordo di riduzione dell’orario di lavoro potrebbe evidenziare una incongruità rispetto alle regole legislative su tale tipologia contrattuale.

Leggi anche:

Decreto di Agosto: le nuove integrazioni salariali [E.Massi]

Una breve riflessione sulle integrazioni salariali post Covid-19 alla luce del nuovo Decreto Agosto approvato dal Consiglio dei Ministri

La proroga obbligatoria del contratto a termine, della somministrazione e dell’apprendistato [E.Massi]

L’emendamento all’art. 93 del D.L. Rilancio, che modifica nuovamente la normativa sui contratti a termine, porta con sé un bagaglio di criticità che pone molti dubbi sull’efficacia operativa

NASpI e licenziamenti nulli in periodo di sospensione: i chiarimenti dell’Inps [E.Massi]

I chiarimenti dell’Inps sulla questione del riconoscimento della NASPI in favore di chi è stato licenziato per giustificato motivo oggettivo in un momento in cui vigeva la sospensione dei licenziamenti

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 680 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Si può usare la CIGO per i lavoratori bloccati a casa dall’allarme coronavirus?

Siamo una grande azienda di Casalpusterlengo. È possibile utilizzare la Cassa integrazione (CIGO) per i lavoratori bloccati a casa dall’allarme del coronavirus? Il Ministero assicura che è possibile concedere, ai

Il Ticket licenziamento si applica anche in caso di risoluzione di un apprendista al termine del periodo formativo?

Il ticket licenziamento va corrisposto anche in caso di risoluzione, da parte del datore di lavoro, durante o al termine del periodo formativo. Infatti, l’Inps, con la circolare n. 44/2013

Mi dicono che non posso trasformare un contratto a termine in apprendistato? perché?

Il contratto di apprendistato, per quanto sia un contratto di lavoro a tempo indeterminato, è finalizzato alla occupazione ed alla formazione dei giovani. Proprio questo secondo aspetto non è secondario,

2 Commenti

  1. PieLUCY
    Gennaio 16, 16:52 Reply

    Buonasera,
    sono un ingegnere iscritto all’albo , ma avendo sempre lavorato da dipendente, non mi sono mai iscritto all’INARCASSA e non ho mai avuto partita IVA – Ho avuto pagato i contributi INPS dalle aziende per le quali ho collaborato. Ora sono inoccupato e mi hanno proposto un contratto da CO.co.co ( per un ruolo non tecnico ma organizzativo) con pagamenti dei contributi previdenziali alla Gestione Separata INPS. Posso accettare senza problemi , nel senso che posso continuare a non iscrivermi ad INARCASSA senza comunicare nulla? .
    In attesa di una sua risposta.
    Grazie.
    Saluti Pietro

    • Roberto
      Gennaio 18, 21:35 Reply

      Può accettare la collaborazione e far confluire i contributi nella Gestione separata.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.