La decontribuzione delle lavoratrici madri: il c.d. Bonus Mamma

Nella bozza della manovra finanziaria è prevista una misura che ha lo scopo di sostenere le madri lavoratrici che è stata già rinominata “bonus mamma”.

La decontribuzione delle lavoratrici madri: il c.d. Bonus Mamma

Bonus mamma Gevi Pro

In realtà, trattasi di uno sgravio contributivo per le lavoratrici che hanno dei figli.

Sono previste diverse modalità di applicazione a seconda dei requisiti posseduti dalle lavoratrici madri.

L’art. 37 della bozza di legge di bilancio denominato “Decontribuzione delle lavoratrici con figli” contempla due diverse misure per i periodi di paga dal 01 gennaio 2024 al 31 dicembre 2026.

La prima prevede l’esonero del cento per cento della quota dei contributi previdenziali a carico delle lavoratrici madri di 3 o più figli, con rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, con esclusione dei rapporti di lavoro domestico, fino al mese di compimento del diciottesimo anno di età del figlio più piccolo e nel limite massimo annuo di 3.000 euro annui ( 250,00 euro riparametrati su base mensile)…

Continua a leggere su gevipro.it

Autore

Pierluigi Buondonno
Pierluigi Buondonno 5 posts

Direttore Operativo di Generazione Vincente Professional con esperienza ultradecennale nel settore della consulenza del lavoro, outsourcing payroll e amministrazione del personale.

Vedi tutti gli articoli di questo autore →

0 Commenti

Non ci sono Commenti!

Si il primo a commentare commenta questo articolo!

Rispondi

Solo registrati possono commentare.