fbpx

Ccnl Meccanica. Lavoratore dimesso: obbligo di pagare il welfare dei 200 euro?

Ccnl Meccanica. Lavoratore dimesso: obbligo di pagare il welfare dei 200 euro?

Applico il Ccnl Meccanica industria. Lavoratore dimesso la scorsa settimana: sono obbligato a pagare il welfare dei 200 euro previsto dal contratto collettivo?

L’articolo di riferimento (art. 17 del CCNL Metalmeccanica Industria) specifica che il requisito “prìncipe”, per ricevere il welfare contrattuale, è che il lavoratore sia in forza al 1° giugno. In considerazione di ciò, ritengo che la successiva cessazione del rapporto di lavoro non pregiudica l’erogazione del welfare.

Per questa casistica (cessazione del lavoratore) può essere il caso di prevedere l’erogazione di un buono benzina o di un buono spesa del valore di 200 euro con l’emissione dell’ultima busta paga.

 

Nel dettaglio:

“Hanno diritto alla suddetta offerta di beni e servizi di welfare i dipendenti che abbiano un rapporto di lavoro in corso al 1° giugno o siano comunque assunti entro il 31 dicembre di ciascun anno, a condizione che abbiano superato la prova e che non siano in aspettativa non retribuita né indennizzata (aspettativa per malattia, per motivi di studio, ecc.) per tutto il periodo 1° giugno-31 dicembre.

Per i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato, è necessario, inoltre, aver maturato un’anzianità di servizio di almeno tre mesi complessivi nel corso di ciascun anno solare (1° gennaio – 31 dicembre).

Per i lavoratori a part-time il valore dei suddetti strumenti di welfare non è riproporzionabile in relazione al loro ridotto orario contrattuale.

Per quanto riguarda i lavoratori con contratto di somministrazione, in base al principio di non discriminazione di cui all’art. 35, primo comma, del Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, le aziende interessate provvederanno a comunicare alla società di somministrazione quanto stabilito dall’Accordo di rinnovo in materia di welfare.”

 

Leggi anche:

Nel 2020 devo corrispondere il welfare di 200 euro previsto dal Ccnl Meccanica?

Un lavoratore dimesso il 7 giugno ha diritto al welfare relativo al CCNL metalmeccanica (200 euro) o deve richiederlo al nuovo datore di lavoro?

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 694 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quando considero un lavoratore trasfertista?

L’articolo 7-quinquies, della Legge n. 225/2016 (di conversione del D.L. n. 193/ 2016), ha fornito una interpretazione autentica in materia di determinazione del reddito del lavoratore trasfertista. In particolare, per

Una agenzia di somministrazione Rumena mi propone manodopera straniera a prezzi molto più bassi rispetto alle agenzie italiane. Ci sono problemi se stipulo un contratto di somministrazione con loro?

Valuti con attenzione quanto prospettato dall’ agenzia per lavoro Rumena, in quanto lo stesso Ministero del Lavoro, con la recente circolare n. 14/2015, che la invito a leggere, ha evidenziato

Un mio cliente ha licenziato la domestica, deve pagare il contributo NASpI?

No, il contributo NASpI, previsto dall’articolo 2, comma 31, della Legge 92/2012 (cd. Riforma Fornero), in caso di licenziamento del lavoratore assunto a tempo indeterminato, non spetta al datore di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.