Licenziamento al termine del periodo di prova [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazioneCon ordinanza n. 18268 dell’11 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità di un licenziamento adottato al termine del periodo di prova, nonostante che il lavoratore interessato avesse prestato la propria opera con le stesse mansioni presso più datori di lavoro che si erano succeduti nell’appalto.

Secondo la Suprema Corte il patto di prova svolge la propria funzione di verifica del rapporto anche sotto l’aspetto fiduciario e non solo relativamente alla possibilità di svolgere determinate mansioni.

Il lavoratore, utilizzando le regole generali, può impugnare il recesso dimostrando l’esito positivo della prova o che lo stesso è dipeso, unicamente, da fatto illecito del datore di lavoro.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 269 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Governo: tutela del lavoro nell’ambito delle imprese sequestrate e confiscate

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 84 del 16 maggio 2018, ha approvato, in esame definitivo, due decreti legislativi di attuazione della legge 17 ottobre 2017, n. 161, recante

Sicurezza sul lavoro : i nuovi requisiti del formatore

Il 18 marzo 2014 è entrato in vigore il decreto interministeriale 6 marzo 2013 sui nuovi “requisiti minimi” che deve possedere il formatore della sicurezza nei confronti dei lavoratori, dei

Giustificazioni orali del dipendente [Cassazione]

Con sentenza n. 11895/2017, la Corte di Cassazione ha affermato che nell’iter procedimentale previsto dall’art. 7 della legge n. 300/1970 ed entro il termine di cinque giorni, il datore di lavoro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento