E’ possibile fare due lavori a part time e fino a che orario massimo?

ll cumulo di più rapporti di lavoro part time con più datori di lavoro è possibile, fermo il rispetto dei limiti di orario di lavoro posti a tutela del lavoratore come disciplinati dal D.Lgs. n. 66/2003 (massimo 48 ore la settimana).
A tal fine, anche se non esiste alcun divieto di essere titolari di più rapporti di lavoro non incompatibili, il lavoratore ha l’onere di comunicare ai datori di lavoro l’ammontare delle ore in cui può prestare la propria attività nel rispetto dei limiti
indicati e fornire ogni altra informazione utile in tal senso (vedi circolare Ministero del lavoro n. 8/2005).
Per quanto riguarda la questione relativa al trattamento delle ore che superano le 40 settimanali, queste vanno calcolate in merito al singolo rapporto di lavoro, per cui si ritiene che non si debbono applicare maggiorazioni.
Infine, per quanto riguarda il riposo settimanale, il Ministero del Lavoro con un interpello del 2006 ha confermato che “nelle ipotesi di cumulo di più rapporti di lavoro a tempo parziale con più datori di lavoro, resta fermo l’obbligo del rispetto dei limiti di orario di lavoro e del diritto al riposo settimanale del lavoratore, come disciplinati dal d.lgs. n. 66/2003”.

Nei commenti a seguire è possible leggere ulteriori specificazioni  sul tema da parte dell’autore.


Autore

Roberto Camera
Roberto Camera 529 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti gli articoli di questo autore →

1.183 Commenti

  1. Buongiorno, un dipendente ha inviato dimissioni telematiche con data fine rapporto 30/4. Tuttavia ha richiesto al datore di lavoro di essere esonerato da parte di preavviso, concludendo il rapporto il 15/4. L’azienda ha però richiesto che il lavoratore presti attività fino al 22/4. Dal momento che il lavoratore deve iniziare presso il nuovo datore di lavoro dal 16/4 cosa può fare il lavoratore, considerando che il datore di lavoro non intende considerare come data di cessazione il 15/4? Cosa comporterebbe in capo al lavoratore non presentarsi al lavoro presso attuale datore di lavoro e venire assunto dal nuovo dal 16? Il lavoratore avrebbe in essere per un breve periodo(max 2 settimane) due rapporti di lavoro full time (con prestazione lavorativa solo nel nuovo rapporto di lavoro ) grazie Es

    • Partendo dal presupposto che un lavoratore non può avere due rapporti full time in essere, la cessazione anticipata, rispetto al preiodo di preavviso dovuto, comporterà che l’azienda addebiterà al dipendente l’indennità di mancato preavviso per il residuo di preavviso non lavorato.

  2. matte5
    Maggio 23, 11:33

    Buongiorno, volevo fare una domanda. Al momento ho un contratto indeterminato part-time di 36 ore che non prevede nessun tipo di straordinario. Mi è stato proposto un altro part-time di 12 ore – quindi 48 ore settimanali in tutto – all’interno del quale però sono previsti straordinari. Qualora dovessi accettare e dovessi, qualche volta, fare ore oltre le 48, commetto un illecito? a quali sanzioni si va incontro?

  3. frank
    Maggio 13, 15:01

    Buongiorno gentilissimo, io ho due contratti part time , uno di 20hrs e l’altro sempre da 20hrs.
    Il primo lavoro è dal lun fino al venerdi, mentre l’altro è dal mercoledi alla domenica.
    In poche parole , non ho il giorno libero. la mia domanda è se sono obbligato ad avere il giorno libero o meno? a me non interessa avere il giorno libero, ma non vorrei avere sanzioni per questo

    • Roberto
      Maggio 19, 21:39

      Il giorno di riposo è importante per il suo recupero psico-fisico. Le avrebbe dovuto avvertire il suo primo datore di lavoro dell’avvio del secondo rapporto di lavoro, in modo da rivedere gli orari e permettere il giorno di riposo. Detto questo, non esiste una sanzione, per mancato riposo, in capo al lavoratore.

  4. Jenny
    Aprile 11, 14:38

    Buonasera. Vorrei sapere per favore, ho un contratto di 12 ore e mi hanno proposto un’altro contratto uguale, con il nuovo contratto devono assicurarmi dal mio stesso livello in qui già sono inquadrata o possono iniziare comunque da 5 nonostante gli anni di esperienza?

    • Roberto
      Aprile 11, 16:35

      Innanzitutto, verifichi la compatibilità della seconda prestazione di lavoro in relazione all’orario di lavoro ed alla possibile concorrenza con il primo datore di lavoro. Per quanto riguarda il livello, va contrattato con la nuova azienda.

  5. Roberto
    Marzo 09, 11:23

    È alquanto anomalo stipulare due rapporti di lavoro, per quanto a tempo parziale orizzontale, con lo stesso datore di lavoro. Per aumentare le ore di lavoro ritengo che sia il caso che i due rapporti di lavoro vengano accorpati in uno solo, rivedendo l’orario di lavoro nel massimale ordinario delle 40 ore settimanali.

  6. Buonasera ho due contratti part-time a tempo indeterminato AGIDAE (Tempo parziale di tipo orizzontale) presso lo stesso datore di lavoro, uno da 20 ore settimanali e l’altro da 21 ore settimanali.

    Quanto è il massimo monte ore che posso fare settimanalmente?

    Posso chiedere di portarmi un contratto da 20 ore a 25 ore settimanali?

    Leggevo che in presenza di 2 contratti di lavoro part-time le ore possono non possono essere superiori a 48.

    Grazie

1 53 54 55

Rispondi

Solo registrati possono commentare.