fbpx

Cassazione: criteri di scelta nei licenziamenti collettivi

Cassazione: criteri di scelta nei licenziamenti collettivi

Con ordinanza n. 36451 del 24 novembre 2021, la Corte di Cassazione è intervenuta in merito ai criteri di scelta dei lavoratori da licenziare in procedure di licenziamenti collettivi, affermando che le parti possono legittimamente differire da quelli proposti dal legislatore. Nel caso specifico, le parti sociali avevano individuato i lavoratori da licenziare unicamente tra quelli presenti all’interno della sola unità produttiva da dismettere.

I giudici della Suprema Corte hanno confermato che nell’ambito di un licenziamento collettivo è legittima l’adozione concordata tra le parti sociali di criteri di scelta dei lavoratori da licenziare anche difformi da quelli legali, purché rispondenti a requisiti di obiettività e razionalità. Inoltre è del pari legittima la scelta di escludere dalla comparazione i lavoratori di equivalente professionalità che siano però addetti ad unità produttive non soppresse dislocate sul territorio nazionale in quanto la circostanza, da accertarsi in concreto e nello specifico verificata, che il mantenimento in servizio dei dipendenti appartenenti all’unità soppressa esigerebbe il loro trasferimento in altra sede, con aggravio di costi per l’azienda e interferenza sull’assetto organizzativo.

 

Leggi anche:

Dopo quanti lavoratori licenziati per GMO si parla di licenziamenti collettivi?

Licenziamenti collettivi e collocamento obbligatorio

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1533 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento