Come viene calcolato il rispetto del periodo di riposo settimanale da parte dell’ispettore del lavoro?

Come viene calcolato il rispetto del periodo di riposo settimanale da parte dell’ispettore del lavoro?
image_pdfimage_print

Così come chiarito dalla nota della Direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro, n. 19428 del 14 dicembre 2009, si ha rispetto della disposizione contenuta nell’articolo 9 del DLvo 66/2003 (riposo settimanale) quando partendo dall’ultimo giorno di riposo fruito dal lavoratore e procedendo a ritroso, nei 13 giorni precedenti, il medesimo lavoratore abbia goduto almeno di un altro giorno di riposo.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una lavoratrice che si deve dimettere e che si trova nell’anno di matrimonio. Le dimissioni online vanno effettuate comunque?

Il Ministero del Lavoro, con la circolare 12/2016, individua, in maniera specifica, i casi di esclusione della normativa in questione, nei quali non rientra l’ipotesi prospettata, né uguale esclusione può

Alessandro M. chiede: leggendo il testo del DL 34/2014 non riusciamo a capire se contratti già in essere a tempo determinato CON CAUSALE possano ora essere disciplinati dal nuovo contratto acausale (8 proroghe e 36 mesi)

R. Camera : ” Le rispondiamo in assenza di indicazioni ministeriali in tal senso: a  nostro avviso, è il caso di cessare il rapporto di lavoro a scadenza e riassumere il

Un’ azienda ha erogato la retribuzione in contanti a tutti i dipendenti. In caso di controllo a quanto ammonta la sanzione?

La sanzione amministrativa pecuniaria, in caso di violazione al divieto di pagamento delle retribuzioni in contanti , consiste nel pagamento di una somma da 1.000 euro a 5.000 euro. La sanzione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento