fbpx

Green Pass Rafforzato: si ottiene già dopo la prima dose?

Green Pass Rafforzato: si ottiene già dopo la prima dose?

Ho bisogno di avere una sua opinione sul tema del Green Pass Rafforzato, quello che serve dal 15 febbraio per l’accesso ai luoghi di lavoro degli over 50. A mio avviso per Green Pass Rafforzato si intende anche quello derivante dalla prima dose ma a partire dal 15esimo giorno dalla vaccinazione e solo fino alla seconda somministrazione.

La normativa di riferimento è l’art. 4-quinquies del decreto-legge n. 44/2021, come modificato dall’art. 1 del decreto legge n. 1/2022.

La disposizione prevede che dal 15 febbraio 2022 i lavoratori, per l’accesso ai luoghi di lavoro, devono possedere una delle certificazioni verdi COVID-19 previste dall’articolo 9, comma 2, lettere a), b) e c-bis) del decreto-legge n. 52 del 2021.

Queste sono:

  1. a) avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo;
    b) avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;
    c-bis) avvenuta guarigione dopo la somministrazione della prima dose di vaccino o al termine del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della relativa dose di richiamo.

L’avvenuta vaccinazione della prima dose non darà diritto all’accesso nei locali aziendali.

Per altre informazioni o chiarimenti, non perdere gli altri contributi di Roberto Camera.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 758 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

3 Commenti

  1. Roberto
    Febbraio 11, 11:01 Reply

    Sono d’accordo con Lei, il datore di lavoro deve verificare solo il possesso del Green pass rafforzato e non la quantità di vaccini fatti.

  2. anna
    Febbraio 11, 09:35 Reply

    Come lavoratore over 50 rientro nella casistica, ho fatto il vaccino perché non posso permettermi di essere sospesa e di essere licenziata per una fantomatica riduzione del personale al rientro dalla sospensione.
    Ho fatto il vaccino il 24.01.2022, ho tempo fino al 07.03.2022 per fare la 2° dose.
    Il mio green pass con una dose al controllo ad oggi risulta GREEN PASS RAFFORZATO, quindi se 1 dose non fosse sufficiente non passerebbe il controllo neanche adesso.
    Il datore di lavoro deve verificare se ho green pass rafforzato e non sapere quante dosi di vaccino ho fatto.
    Buona giornata

    • Roberto
      Febbraio 11, 11:06 Reply

      Sono d’accordo con Lei, il datore di lavoro deve verificare solo il possesso del Green pass rafforzato e non la quantità di vaccini fatti.

Lascia un commento