Cosa si intende per lavoratori discontinui ?

image_pdfimage_print

Assumono la caratteristica di lavoratori discontinui quei prestatori che svolgono la loro attività attraverso un impegno non continui e che, di conseguenza, godono durante l’orario di momenti di inoperosità, oltre ai lavoratori che svolgono attività di attesa o custodia., L’elencazione delle attività discontinue a cui faceva riferimento il R.D. n. 2657/1923 non è suscettibile di estensione analogica se non attraverso la contrattazione collettiva. La durata della prestazione settimanale è prevista dai vari CCNL ma anche per loro si applica il tetto massimo delle 48 ore medie.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho un contratto a termine con un lavoratore altamente specializzato, che scade il 31 ottobre. Posso, alla scadenza, riprenderlo come co.co.co.?

Sono molto dubbioso sulla stipula di un contratto co.co.co. immediatamente dopo un contratto subordinato, per quanto a termine. Soprattutto in questo periodo, ove molte aziende stanno cercando l’alternativa al rapporto

Se il lavoratore usufruisce del welfare a fronte del PDR detassato, l’azienda deve avere dimostrazione che si sia trattato di una scelta oppure quest’ultima può imporre il benefit rispetto al pagamento in contanti?

Al fine di porre chiarezza sull’argomento in questione ( welfare e PDR ) e definire proficuamente la procedura idonea per la detassazione e l’eventuale decontribuzione, prevista dalla legge di Stabilità

Le PMI senza RSU possono adottare un contrattazione di 2° livello? Con quale procedura? Devono iscriversi ad un sindacato?

Per quanto riguarda le PMI senza RSU, si possono adottare 2 strade: stipulazione di un contratto collettivo territoriale di categoria che riunisca le aziende di un determinato settore con specifiche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento