Aver verificato la regolarità del DURC mi esime da quanto prevede il D.lvo 276/2003 in materia di responsabilità solidale?

Aver verificato la regolarità del DURC mi esime da quanto prevede il D.lvo 276/2003 in materia di responsabilità solidale?

L’aver acquisito il DURC e l’aver verificato che questo è regolare, mi esime, quale committente, da quanto prevede il secondo comma dell’articolo 29 del decreto legislativo 276/2003 in materia di responsabilità solidale. In pratica, abbiamo saputo che un lavoratore che lavorava nell’appalto era in nero.

Segue la risposta del Dott. Roberto Camera:

No, l’acquisizione del DURC non esonera l’impresa committente alla responsabilità solidale sui trattamenti retributivi (comprese le quote di trattamento di fine rapporto), nonché i contributi previdenziali e i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto. Nel caso specifico, l’impresa committente sarà responsabile con l’appaltatore per quanto attiene al pagamento delle retribuzioni e dei contributi non corrisposti. Inoltre, l’ispettore, in relazione al contratto di appalto stipulato tra le parti, potrebbe evidenziare due cose: una non genuinità dell’appalto, ovvero, un rapporto di lavoro irregolare con la sola azienda committente. Comunque, è il caso di farsi seguire da un consulente.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 502 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un contratto aziendale che prevede una Flessibilità oraria potrebbe portare uno sgravio contributivo come previsto dal Decreto interministeriale 12-9-2017 in materia di conciliazione vita-lavoro?

Purtroppo non ci sono i requisiti per richiedere le agevolazioni previste dal Decreto interministeriale 12 settembre 2017, in quanto mancano alcuni elementi fondamentali previsti dalla norma: Si deve trattare di Contratti

Ho un’azienda con 21 lavoratori a tempo indeterminato. Dopo la legge 78/2014 devo rispettare la c.d. stabilizzazione in caso di assunzione di apprendisti?

Ad oggi la stabilizzazione legale è prevista esclusivamente nelle aziende che hanno almeno 50 dipendenti. E’ possibile che il ccnl di riferimento preveda una stabilizzazione, per l’assunzione di apprendisti, con

Le PMI senza RSU possono adottare un contrattazione di 2° livello? Con quale procedura? Devono iscriversi ad un sindacato?

Per quanto riguarda le PMI senza RSU, si possono adottare 2 strade: stipulazione di un contratto collettivo territoriale di categoria che riunisca le aziende di un determinato settore con specifiche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento