Si applica ai Dirigenti la normativa sull’ orario di lavoro ?

image_pdfimage_print

Le disposizioni vigenti in materia di orario di lavoro si applicano al personale con qualifica dirigenziale soltanto con riferimento ai riposi settimanali, alle ferie ed alle limitazioni eventuali del lavoro notturno (art. 17, comma 5, D.L.vo n. 66/2003, in quanto non sussiste l’esigenza di un limite orario essendo lo stesso retribuito in relazione alla qualità ed all’obiettivo assegnato, non suscettibile di remunerazione commisurata a tempo (Corte Cost., 7 maggio 1975, n. 101). Tuttavia, se la prestazione supera i limiti della ragionevolezza, con problemi all’integrità psico-fisica, il Dirigente va remunerato se ciò è provato in giudizio (Cass., 14 febbraio 2011, n. 3607).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È obbligatorio depositare al Ministero del Lavoro il premio di risultato per usufruire della detassazione?

Abbiamo un accordo aziendale, siglato a novembre 2018, che prevede un premio di risultato che, per quest’anno, è incrementale rispetto agli indicatori previsti dal contratto stesso. Il problema è che

Per un lavoratore in pensione dal 1 settembre, è pensabile utilizzare i voucher per qualche ora di collaborazione, al fine di completare il passaggio di consegne?

Ordinariamente, non sarebbe il caso di attivare un rapporto di lavoro con un neopensionato, in quanto l’Inps, per erogare la pensione, vuole un periodo di “buco” contributivo. Nel caso di

Un addestratore di cani per dare lezioni private come deve agire per essere in regola con il fisco e la previdenza?

In merito al quesito relativo alla gestione delle lezioni private, queste le possibili alternative: PRESTAZIONI OCCASIONALI – art. 54 bis, legge n. 96/2017 (sostitutive dei c.d. voucher) La procedura prevede

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento