fbpx

Una partita IVA in regime forfettario può collaborare con un ex datore di lavoro?

Una partita IVA in regime forfettario può collaborare con un ex datore di lavoro?

Sono una partita iva che ha aderito al regime dei forfettari. È vero che non è possibile collaborare con il mio ex datore di lavoro?

Non può svolgere collaborazioni nei confronti di ex datori di lavoro, per il biennio di imposta precedente alla cessazione del rapporto di lavoro, ad esclusione dei soggetti che iniziano una nuova attività dopo aver svolto il periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni.

La preclusione riguarda anche i soggetti direttamente o indirettamente riconducibili al datore di lavoro.

Per maggiori informazioni, di seguito, che cosa si intende per regime forfettario e perché non è possibile collaborare con un ex datore di lavoro. Dal sito dell’Agenzia delle entrate:

La legge n. 190 del 2014, all’articolo 1, commi da 54 a 89, ha introdotto un regime fiscale agevolato, c.d. regime forfetario, rivolto ai contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni in possesso di determinati requisiti. La legge di bilancio 2019 ha modificato, con portata estensiva, l’ambito di applicazione del regime forfetario. Tra le altre modifiche apportate, si rileva la riformulazione di alcune delle cause ostative all’applicazione del regime forfetario e, per quanto concerne il quesito posto dall’istante, di quella di cui alla lettera d-bis) del comma 57 dell’articolo 1 della legge n. 190 del 2014 .In particolare, per quel che qui rileva, la lettera d-bis) del comma 57
prevede che non possono applicare il regime forfetario le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta.

Per ulteriori approfondimenti in materia di lavoro, segui l’editoriale curato dal nostro esperto Roberto Camera.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 647 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho letto su un giornale che per il 2019 mio marito potrà avere 5 giorni di congedo per la nascita di nostra figlia, mi può spiegare?

Il padre lavoratore dipendente, per l’anno 2019, ha diritto a 5 giorni di congedo obbligatorio da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del figlio o dall’ingresso in famiglia o

Ho una partita I.V.A. è possibile iscrivermi al centro per l’impiego come disoccupato?

Possono essere considerati privi di impiego ed iscrivibili al Centro per l’Impiego quali disoccupati, anche i soggetti in possesso di partita I.V.A. non movimentata negli ultimi 12 mesi, precedenti alla

Non indicando i rimborsi spese nel libro unico del lavoro sono sanzionabile?

Ho dimenticato di indicare i rimborsi spese nel libro unico del lavoro. Se lo faccio ora, sono sanzionabile? Il Ministero del Lavoro, nel vademecum sull’uso del Libro unico del lavoro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento