fbpx

Dopo 12 giorni di lavoro continuato si ha diritto a 2 giorni di riposo, è esatto?

Dopo 12 giorni di lavoro continuato si ha diritto a 2 giorni di riposo, è esatto?

Un nostro cliente, presso cui stiamo effettuando un lavoro in appalto (installazione), ci sta dicendo che il riposo compensativo va goduto entro i 14 giorni. In particolare, sottolineano che dopo aver effettuato 12 giorni di lavoro continuato, il lavoratore debba godere di 2 giorni lavorativi di riposo compensativo. È così?

Se per “riposo compensativo” Lei intende il riposo settimanale, questo è pari a 1 giorno ogni 7 giorni e va calcolato come media, in un periodo non superiore a 14 giorni, arrivando alla situazione limite di 12 giorni di lavoro consecutivi e 2 giorni di riposo concentrati alla fine.

L’ispettorato del lavoro effettua i controlli partendo dall’ultimo giorno di riposo settimanale fruito dal lavoratore e procedendo a ritroso, al fine di accertare se, nei 13 giorni precedenti, il medesimo lavoratore abbia goduto almeno di un altro giorno di riposo e così via per l’intero arco temporale oggetto di controllo.

Sono previste delle eccezioni:

  • attività di lavoro a turni, ogni volta che il lavoratore cambi turno o squadra e non possa usufruire, tra la fine del servizio e l’inizio del successivo, di periodi di riposo giornaliero o settimanale;
  • le attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata;
  • per determinate attività svolte dal personale che lavora nel settore dei trasporti ferroviari;
  • i contratti collettivi possono stabilire previsioni diverse, a condizione che siano accordati periodi equivalenti di riposo compensativo o, in casi eccezionali, sia accordata una protezione appropriata.

Mi meraviglio che l’azienda non si sia posta il problema del riposo settimanale, che vale anche per i lavoratori che effettuano attività di installazione.

Leggi anche:

Come viene calcolato il rispetto del periodo di riposo settimanale da parte dell’ispettore del lavoro?

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È obbligatorio il periodo di preavviso, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?

Il lavoratore può essere dispensato dal periodo di preavviso. In questo caso, però, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere l’indennità sostitutiva del preavviso che è pari alla retribuzione

Ho una azienda che sta utilizzando i voucher per lavoratori occasionali. Sono in regola?

Voucher per lavoratori occasionali. Se rispetta i massimali previsti dall’art. 48 del DLvo 81/2015e non svolge attività di appalto con quei lavoratori, ritengo che sia in regola. Le notizie che

Mi può spiegare per quale motivo la mia azienda mi chiede di comunicare la prima data di iscrizione AGO?

L’articolo 2, comma 18, della Legge n. 335/1995 dispone che per i lavoratori, privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, che si iscrivono per la prima volta a forme

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.