fbpx

Un lavoratore che si è licenziato il 7 giugno ha diritto al welfare relativo al CCNL metalmeccanica (200 euro) o deve richiederlo al nuovo datore di lavoro?

Un lavoratore che si è licenziato il 7 giugno ha diritto al welfare relativo al CCNL metalmeccanica (200 euro) o deve richiederlo al nuovo datore di lavoro?

Abbiamo un lavoratore che si è licenziato il 7 giugno: dobbiamo erogare il welfare relativo al CCNL metalmeccanica (200 euro), oppure può essere richiesto dal dipendente presso il nuovo datore di lavoro che ha lo stesso contratto? chiedo questo in quanto il dipendente in questione ha già ricevuto un buono welfare da CCNL in maggio e dovendone erogare un altro sarebbe nella condizione di sforare i 258,00 euro.

Essendo il lavoratore a tempo indeterminato alla data del 1° giugno 2019, ha diritto a ricevere il welfare, previsto dall’articolo 17 del CCNL Metalmeccanica Industria (200 euro per il 2019), indipendentemente dal fatto che successivamente a tale data abbia rassegnato le sue dimissioni e dal fatto che poi vada a lavorare presso altra azienda dello stesso settore.

Sarebbe il caso di prevedere un welfare diverso dal buono benzina o dal buono spesa, in modo che il fringe benefit non rientri tra le liberalità che prevedono un tetto massimo di 258,23 euro.

In data 27 febbraio 2017, Federmeccanica e Assistal con Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil hanno inserito, all’interno della Sezione Quarta – Titolo IV, del CCNL Metalmeccanica industria, il nuovo articolo 17 dal titolo: Welfare.

L’articolo, riprendendo quanto stabilito nell’accordo sottoscritto in data 26 novembre 2016, disciplina la materia del welfare aziendale alle seguenti condizioni.

Valori di welfare

A decorrere dal 1° giugno 2017, le aziende dovranno mettere a disposizione dei lavoratori strumenti di welfare (elencati, in via esemplificativa, nella tabella che segue), rispettando i seguenti valori:

  • dal 1° giugno 2017 – 100 euro,
  • dal 1° giugno 2018 – 150 euro,
  • dal 1° giugno 2019 – 200 euro.

Gli importi dovranno essere utilizzati entro il 31 maggio dell’anno successivo.

I valori suindicati si aggiungono all’eventuale piano welfare già presente in azienda, sia esso previsto da un accordo aziendale che fornito unilateralmente dall’azienda tramite, ad esempio, un Regolamento interno.

L’articolo 17, in modo poco chiaro, evidenzia che “in caso di accordi collettivi le Parti firmatarie dei medesimi accordi potranno armonizzare i criteri e le modalità di riconoscimento previsti dal presente articolo”. Detta indicazione sembra in contrasto con il periodo precedente che, come indicato, prevede che i valori contemplati dallo stesso articolo 17 si debbano aggiungere ai valori del piano di welfare, eventualmente già presente in azienda. In attesa di un chiarimento applicato in merito, ritengo che i 100 euro, previsti per il 1° giugno 2017, debbano essere ulteriori rispetto ad eventuali welfare già previsti nell’eventuale piano welfare presente in azienda.

Lavoratori

Hanno diritto ai valori di welfare suindicati i lavoratori, superato il periodo di prova, in forza al 1° giugno di ciascun anno o successivamente assunti entro il 31 dicembre di ciascun anno:

  • con contratto a tempo indeterminato;
  • con contratto a tempo determinato che abbiano maturato almeno 3 mesi, anche non consecutivi, di anzianità di servizio nel corso di ciascun anno (1° gennaio-31 dicembre).

Sono esclusi i lavoratori in aspettativa non retribuita né indennizzata nel periodo 1° giugno – 31 dicembre di ciascun anno.

I valori suindicati non vanno riproporzionabili nel caso si tratti di lavoratori con contratto a tempo parziale.

Inoltre, i valori sono comprensivi di eventuali costi fiscali o contributivi a carico dell’azienda.

Tipologia di welfare

Tenuto conto delle esigenze dei lavoratori, l’azienda si dovrà confrontare con la RSU/RSA per individuare una gamma di beni e servizi coerente con le caratteristiche dei dipendenti e finalizzata a migliorare la qualità della loro vita personale e familiare, privilegiando quelli con finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale, sanitaria o culto.

I lavoratori potranno destinare i suddetti valori, di anno in anno, al Fondo Cometa (previdenza complementare) o al Fondo MètaSalute (assistenza sanitaria integrativa), secondo regole e modalità previste dai medesimi Fondi, fermo restando che il costo massimo a carico dell’azienda non può superare i 100, 150 e 200 euro, rispettivamente per il 2017, 2018 e 2019.

  Vedi tabella riepilogativa Art. 17

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 694 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Azienda non fruisce di ammortizzatori: può procedere a licenziamenti?

L’azienda vorrebbe procedere ad un licenziamento per GMO di un dipendente assunto nel 2017. Si tratta di un’azienda che non ha, ad oggi, ammortizzatori sociali, ma potrebbe richiedere la CIG

Nel calcolo delle 30 giornate effettive di lavoro nei 12 mesi precedenti, per avere la NASPI, rientrano anche i giorni di malattia che hanno procurato il licenziamento per superamento del periodo di comporto?

Le giornate di lavoro effettivo per avere la NASPI sono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla loro durata oraria. In particolare, esse sono indicate nel flusso

Vorrei ricollocare un nostro ex dipendente neo pensionato all’interno dell’azienda, con un rapporto a tempo determinato. È possibile?

In merito al quesito, non esiste una controindicazione all’assunzione a termine di un ex dipendente. Tenga, comunque, presente che il Ministero del Lavoro ha evidenziato (con l’interpello n. 19/2009) come

49 Commenti

  1. Fede
    Settembre 03, 12:44 Reply

    Salve, ho lavorato per la mia vecchia azienda, con contratto metalmeccanico a tempo indeterminato, da 04/2019 a 02/2021: ho diritto ad avere il bonus welfare relativo all’anno 2020? Dovrei richiederlo alla mia vecchia azienda?
    Grazie
    Federica

    • Roberto
      Settembre 07, 22:09 Reply

      Sì, ha diritto al welfare dei 200 euro per l’anno 2020.

  2. Pina
    Agosto 30, 20:15 Reply

    Salve, io sono stato assunto in una nuova azienda il 1/04/21, il mio periodo di prova terminerà il 1/10, attualmente mi hanno detto che il tempo per richiedere il welfare è scaduto( mi hanno detto che la dead line per richiederlo era febbraio, ma non ero ancora loro dipendente) e che quindi non riceverò nulla da loro. Ho chiamato la mia ex azienda per chiedere se dovevano darmelo loro, e mi hanno detto che non essendo più loro dipendente loro non lo erogheranno. Cosa posso fare?

    • Roberto
      Settembre 07, 22:11 Reply

      Lei deve richiedere il welfare 2020 alla sua ex azienda (doveva essere erogato dal 1° giugno 2020 alla data di cessazione) ed il welfare 2021 alla nuova azienda al termine del periodo di prova.

  3. Ivano boglioni
    Agosto 05, 17:00 Reply

    Buongiorno sono in pensione dal1 luglio .welfar aziendale mi aspetta ugualmente.grazie

    • Roberto
      Agosto 11, 17:09 Reply

      Se alla data del 1° giugno era in servizio, sì.

  4. Ivano
    Agosto 05, 16:51 Reply

    Buongiorno sono in pensione dal 1 luglio .welfar aziendale mi aspetta ugualmente,avevo un contratto a tempo indeterminato grazie

  5. sancio23
    Luglio 19, 16:59 Reply

    Buonasera,
    Sono stato dipendente c/o azienda che applica ccnl metalmeccanica (da 20 anni), in data 30/06/2021 ho cessato il mio apporto lavorativo, con l’azienda tramite vertenza dove ho avuto un rimborso come incentivo all’esodo. Prima della cessazione vedevo sulla piattaforma welfare i miei importo pari a circa 350 euro dal primo luglio non riesco più ad entrare in piattaforma Welfare, la spiegazione è perchè ho cessato il rapporto di lavoro? E se cosi è o perso quell’importo o come devo fare per eventualmente richiederlo. Cordiali saluti.

