Posso trasformare un contratto di collaborazione a progetto in contratto autonomo a partita IVA?

Posso trasformare un contratto di collaborazione a progetto in contratto autonomo a partita IVA?
image_pdfimage_print

E’ possibile  trasformare un contratto di collaborazione a progetto in contratto autonomo a partita IVA. Tenga presente che alla forma deve seguire la sostanza. In pratica, il rapporto di lavoro deve essere svolto da un soggetto con competenze e professionalità adeguate e che le caratteristiche delle prestazioni non devono contenere quegli indici di subordinazione proprio di un contratto da dipendente.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono i Permessi retribuiti previsti dall’art. 4, comma 1, della legge n. 53/2000 di cui il lavoratore può beneficiare?

Il D.M. 21 luglio 2000, n. 278 regolamenta la fruizione del congedo, mentre con risposta ad interpello prot. n. 16754 del 25 novembre 2008, il superiore Ministero ha fornito precise

Con la risoluzione consensuale del contratto devo pagare il ticket licenziamento?

Con un lavoratore sono andato presso l’ispettorato del lavoro a fare un accordo conciliativo per risolvere il rapporto di lavoro. L’accordo si è concluso con una risoluzione consensuale. Come azienda,

Nel contratto intermittente, oltre a fare la comunicazione all’ispettorato del lavoro, devo fare una comunicazione scritta anche al lavoratore ogni qualvolta viene chiamato?

Non esiste una disposizione di legge che prevede questa comunicazione al lavoratore. Può essere una informativa utile per avvalorare

2 Commenti

  1. maria elisena gatto
    dicembre 29, 09:50 Reply

    Es : contratto di associazione in partecipazione che prevede che il rapporto scade il 31 dicembre di ogni anno ed è tacitamente rinnovabile a scadenza per un anno. Secondo me dal primo gennaio 2016 non può essere rinnovato, stante le nuove regole, alcuni colleghi dicono che il “tacitamente rinnovabile” lo rende praticamente privo di scadenza e che quindi l’associazione in partecipazione può continuare ad esistere …….

    • Roberto
      dicembre 30, 11:35 Reply

      Sono d’accordo con Lei. La scadenza è il 31 dicembre 2015 e come tale, per quanto il rinnovo sia tacito, ritengo ce non si possa rinnovare.

Lascia un commento