fbpx

Nel contratto individuale di lavoro posso andare ad aumentare il periodo di prova?

Nel contratto individuale di lavoro posso andare ad aumentare il periodo di prova?

Il periodo di prova è regolamentato dalla contrattazione collettiva, in base alla categoria legale, alla qualifica, al livello e alle mansioni.

Una rimodulazione prevista dal contratto individuale, può essere fatta solo in senso migliorativo per il lavoratore attraverso una sua riduzione, in quanto il lavoratore potrà, così facendo, ottenere prima la definitività del rapporto. Viceversa, aumentare il periodo di prova è, a mio avviso, illegittimo in quanto il periodo previsto dalla contrattazione collettiva deve ritenersi un periodo massimo effettuabile in prova.

Per maggiori informazioni, di seguito l’art. 2096 Codice civile:

Dispositivo dell’art. 2096 Codice civile

Salvo diversa disposizione [delle norme corporative], l’assunzione del prestatore di lavoro per un periodo di prova deve risultare da atto scritto.

L’imprenditore e il prestatore di lavoro sono rispettivamente tenuti a consentire e a fare l’esperimento che forma oggetto del patto.

Durante il suddetto periodo ciascuna delle parti può recedere dal contratto, senza obbligo di preavviso o d’indennità. Se però la prova è stabilita per un tempo minimo necessario, la facoltà di recesso non può esercitarsi prima della scadenza del termine.

Compiuto il periodo, l’assunzione diviene definitiva e il servizio prestato si computa nell’anzianità del prestatore di lavoro.

Il periodo di prova deve avere una durata adeguata allo svolgimento delle mansioni per le quali il lavoratore viene assunto. I contratti collettivi pongono un limite massimo di durata, che può essere derogato per volontà delle parti, riducendo lo stesso.
Un periodo più lungo di quello ritenuto congruo dalle parti collettive può essere previsto solo per particolare complessità delle mansioni affidate al lavoratore in prova.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 694 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Smart working senza accordo: fino a quando?

È stata prorogata la possibilità di fare lo smart working semplificato senza accordo? Fino a quando? Il periodo di vigenza del cd. “smart working semplificato”, che prevede la possibilità di

Non sono riuscito a trovare, sul sito del ministero, il format obbligatorio per le dimissioni previsto dalla nuova normativa approvata a Settembre. Cosa devo fare?

La normativa sulle dimissioni a cui si fa riferimento è l’articolo 26 del decreto legislativo n. 151/2015 (c.d. decreto Semplificazioni). Per quanto la norma sia entrata in vigore il 24

Vorrei distaccare, presso la nostra filiale americana un lavoratore. Qual è la procedura da utilizzare?

Per quanto riguarda la normativa italiana, non vi è alcuna procedura specifica nel distaccare un lavoratore in una filiale estera. Il problema è il visto americano. Per quanto non sia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.