Cosa si intende per pausa durante l’orario di lavoro?

image_pdfimage_print

L’art. 8 del D.L.vo n. 66/2003 e la circolare del Ministero del Lavoro n. 8/2005 spiegano chiaramente che allorquando l’orario giornaliero supera le 6 ore, il lavoratore ha diritto ad una pausa, non inferiore a 10 minuti consecutivi, finalizzata al recupero delle energie psico-fisiche. La determinazione del momento di godimento è rimessa al datore di lavorio che la può collocare, tenuto conto delle esigenze tecnico organizzative, anche alla c.d. “ pausa pranzo ”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per i contratti “ stagionali ” si applica il limite delle 5 proroghe ?

Sì, i contratti a tempo determinato stipulati durante il periodo della stagionalità, così come prevista dal DPR 1525/1963 o dalla contrattazione collettiva di riferimento, devono rispettare il limite delle 5

Per tutte le assunzioni a tempo indeterminato effettuate dopo il 7 marzo 2015 si applica il contratto a tutele crescenti ?

Sì, a tutte le assunzioni e le trasformazioni a tempo indeterminato effettuate dal 7 marzo 2015 si applica il nuovo contratto a tutele crescenti

Cambierà qualcosa con la Naspi ?

La Nuova Aspi ( Naspi )è prevista da un decreto applicativo del c.d. Jobs Act (Legge n. 183/2014), di prossima pubblicazione in gazzetta ufficiale. Dovrebbe essere operativo dal mese di maggio

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento