Vanno riproporzionati i 3 giorni di permesso 104 quando l’azienda va in cassa integrazione?

Vanno riproporzionati i 3 giorni di permesso 104 quando l’azienda va in cassa integrazione?

Per quanto riguarda i permessi 104 / 1992 durante la Cassa integrazione, queste le casistiche che si possono riscontrare:

  • CIG a zero ore per l’intero mese – non spettano
  • CIG a zero ore per una parte del mese – vanno ridimensionati proporzionalmente. Questo quanto prescritto dalla circolare INPS n. 128/2003 e richiamato dal Ministero del lavoro con l’interpello n. 46/2008:  “L’applicazione del criterio comporta che quando l’assistenza sia inferiore a 10 giorni continuativi non dà diritto a nessuna giornata o frazione di essa. Anche per i periodi superiori a 10 giorni (es. 19) ma inferiori a 20 spetterà un solo giorno di permesso”.
  • CIG con riduzione di orario – sono dovuti tutti

Leggi anche:

I primi chiarimenti dell’Inps sui nuovi ammortizzatori previsti dal D.L. n. 104/2020 [E.Massi]

All’indomani del D.L. n. 104/2020, il cosiddetto Decreto Agosto, l’Inps fornisce i primi chiarimenti sull’operatività de seguire per i nuovi ammortizzatori sociali previsti

NASpI e licenziamenti nulli in periodo di sospensione: i chiarimenti dell’Inps [E.Massi]

I chiarimenti dell’Inps sulla questione del riconoscimento della NASPI in favore di chi è stato licenziato per giustificato motivo oggettivo in un momento in cui vigeva la sospensione dei licenziamenti

Autore

Roberto Camera
Roberto Camera 493 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti gli articoli di questo autore →