fbpx

Bonus 200 euro: ho un lavoratore dipendente che è già in pensione. È l’INPS a pagare il bonus?

Roberto Camera risponde al quesito di un utente

Bonus 200 euro: ho un lavoratore dipendente che è già in pensione. È l’INPS a pagare il bonus?

Bonus 200 euro: ho un lavoratore dipendente che è già in pensione. Ci pensa l’INPS a pagare il bonus?

Sì, il datore di lavoro deve richiedere una dichiarazione al dipendente che vada ad ufficializzare la titolarità di un trattamento pensionistico. Una volta ricevuta la dichiarazione, l’azienda non avrà l’obbligo di pagare l’indennità una tantum di 200 euro.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 782 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

6 Commenti

  1. Raffaella Simonetto
    Agosto 03, 11:57 Reply

    Buongiorno, il dipendente titolare di pensione di invalidità inail ha diritto al bonus ? Viene corrisposto dal datore di lavoro in questo caso ( stante il possesso degli altri requisiti) o dall’Inail ? Grazie

    • Roberto
      Agosto 03, 13:28 Reply

      Ritengo di no. Veda quanto scritto dall’Inps nella circolare 73/2022: L’indennità una tantum non è erogata ai soggetti titolari di rendite (ad esempio, INAIL).

  2. Raffy
    Luglio 08, 16:46 Reply

    Anche in caso di pensione di reversibilità è l’INPS a pagare il BONUS?

    • Roberto
      Luglio 12, 22:33 Reply

      Se la persona è dipendente, sarà il datore di lavoro ad erogare il bonus.

  3. Riccardo
    Luglio 07, 21:45 Reply

    Lavoratore in congedo straordinario dlgs 151 2001 dal 1 gennaio 2022 che non ha mai beneficato dell’esonero 0,8 % dei contributi IVS a proprio carico, ha diritto ai 200 euro a luglio?

    • Roberto
      Luglio 12, 22:37 Reply

      Purtroppo questa casistica non è stata chiarita dall’INPS. Mancherebbe uno dei requisiti prescritti dalla normativa: percezione dell’agevolazione dello 0,80%

Lascia un commento