fbpx

Il benessere aziendale migliora la produttività

Il benessere aziendale dei dipendenti incide in maniera determinante sulla crescita del business e sui risultati: promuoverlo fa la differenza.

Il benessere aziendale migliora la produttività

Va ormai di moda parlare di benessere aziendale. Ma cosa riguarda questo aspetto? E come si può ottenere in azienda?

La definizione di “benessere organizzativo aziendale” si deve ad Avallone e Bonaretti che nel loro libro del 2003 lo descrivono in questi termini: “la capacità di un’organizzazione di promuovere e mantenere il più alto grado di benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori in ogni tipo di occupazione o ruolo”. In parole povere il benessere aziendale rappresenta una sorta di termometro per misurare il clima interno aziendale.

Il modo in cui i dipendenti vivono l’azienda – a trecentosessanta gradi – ha inevitabilmente dei risvolti, sull’ambiente, sul team, ma soprattutto sull’azienda stessa. È infatti dimostrato da numerosi studi come l’efficienza e i risultati siano migliori in ambienti di lavoro positivi, nei quali i collaboratori si dicono soddisfatti del clima che si respira in ufficio.

I programmi di welfare aziendale

L’attenzione alla salute, ai comfort e in generale alla qualità della vita dei propri collaboratori è un fattore percepito come sempre più determinante per organizzazione e imprenditori perché riflette la produttività e la crescita del business. Per questa ragione oggi i programmi di welfare aziendale rappresentano uno strumento davvero efficace a disposizione delle aziende che intendono supportare l’equilibrio tra vita lavorativa e privata delle persone, ottenendo un generale miglioramento del clima, che favorisce l’aumento della motivazione e una conseguente maggiore fidelizzazione e incremento delle performance aziendali.

Il welfare aziendale parte dalla cultura cosiddetta “human centered”, che pone al centro delle azioni le esigenze della persona, sino ad arrivare a benefit concreti e non monetari defiscalizzati offerti ai dipendenti e in generale alla gestione del clima aziendale: tutte valide leve che un imprenditore può attivare per creare luoghi di lavoro sani e avere dipendenti felici e che soprattutto riflettano il loro desiderio di essere coinvolti nel proprio lavoro. Il benessere organizzativo è alla base della cultura aziendale.

Peraltro, ambienti di lavoro positivi attraggono le persone migliori: come dimostrato dall’indagine “Close the Employee Experience Gap – Allineare le percezioni tra la funzione HR e i dipendenti per migliorare l’esperienza delle persone e favorire il successo dell’azienda”, il 70% dei leader HR rileva un miglioramento nella propria capacità di attrarre i talenti e il 68% dei dipendenti afferma che probabilmente raccomanderà delle persone per posizioni vacanti. Tali dipendenti sono anche più inclini a rimanere, infatti il 65% degli intervistati HR riferisce miglioramenti nei tassi di fidelizzazione e il 70% dei dipendenti afferma di essere più incline a restare in un’azienda che offre una buona esperienza.

Benessere aziendale e salute psicologica

La mancanza di benessere organizzativo incide anche e soprattutto sulla salute psicologica dei dipendenti: questo vale ancora di più in questo periodo, durante un’emergenza sanitaria che ha radicalmente trasformato sedi e modalità di lavoro  e che ha anche accentuato la paura per la perdita del posto.

Il lavoro in sé, infatti, fornisce un contributo fondamentale alla salute mentale e al benessere offrendo opportunità per le interazioni sociali, l’autostima, la soddisfazione e, ovviamente, la fonte di reddito. Ogni realtà aziendale dovrebbe quindi considerare attentamente l’importanza del benessere professionale: il punto di partenza è investire nella cultura organizzativa, incentivando la capacità di osare senza timori, premiando le persone di talento, creando percorsi di formazione continua, un ambiente disteso e motivante, oltre che occasioni di condivisione anche informali tra i dipendenti.

Quali sono i fattori rilevanti in ottica “benessere organizzativo aziendale”?

Sono diversi i fattori che incidono sul benessere aziendale, tra questi ultimi quelli che intervengono maggiormente sul clima che si respira in azienda e, di fatto, sui risultati sono:

  • la soddisfazione – i dipendenti meno soddisfatti della propria vita si assentano 1,25 giorni al mese in più rispetto ai colleghi (15 giorni all’anno non sono certo pochi…) – che, soprattutto in ambito vendita, impatta sui risultati proprio per il senso di appartenenza ed impegno che i dipendenti insoddisfatti lasciano indubbiamente trapelare;
  • la promozione di una salda cultura aziendale, che fa sì che i dipendenti si sentano parte integrante di un gruppo e soprattutto parte di un processo di miglioramento volto ad un obiettivo finale – collettivo ma anche singolo -, quindi tutti quei valori che rappresentano l’azienda, da trasmettere sia all’interno che all’esterno;
  • un ambiente di lavoro favorevole non equivale solamente a premi, incentivi o benefit, ma anche a programmi personalizzati che favoriscano la conciliazione tra vita lavorativa e vita sociale. È il cosiddetto Work life balance, il cui obiettivo è la ricerca e il raggiungimento del “bene per tutti”, che si traduce nel miglioramento della qualità della vita;
  • oltre a condizionare il comportamento, il clima aziendale influenza inoltre fortemente la capacità di concentrazione, a sua volta strettamente connessa alla motivazione: quando amiamo ciò che facciamo, infatti, riusciamo a concentrarci praticamente senza sforzo, perché il desiderio è capace di mantenere naturalmente alto il focus e soprattutto farci visualizzare nitidamente l’obiettivo;
  • lo stress, che viene percepito quando si ha a che fare con obiettivi troppo sfidanti rispetto alle proprie capacità e competenze. Se gli impegni arrivano a far sentire sopraffatti, è molto probabile che si perda la concentrazione e si entri in uno stato di ansia. In questa particolare situazione, la nostra performance e la nostra soddisfazione rischiano di abbassarsi notevolmente, proprio per la difficoltà a mantenere elevata la concentrazione.

Questo significa che, per ottenere il benessere aziendale, è sufficiente approfondire le necessità di ogni risorsa, curarne i bisogni, personalizzare le iniziative ed assicurarsi che queste siano ugualmente rivolte ad ogni tipo di esigenza.

Sempre riguardo allo studio “Close the Employee Experience Gap”, secondo gli intervistati i fattori che determinano un datore di lavoro ideale sono:

benessere-aziendale

Welfare e HR: raccordo fondamentale

Come abbiamo visto, un clima di lavoro piacevole e accogliente è indispensabile per mettere i lavoratori a loro agio, motivarli e spingerli a dare il meglio di sé: centrale, in tal senso, è la figura dell’HR, il cui compito consiste soprattutto nell’impegno a fare squadra, a dare il buon esempio e a motivare correttamente i lavoratori, ad esempio attraverso attività formative e team building.

Altro aspetto di fondamentale importanza per l’HR è l’ascolto attivo, per riuscire ad instaurare un contatto con ogni singolo lavoratore e per far sì che quest’ultimo possa tramutarsi in un rapporto significativo, anche se solo di natura professionale.

Ascoltare attivamente significa riuscire ad empatizzare con le necessità o le eventuali problematiche dell’altro, entrare in contatto emotivo e comprenderne a fondo i bisogni: questo lavoro di ascolto è fondamentale per stilare un programma di welfare aziendale che rispecchi i reali desideri e le vere esigenze dei dipendenti, garantendo benefit che siano di valore e di gradimento per tutti.

Conclusioni

In conclusione, possiamo sicuramente affermare che il benessere aziendale sia un processo multi-dimensionale dalle mille sfaccettature e parte di un binomio imprescindibile tra ambiente di lavoro e lavoratori, per cui si presuppone che a monte, nell’ottica di un miglioramento di tale aspetto della vita del lavoratore e dell’azienda, ci sia quella caratteristica essenziale che fa di ogni rapporto un rapporto vincente, ovvero la fiducia.

Gli strumenti per promuovere e tutelare il benessere in azienda sono molti e diversificati e metterli in atto – ora più che mai – è una scelta non solo valoriale ma anche strategica, per aumentare la brand awareness, il volume d’affari e le opportunità di crescita, adottando una mentalità vincente per il mercato attuale e per il futuro.

Le aziende oggi hanno bisogno di trattenere i propri talenti, che a loro volta sono alla ricerca di opportunità per esprimersi al meglio, per questo è necessario che si sentano apprezzati, motivati a fare bene e stimolati nell’espressione del loro potenziale e le iniziative di welfare aziendale costituiscono il principale veicolo per mettere i lavoratori nelle condizioni migliori per spiccare il volo.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1368 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

La ricerca di lavoro è sempre più mobile

Dialogare online con il proprio (potenziale) futuro capo, inviare un CV da mobile senza troppi passaggi intermedi, sapere com’è andata la propria candidatura, ottenere le informazioni giuste per il proprio

Quando domanda e offerta si incontrano on-line. Ecco il futuro dell’ e-recruitment .

Viviamo in un mondo iperconnesso. Questo incide molto sui cambiamenti in corso nel nostro mercato del lavoro. Si potrebbe pensare che le tecnologie e la rete abbiano cambiato soprattutto il

Digital Transformation: le aziende italiane spenderanno 66 milioni di euro nel prossimo biennio

Le aziende del nostro Paese nel prossimo biennio investiranno circa 66 milioni di euro per i loro progetti legati alla ” digital transformation “. Molteplici saranno i punti strategici seguiti,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento