fbpx

Può un dipendente essere eletto dal consiglio di amministrazione quale presidente della medesima società?

Può un dipendente essere eletto dal consiglio di amministrazione quale presidente della medesima società?

Può un dipendente essere eletto dal consiglio di amministrazione quale presidente della medesima società?

La carica di presidente non è incompatibile con lo status di lavoratore subordinato poiché anche il presidente di società è soggetto alle direttive, alle decisioni ed al controllo dell’organo collegiale.

A questo punto, la portata della delega, conferita dal Consiglio di amministrazione, sarà rilevante ai fini dell’ammissibilità o meno della coesistenza della carica con quella di lavoratore dipendente. Ad esempio, qualora vi sia una delega generale con facoltà di agire senza il consenso del CdA si ritiene che sia esclusa la possibilità di intrattenere un rapporto di lavoro subordinato. Viceversa, l’attribuzione del solo potere di rappresentanza ovvero di specifiche e limitate deleghe non è ostativo, in linea generale, all’instaurazione di genuini rapporti di lavoro subordinato.

Per maggiori informazioni, di seguito, l’art. art. 2380-bis c.c

Dispositivo dell’art. 2380 bis Codice Civile

La gestione dell’impresa si svolge nel rispetto della disposizione di cui all’articolo 2086, secondo comma, e spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l’attuazione dell’oggetto sociale.

L’amministrazione della società può essere affidata anche a non soci [23182382238523972417245524752542].

Quando l’amministrazione è affidata a più persone, queste costituiscono il consiglio di amministrazione.

Se lo statuto non stabilisce il numero degli amministratori , ma ne indica solamente un numero massimo e minimo, la determinazione spetta all’assemblea.

Il consiglio di amministrazione sceglie tra i suoi componenti il presidente, se questi non è nominato dall’assemblea.

Leggi anche: Un dipendente si è dimesso, è giusto accettare le dimissioni con una lettera tra le parti?

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 656 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Una nostra dirigente, per motivi di natura personale, vorrebbe non avere più le responsabilità insite alla sua attività. Possibile una modifica delle mansioni?

Il nuovo art. 2103 c.c. (come rivisto dal Jbos Act) prevede che: “Nelle sedi di cui all’articolo 2113, ultimo comma, o avanti alle commissioni di certificazione di cui all’articolo 76

Ho l’obbligo di emettere il Libro Unico del Lavoro per un tirocinante?

Il Vademecum sul libro unico del lavoro, predisposto dal Ministero del Lavoro nel 2008, non prevede l’obbligatorietà di iscrizione nel LUL dei tirocinanti. Detto ciò, qualora si corrisponda l’indennità di

Vorrei sapere se è possibile effettuare le dimissioni attraverso un consulente del lavoro esterno alla mia azienda.

  Sono a conoscenza che è possibile effettuare le dimissioni tramite il consulente del lavoro. Vorrei sapere se devo andare presso il consulente dell’azienda oppure posso andare presso un qualsiasi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento