fbpx

INPS: modalità di presentazione della Cassa integrazione “con fatturato”

Le istruzioni operative per l’invio della domanda di Cassa integrazione ordinaria (CIGO), Cassa integrazione in deroga (CIGD) e assegno ordinario (ASO) denominata COVID 19 con fatturato

INPS: modalità di presentazione della Cassa integrazione “con fatturato”

L’INPS, con il messaggio n. 3525 del 1° ottobre 2020, fornisce le istruzioni operative per l’invio della specifica domanda di Cassa integrazione ordinaria (CIGO), Cassa integrazione in deroga (CIGD) e assegno ordinario (ASO) con la nuova causale denominata “COVID 19 con fatturato“.

La domanda potrà riguardare un massimo di 9 settimane che potrà riguardare periodi non anteriori al 14 settembre 2020 e non successivi al 31 dicembre 2020.

Mentre il ricorso alle prime 9 settimane di trattamenti è consentito indistintamente a tutti i datori di lavoro che riducono o sospendono l’attività lavorativa a causa dell’emergenza epidemiologica, il secondo ulteriore periodo di 9 settimane può essere richiesto esclusivamente dai datori di lavoro ai quali sia stato già interamente autorizzato il precedente periodo di 9 settimane e purché lo stesso sia integralmente decorso.

Per richiedere l’ulteriore periodo di 9 settimane di integrazione salariale (ordinaria o in deroga) e di assegno ordinario, i datori di lavoro dovranno presentare domanda di concessione dei trattamenti con una causale specifica, denominata “COVID 19 con fatturato”, con una dichiarazione di responsabilità, resa ai sensi di quanto previsto dall’articolo 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, in cui autocertificano la sussistenza dell’eventuale riduzione del fatturato.

Con la citata dichiarazione di responsabilità, contenuta all’interno della domanda di accesso ai trattamenti di CIGO, CIGD e ASO, i datori di lavoro, raffrontando il fatturato relativo al primo semestre 2020 rispetto al medesimo periodo del 2019, autocertificheranno di trovarsi in una delle seguenti condizioni:

  • non avere subito un calo di fatturato;
  • aver avuto un calo di fatturato inferiore al 20%;
  • aver subito un calo di fatturato pari o superiore al 20%;
  • avere avviato l’attività di impresa in data successiva al 1° gennaio 2019.

Per maggiori informazioni leggi anche:

Le integrazioni salariali del D.L. n. 104/2020 dopo i chiarimenti dell’Inps [E.Massi]

I primi chiarimenti dell’Inps sui nuovi ammortizzatori previsti dal D.L. n. 104/2020 [E.Massi]

Fonte: INPS

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 367 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Reintegrazione con cambio di sede: nuova sentenza della Cassazione

La nuova sentenza n. 14375/2016 della Corte di Cassazione ha affermato che è illegittimo il licenziamento di un lavoratore susseguente ad una reintegra, a seguito di precedente licenziamento, avvenuta in una sede

Governo: tutela del lavoro nell’ambito delle imprese sequestrate e confiscate

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 84 del 16 maggio 2018, ha approvato, in esame definitivo, due decreti legislativi di attuazione della legge 17 ottobre 2017, n. 161, recante

Voucher innovazione 2020 – Stanziati altri 46 milioni di euro a beneficio delle PMI

Voucher innovazione 2020 Stefano Patuanelli, ministro dello Sviluppo economico, ha firmato il decreto Ministeriale del 14 gennaio 2020 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 4 marzo 2020. Tale decreto aumenta

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento