fbpx

In attesa di revisione della invalidità un dipendente può continuare a usufruire dei permessi 104?

il datore di lavoro potrà continuare a porre a conguaglio le somme anticipate per le suddette prestazioni oltre la data di scadenza

In attesa di revisione della invalidità un dipendente può continuare a usufruire dei permessi 104?

Abbiamo un dipendente che usufruisce dei permessi 104 ed è in attesa di revisione della invalidità. È vero che può comunque continuare a fruire di questi permessi?

L’INPS, con la circolare 127/2016, ha chiarito che il lavoratore disabile può continuare ad usufruire dei permessi Legge 104 già autorizzati dall’Istituto anche se è scaduto il verbale di accertamento della L. 104 e nelle more della definizione dell’iter sanitario di revisione.

Ne deriva che il datore di lavoro potrà continuare a porre a conguaglio le somme anticipate per le suddette prestazioni oltre la data di scadenza, riportata nel provvedimento di autorizzazione a suo tempo rilasciato, in base al verbale rivedibile e fino al compimento dell’iter sanitario di revisione.

Circolare 127/2016 dell’INPS:  

Come già evidenziato, il lavoratore titolare dei permessi ex art. 33, commi 3 e 6 della legge 104/92 in base a un verbale sottoposto a revisione alla data del 19 agosto 2014, benché sia decorsa la data di scadenza riportata su tale verbale, può continuare a fruire dei predetti permessi già autorizzati dall’Istituto nelle more della definizione dell’iter sanitario di revisione fino al compimento dell’iter sanitario di revisione, senza necessità di presentare a tali fini una nuova domanda di autorizzazione. Ne deriva che il datore di lavoro potrà continuare a porre a conguaglio le somme anticipate per le suddette prestazioni oltre la data di scadenza riportata nel provvedimento di autorizzazione a suo tempo rilasciato in base al verbale rivedibile e fino al compimento dell’iter sanitario di revisione. La documentabilità, da parte del lavoratore, della validità del verbale nelle more dell’effettuazione della visita di revisione, è garantita dall’attestazione   che può essere fornita dalle Strutture territoriali su richiesta dell’avente diritto. Si richiamano al riguardo le istruzioni già fornite con messaggio n.1964 del 18/3/2015. A partire dalla data di pubblicazione della presente circolare, le autorizzazioni rilasciate dall’Istituto sulla base di un verbale soggetto a revisione non riporteranno più una data di scadenza, ma indicheranno espressamente che l’efficacia del provvedimento avrà validità fino alla conclusione dell’iter sanitario di revisione. All’esito, poi, della convocazione a visita del disabile potranno verificarsi le seguenti circostanze che produrranno effetti diversi sui benefici in godimento. Gli effetti saranno tempestivamente comunicati dall’Istituto al titolare dei permessi, al disabile e al datore di lavoro. 

Leggi anche:

Un dipendente ha il verbale per accertamento invalidità perente scaduto. Posso recuperare i permessi già usufruiti? Da quale data? 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 681 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamenti e applicabilità art. 18 L. 300/70 (tutela reale): Come si calcolano le dimensioni aziendali?

Indicazioni in materia di dimensioni aziendali con riferimento alla materia dei licenziamenti individuali sono state fornite dal Ministero del Lavoro con la Circolare n.3 del 16 gennaio 2013 la quale

Si può sottoscrivere con una cooperativa un servizio occasionale di centralino al bisogno, in caso di assenza della nostra centralinista?

  A mio avviso no, in quanto il servizio non viene completamente esternalizzato ma il lavoratore viene sostituito al bisogno. In questo caso, le alternative possono essere le seguenti: lavoratore

Ho sentito parlare dell’agevolazione per laureati, visto che mio figlio si sta per laureare, mi può dire sinteticamente di cosa si tratta?

È una decontribuzione, di 12 mesi, per l’azienda che assume. Si tratta di pagare meno contributi INPS, fino ad 8.000 euro sulla quota a carico del datore di lavoro, in favore

2 Commenti

  1. Maternità
    Marzo 11, 17:58 Reply

    Salve sono un medico desideravo sapere se la sostituzione per maternità di durata superiore ai due anni cioè a 24 mesi si trasforma in contratto a tempo indeterminato grazie

    • Roberto
      Marzo 13, 17:40 Reply

      Dipende dalla previsione del Ccnl applicato dalla sua azienda. Qualora non sia previsto nulla, si applica il massimale dei 24 ore; viceversa, qualora il Ccnl abbia stabilito una durata diversa/maggiore, si applica quest’ultima.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.