E’ possibile assumere una persona in sostituzione di una lavoratrice che dovrà andare in maternità, prima dell’inizio della maternità stessa?

esperto_camera

Sì, è possibile iniziare un rapporto a tempo determinato in sostituzione di una lavoratrice madre anticipatamente rispetto al congedo di maternità. L’art. 4 del TU sulla maternità, infatti, prevede la possibilità che la sostituta inizia a lavorare “con anticipo fino ad un mese rispetto al periodo di  inizio  del  congedo,  salvo  periodi  superiori  previsti  dalla contrattazione collettiva“.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Roberto Camera

A cura di : Roberto Camera

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Potrebbero interessarti anche:

6 thoughts on “E’ possibile assumere una persona in sostituzione di una lavoratrice che dovrà andare in maternità, prima dell’inizio della maternità stessa?

  1. LUCIANA

    Buongiorno Dottore,
    ho un contratto a tempo determinato in sostituzione di maternità . Sulla lettera di assunzione vi e’ indicata come scadenza del contratto 20/06/2017, NON VI E’ INDICATO e comunque fino al rientro della dipendente assente….
    La mia domanda è : allo scadere del contratto posso rifiutare la proroga senza incorrere in penali di alcun genere?
    Premetto che in corso di rapporto di lavoro avevo trovato un impiego a tempo indeterminato a cui ho dovuto rinunciare perchè il datore di lavoro mi aveva chiesto il risarcimento del danno pari ai mesi di retribuzione mancanti fino allo scadere del contatto a termine .
    Nel caso dovessi rifiutare la proroga ( ho problemi familari) , posso accedere alla NASPI allo scadere del contratto ? Se l’attuale datore di lavoro a settembre/ottobre dovesse avere ancora bisogno in quanto la dipendente assente per maternità usufruirà della maternità facoltativa, potrà riassumermi in sostituzione della stessa ed usufruire ancora delle agevolazioni contributive del 50% ?
    La ringrazio anticipatamente e Le porgo distinti saluti.

    • RobertoRoberto

      Se nel contratto è precisata una data che non è collegata al rientro del lavoratore/trice assente, non si tratta di un tempo determinato per sostituzione ma di un contratto a termine ordinario. In questo caso, non è obbligata a confermare la proroga e può rescindere il contratto alla scadenza naturale (20.6.2017). Alla cessazione, potrà usufruire della NASpI qualora abbia i minimi contributivi e di durata previsti dalla normativa.

  2. TERESA

    Buongiorno,
    una dipendente in mobilità dal 2014 viene assunta nell’anno 2017 con un contratto a termine; durante il rapporto di lavoro ha un lunga malattia e al termine del contratto a termine non viene rinnovato.
    A tal proposito la malattia sarà pagata dall’INPS ? Pare ci sia una discordanza di pareri… e la mobilità si riprende?
    Grazie mille

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)