Con la legge 85/2023 non dovrò applicare la causale nei rinnovi?

Roberto Camera risponde al quesito di un utente

Con la legge 85/2023 non dovrò applicare la causale nei rinnovi?

Con la legge 85/2023 non dovrò applicare la causale nei rinnovi?

Nei primi dodici mesi di rapporto a termine (effettuato con un unico contratto ovvero con più contratti) non è obbligatorio inserire una causale per l’avvio del contratto di lavoro.

La legge 85/2023 ha modificato la disciplina dei contratti di lavoro a termine, riscrivendo il sistema della causale. Ferma restando la acausalità del contratto di durata inferiore all’anno, per i contratti di durata compresa tra i 12 e 24 mesi, l’apposizione del termine è giustificata da esigenze di natura tecnica, organizzativa o produttiva individuate dalle parti. Per i contratti di durata superiore ai 24 mesi, l’apposizione del termine è giustificata da esigenze sostitutive, stagionali o temporanee individuate dalle parti. La legge ha inoltre previsto che i contratti a termine stipulati in violazione delle disposizioni di legge possono essere trasformati in contratti a tempo indeterminato su istanza del lavoratore.

Autore

Roberto Camera
Roberto Camera 487 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti gli articoli di questo autore →