fbpx

Può un dipendente essere eletto dal consiglio di amministrazione quale presidente della medesima società?

Può un dipendente essere eletto dal consiglio di amministrazione quale presidente della medesima società?

Può un dipendente essere eletto dal consiglio di amministrazione quale presidente della medesima società?

La carica di presidente non è incompatibile con lo status di lavoratore subordinato poiché anche il presidente di società è soggetto alle direttive, alle decisioni ed al controllo dell’organo collegiale.

A questo punto, la portata della delega, conferita dal Consiglio di amministrazione, sarà rilevante ai fini dell’ammissibilità o meno della coesistenza della carica con quella di lavoratore dipendente. Ad esempio, qualora vi sia una delega generale con facoltà di agire senza il consenso del CdA si ritiene che sia esclusa la possibilità di intrattenere un rapporto di lavoro subordinato. Viceversa, l’attribuzione del solo potere di rappresentanza ovvero di specifiche e limitate deleghe non è ostativo, in linea generale, all’instaurazione di genuini rapporti di lavoro subordinato.

Per maggiori informazioni, di seguito, l’art. art. 2380-bis c.c

Dispositivo dell’art. 2380 bis Codice Civile

La gestione dell’impresa si svolge nel rispetto della disposizione di cui all’articolo 2086, secondo comma, e spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l’attuazione dell’oggetto sociale.

L’amministrazione della società può essere affidata anche a non soci [23182382238523972417245524752542].

Quando l’amministrazione è affidata a più persone, queste costituiscono il consiglio di amministrazione.

Se lo statuto non stabilisce il numero degli amministratori , ma ne indica solamente un numero massimo e minimo, la determinazione spetta all’assemblea.

Il consiglio di amministrazione sceglie tra i suoi componenti il presidente, se questi non è nominato dall’assemblea.

Leggi anche: Un dipendente si è dimesso, è giusto accettare le dimissioni con una lettera tra le parti?

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un dipendente della nostra azienda ha presentato le dimissioni, ha un bimbo di età inferiore ai 3 anni, mi riferisce che la Direzione del Lavoro gli ha dato istruzioni di presentarsi …

Un dipendente della nostra azienda ha presentato le dimissioni, ha un bimbo di età inferiore ai 3 anni, mi riferisce che la Direzione del Lavoro gli ha dato istruzioni di

È corretto dire ad una azienda che è nullo il licenziamento di una lavoratrice che ha un figlio di 5 mesi?

Sì è corretto. Sono previste, comunque, delle eccezioni al divieto di licenziamento nel periodo cd. protetto (dal concepimento al compimento di un anno di età del bambino). In caso di:

Un dipendente ogni 2 settimane di domenica lavora max 30 min. È possibile pagargli un fisso alla volta e considerarlo come prestatore d’opera occasionale?

  Abbiamo un dipendente che ogni 2 settimane di domenica viene a lubrificare le macchine, sta tra i 15 e i 30 minuti, timbra. Non percepisce alcuna indennità. È possibile pagargli

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.