    • Roberto
      Luglio 23, 14:55 Reply

      Ritengo di sì. All’interno dell’accordo conciliativo saranno sicuramente presenti delle formule di chiusura totale del rapporto di lavoro con evidenza, da parte sua, che null’altro deve avere dal rapporto di lavoro concluso.

  6. Alex
    Luglio 15, 13:25 Reply

    Ciao ti scrivo poiché l’attuale società (Azienda1) per cui lavoro e in cui sono assunto con contratto di CCNL metalmeccanico dal 07/01/2020 a tempo indeterminato in somministrazione presso ulteriore società (Azienda2) con contratto in vece a tempo determinato. Ho due domande:
    1. il bonus Welfare mi deve essere fornito da entrambe le società o solamente da quella che effettivamente mi versa lo stipendio e mi ha assunto a tempo indeterminato.
    2. L’ Azienda1 da giugno 2021 ancora non mi ha fornito il bonus Welfare di 200 euro, e anche sotto mia insistente richiesta trova scuse dicendo che devo attendere l’arrivo materiale dei buoni Edenred, inoltre a breve darò le mie dimissioni volontarie da entrambi ed inizierò un nuovo lavoro entro il 2 Agosto(15gg).
    Cosa posso fare perderò la possibilità di avere ed utilizzare il bonus ?

    • Roberto
      Luglio 15, 21:07 Reply

      La disposizione stabilisce che il datore di lavoro (che applica il Ccnl Metalmeccanica industria) deve mettere a disposizione la cifra dal 1° giugno. Probabilmente il ritardo è proprio dovuto al fatto che sta attendendo l’arrivo dei buoni. Nessun problema in caso di dimissioni, in quanto avrà comunque diritto a ricevere il welfare anche a rapporto cessato.

  7. Viola
    Luglio 14, 09:21 Reply

    Buongiorno Roberto,
    volevo chiederle se ho diritto ai buoni welfare, ho un contratto di somministrazione ma sono “in disponibilità” dallo scorso novembre (percepisco dunque un’indennità di disponibilità e non un normale stipendio).
    Grazie mille!

    • Roberto
      Luglio 15, 21:04 Reply

      Ritengo di no, in quanto non è “operativa” con una azienda del settore metalmeccanico industria.

  8. Davide
    Luglio 09, 14:21 Reply

    Buongiorno Roberto, ho dato le dimissioni il 07-06-2021 iniziando presso una nuova azienda il 09-06-2021 stesso settore.
    Ho diritto al Walfere della vecchia azienda?
    Settore metalmeccanico ho diritto anche al premio produzione variabile nella busta paga di giugno della vecchia azienda?
    Grazie mille

    • Roberto
      Luglio 09, 18:32 Reply

      Se intende il welfare previsto dall’art. 17 del Ccnl Metalmeccanica Industria, ritengo di sì.

  9. ccpensi
    Giugno 29, 12:40 Reply

    buongiorno se ho ricevuto il welfare dalla vecchia azienda nella quale mi sono licenziato il 15/06/2020 (speso), poi sono stato assunto nella nuova azienda stesso settore il 16/06/2020, ho diritto al doppio del welfare? quindi 400€? Non ho mai capito questa cosa, finora non li ho mai spesi nella piattaforma perché non vorrei andare in mora o doverli restituire.
    periodo di prova superato

    Grazie
    Saluti
    CG

    • Roberto
      Giugno 30, 18:57 Reply

      Sì, Lei ha diritto al welfare previsto dal Ccnl anche dalla nuova azienda.

  10. faster87
    Giugno 23, 11:17 Reply

    Buongiorno Roberto,
    una domanda. Sono stato assunto dall’azienda metalmeccanica il 03/06/2021. Dal 13/01/2021 ero in Naspi.
    Mi spetta il bonus welfare?
    Grazie mille

    • Roberto
      Giugno 23, 12:27 Reply

      deve passare il periodo di prova.

  11. Gianluca
    Giugno 22, 10:18 Reply

    Buongiorno,
    Avendo dato le dimissioni con data di fine rapporto al 2 agosto, ho diritto di ricevere l’intera somma a disposizione come welfare o questa dovrà essere frazionata in proporziona ai mesi lavorati?

    • Roberto
      Giugno 23, 10:12 Reply

      Andrà versato tutto l’importo.

  12. Elena
    Giugno 18, 12:46 Reply

    Ciao, il 1 giugno la mia attuale azienda mi ha erogato i 200 euro di welfare del ccnl metalmeccanico (su portale Edenred). Dal 1 agosto sarò assunta in una nuova azienda, sempre ccnl metalmeccanico. Se entro il 1 agosto non usufruisco dei 200 euro, ovvero li lascio come credito su tale portale Edenred, li perdo definitivamente, oppure potrò a gennaio 2022 accedere a tale portale e trasformare il credito in buoni acquisto? Grazie!! Lo chiedo perchè attualmente ho già sforato la soglia dei 258,23 euro e non posso staccare ulteriori buoni acquisto…

    • Roberto
      Giugno 18, 15:54 Reply

      Il welfare va consumato entro la fine del rapporto di lavoro. Ricordo che per il 2021 la soglia di esenzione è raddoppiata (516,46)

  13. DeepBlue68
    Giugno 09, 01:20 Reply

    Buonasera Roberto, 40 dipendenti a tempo indeterminato di una società che applica il ccnl metalmeccanico Assistal si dimettono il 5 luglio 2020 per essere tutti assunti, a far data dal 6 luglio 2020, da un’altra società che applica il medesimo contratto e senza periodo di prova. I 200 euro di welfare li ricevono solo dalla prima azienda, solo dalla seconda oppure da entrambe per intero (200€ dalla prima e 200€ dalla seconda)? Grazie.

  14. Maunik86
    Maggio 20, 08:19 Reply

    Buongiorno, mi sono dimesso il 30/04/21 dopo 5 anni di servizio presso l azienda,
    Vorrei sapere se avendo lavorato nel 2021 solo 4 mesi presso tale societá, mi spettano o meno i ticket welfare.
    Grazie per un riscontro
    Saluti

    • Roberto
      Maggio 23, 13:02 Reply

      Dipende da quanto previsto dal contratto collettivo che li ha disciplinati.

  15. Martina
    Aprile 08, 11:58 Reply

    Buongiorno Roberto,

    Sono stata assunta con contratto di apprendistato CCNL Metalmeccanica, in data 26/09/2019 con periodo di prova di un mese, quindi terminato il 26/10/2019.
    Avevo diritto al buono welfare di 200 € per l’anno 2019?

    Grazie

    • Roberto
      Aprile 10, 13:09 Reply

      No, non avendo completato il periodo di prova.

      • Martina
        Aprile 12, 11:30 Reply

        Buongiorno,

        No, il periodo di prova è terminato il 26/10/2019
        Assunzione 26/09/2019
        prova 1 mese dal : 26/09/2019 al 26/10/202
        dopodichè, dal 27/10/2019 è partito normalmente il mio contratto.

        • Roberto
          Aprile 12, 22:22 Reply

          Mi scusi, ho interpretato male il quesito. La risposta è no, in quanto alla data del 1° giugno 2019 non era in servizio.

  16. Martina
    Aprile 08, 11:44 Reply

    Buongiorno,
    Sono stata assunta il 26/09/2019 con contratto di apprendistato CCNL Metalmeccanica e periodo di prova di un mese, terminato quindi il 26/10/2019.
    Avevo diritto per l’anno 2019 del buono welfare da 200 €?

    Grazie

  17. Lolly
    Febbraio 09, 09:47 Reply

    Buongiorno Roberto, avrei una domanda: abbiamo un lavoratore assunto a tempo indeterminato il 1/10/2020 che terminerà il periodo di prova il 31/03/2021. Il buono gli spetta completo nel momento in cui termina il periodo di prova o va riproporzionato per i mesi di aprile e maggio? Poi a giugno 2021 gli verrà erogato un nuovo buono da 200€.

    • Roberto
      Febbraio 09, 22:19 Reply

      No, i 200 euro gli spetteranno per intero e non proporzionati, in quanto sono stati assunti prima del 31 dicembre.

  18. Manoj.Rollo
    Gennaio 04, 18:54 Reply

    Salve Roberto,
    Ancora non riesco a capire quando e come dovrebbe essere fornito il welfare per i Metalmeccanici, viene erogato nell’anno di competenza o nell’anno successivo?
    Il mio esempio, sono stato assunto indeterminato CCNL Metalmeccanici confapi il 1 luglio 2020, dovrei riceverlo adesso a Gennaio o avrei già dovuto riceverlo?

    • Roberto
      Gennaio 06, 15:27 Reply

      Il periodo entro il quale dovrà essere erogato dall’azienda è tra il 1° giugno e il 30 maggio dell’anno successivo. Non c’è una data precisa. Inoltre, Lei doveva prima superare il periodo di prova.

      • Manoj.Rollo
        Gennaio 10, 19:30 Reply

        Grazie mille Roberto, gentilissimo!
        Certo, solo una volta superato il periodo di prova si rientra tra i beneficiari.
        Perfetto, almeno adesso ho un tempo identificato, grazie!

  19. mblac
    Dicembre 10, 17:15 Reply

    Buongiorno,
    un dipendente che ha già usufruito del welfare presso l’azienda dove lavorava precedentemente, la nuova azienda deve comunque erogarglielo?
    grazie

    • Roberto
      Dicembre 11, 13:25 Reply

      Sì, se realizza le specifiche previste dall’art. 17 del Ccnl metalmeccanica industria (ad esempio non è in periodo di prova)

  20. Tamtam
    Dicembre 05, 16:21 Reply

    Salve
    ho lavorato dal 2013 al 20/08/2019 in un’azienda nel settore metalmeccanica…io fino adesso non ho visto i buoni welfare . Cosa posso fare per prenderli? Lo stesso problema con i miei figli che hanno lavorato per la stessa azienda…una dal 2014 al 28/09/2019 e l’altro dal 2015 al 20/07/2019….neanche loro hanno percepito niente…cosa posso fare??

    • Roberto
      Dicembre 09, 22:00 Reply

      Se l’azienda applica il Ccnl Metalmeccanica Industria, Lei può fare vertenza nei confronti dell’azienda, in quanto aveva diritto al welfare previsto dall’articolo 17 del ccnl, dal 2017.

  21. Eureka86
    Novembre 16, 14:36 Reply

    Salve Roberto,
    quindi per i contratti a tempo determinato devono maturare almeno 3 mesi nell’anno, quindi hanno dritto ai 200 euro gli assunti entro il 30/09/2019?
    grazie mille

    • Roberto
      Novembre 17, 08:40 Reply

      i lavoratori a termine devono aver maturato almeno 3 mesi anche non consecutivi di anzianità nel corso dell’anno.

  22. sayginer
    Ottobre 29, 23:46 Reply

    Salve.
    Questo anno di 2020, ho letto che tutte le aziende del settore metalmeccanici devono dare un welfare ai suoi dipendenti in forma di bonus spesa o carburanti…
    La mia domanda sarebbe questa; Io il 14/10/2020 ho dato al mio datore di lavoro di cui lavoro da 10 anni con un contratto a tempo inderteminato le mie dimissione volontarie. Pertanto vorrei sapere se ho il diritto di ricevere il welfare, che l’azienda ha rilassato a tutti i miei colleghi tranne che a me a causa delle dimissioni inoltrata.

    • Roberto
      Novembre 01, 12:42 Reply

      Sì, lei ha diritto a 200 euro in welfare, in quanto risultava in servizio alla data del 1° giugno.

  23. Filippo
    Settembre 15, 18:31 Reply

    chi è andato in pensione il 01/06/2020 spetta il buono da 200£
    grazie

    • Roberto
      Settembre 20, 08:47 Reply

      Ritengo che spetti qualora il 1° giugno lei era ancora in servizio. Se, viceversa, ha cessato il rapporto il 31 maggio per andare in pensione il 1° giugno, no.

  24. Silvia Benussi
    Settembre 11, 15:57 Reply

    Buongiorno Roberto, ho una domanda: abbiamo assunto un lavoratore ad aprile, che ha cessato il suo rapporto di lavoro in settembre (ancora in periodo di prova). Gli spetta il bonus welfare? A mio avviso no, ma attendo il suo esperto parere.
    Cordiali saluti,
    Silvia Benussi

    • Roberto
      Settembre 13, 11:10 Reply

      L’articolo 17 del CCNL Metalmeccanica industria prescrive l’erogazione del welfare ai lavoratori, una volta superato il periodo di prova.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.