Ho firmato un patto di non concorrenza della durata di 3 anni e valido in tutta Europa, a fronte di un euro in più in busta paga. È giusto?

Ho firmato un patto di non concorrenza della durata di 3 anni e valido in tutta Europa, a fronte di un euro in più in busta paga. È giusto?

Il mio datore di lavoro mi ha fatto firmare un patto di non concorrenza che durerà 3 anni e che prevede il divieto di lavorare in tutte le aziende del mio settore, in tutta Europa. A fronte di questo, mi paga, in busta, un euro in più al mese. È giusto?

Una delle motivazioni che può portare un giudice a valutare la nullità del patto di non concorrenza è proprio la non congruità tra il corrispettivo mensile (nel suo caso) indicato in busta paga e i limiti imposti, all’ex lavoratore, dal patto stesso. Effettivamente non appare congruo il valore del patto di non concorrenza. Provi a sentire un legale in merito.

Di seguito un estratto del Codice civile riguardante il Patto di non concorrenza:

Dispositivo dell’art. 2125 Codice civile

Patto di non concorrenza

Il patto con il quale si limita lo svolgimento dell’attività del prestatore di lavoro, per il tempo successivo alla cessazione del contratto, è nullo se non risulta da atto scritto, se non è pattuito un corrispettivo a favore del prestatore di lavoro e se il vincolo non è contenuto entro determinati limiti di oggetto, di tempo e di luogo.

La durata del vincolo non può essere superiore a cinque anni, se si tratta di dirigenti, e a tre anni negli altri casi. Se è pattuita una durata maggiore, essa si riduce nella misura suindicata.

 

Per maggiori informazioni leggi anche qui

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 508 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Vogliamo erogare un patto di non concorrenza ad un ex dipendente dimessosi. Sul valore che daremo dovrà essere applicata la contribuzione?

Ritengo di sì. In tal senso si è espressa anche la Corte di Cassazione (sentenza n. 16489 del 15 luglio 2009), la quale ha affermato che il patto di non

I 100 euro in welfare per i lavoratori metalmeccanici, si devono dare anche ai somministrati?

I 100 euro , quale welfare da erogare ai propri dipendenti in virtù del nuovo articolo 17 previsto dal Ccnl Metalmeccanica Industria, devono essere riconosciuti anche ai lavoratori somministrati, ai sensi dell’art.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento