Ho sottoscritto, in maggio, un impegno all’assunzione per un contratto a tempo determinato per 24 mesi, con decorrenza 15/09/18. È valido l’impegno per evitare la causale?

Ho sottoscritto, in maggio, un impegno all’assunzione per un contratto a tempo determinato per 24 mesi, con decorrenza 15/09/18. È valido l’impegno per evitare la causale?
image_pdfimage_print

Ho sottoscritto, in maggio, con un lavoratore un impegno all’assunzione per un contratto a tempo determinato per 24 mesi, con decorrenza 15 settembre 2018. Posso ritenere valido questo impegno per non applicare le nuove regole previste dal decreto dignità ed evitare così di mettere la causale?

Di seguito la risposta del Dott. Roberto Camera:

La legge 96/2018, di conversione del decreto “dignità”, all’art. 1. comma 2, stabilisce che le nuove norme non si applicano ai rinnovi ed alle proroghe di contratti in essere o precedenti alla data del 14/07/2018, istituendo, così, un periodo transitorio fino al 31/10/2018. Nel caso prospettato, non risultando, tra le parti, precedenti rapporti a tempo determinato ed essendo, quindi, un “nuovo” contratto a termine, devono essere applicate le regole della legge dignità: massimo 24 mesi, 4 proroghe e, soprattutto, deve essere prevista una delle motivazioni contemplate dal 1° comma dell’art. 19, del DLvo 81/2015). Infatti, l’impegno all’assunzione non può essere considerato “contratto di lavoro”.

Per maggiori informazioni leggi anche: 24 mesi ma non per tutti: la durata massima del contratto a termine [E.Massi]

Estratto dal decreto legge n. 87/2018

[…] 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano ai contratti di lavoro a tempo determinato stipulati successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto, nonché ai rinnovi e alle proroghe dei contratti in corso alla medesima data.[…]

Estratto dal testo della legge 96/2018:

[…] 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano ai contratti di lavoro a tempo determinato stipulati successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto, nonché’ ai rinnovi e alle proroghe[…]

Per maggiori informazioni leggi anche:  Il regime transitorio nei contratti a tempo determinato nel settore privato [E.Massi]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una domestica che mi ha presentato le dimissioni. Devo aspettare che mi presenti le dimissioni telematiche per ritenerle valide?

No, le dimissioni presentate da lavoratori domestici (es. baby sitter, colf e badanti) non prevedono l’obbligatorietà delle c.d. dimissioni online (articolo 26, comma 7, decreto legislativo 151/2015). In generale, la

Sono un professionista che sta per stipulare un contratto di collaborazione con…

Sono un professionista che sta per stipulare un contratto di collaborazione con una pubblica amministrazione, la quale vuole inserire un termine di pagamento di 90 giorni. Ho saputo che ora

Dobbiamo mandare, per un breve periodo, in distacco un lavoratore per un interesse della nostra azienda. Dobbiamo richiedere l’autorizzazione del lavoratore?

E’ buona norma che l’azienda sottoponga al lavoratore una lettera che evidenzi i motivi del distacco e che venga sottoscritta per accettazione da quest’ultimo. Ci sono solo 2 avvertenze da seguire:

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento