fbpx

Cambio d’appalto: i lavoratori acquisiti vanno conteggiati nella quota di riserva dei disabili?

Cambio d’appalto: i lavoratori acquisiti vanno conteggiati nella quota di riserva dei disabili?

I lavoratori acquisiti dal nuovo appaltatore, per cambio d’appalto, non dovranno essere conteggiati nel Prospetto informativo, previsto per il mese di gennaio, e quindi non entreranno nel computo per il calcolo della quota di riserva dei disabili.

A seguire un estratto della nota n. 1046 del 26 novembre 2020 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro:

Oggetto: L. n. 68/1999 – base computo per il calcolo della quota d’obbligo in caso di c.d. “passaggio di appalto”. È pervenuta alla scrivente Direzione una richiesta di parere in merito alla modalità di individuazione della base di computo per il calcolo della quota di riserva di cui all’art. 3, della L. n. 68/1999 per le imprese che subentrano in un appalto. Al riguardo, acquisito il parere dell’Ufficio legislativo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, che si è espresso con nota prot. n. 12164 del 26 novembre 2020, si rappresenta quanto segue. Con riferimento all’ipotesi di acquisizione di personale già impiegato in un appalto, sebbene limitatamente alle imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati, il Ministero del lavoro, con la circolare n. 77/2001, ha inizialmente specificato che la copertura della quota di riserva deve essere assicurata calcolandola “sulla base dell’organico già in servizio presso l’impresa medesima al momento dell’acquisizione dell’appalto, ferma restando, com’è evidente, la permanenza in servizio dei disabili eccedenti provenienti dall’impresa cessata, a norma di legge”, considerato il carattere provvisorio dell’incremento occupazionale, destinato a subire una contrazione al temine dell’esecuzione dell’appalto stesso. Pertanto, il personale che transita dall’azienda uscente alla subentrante non dovrà essere computato nella quota di riserva ai fini dell’art. 3 della L. n. 68/1999. Tale interpretazione è stata confermata con l’interpello n. 23/2012, con il quale si è posto l’accento sulla natura temporanea dell’acquisizione del nuovo personale.

Qui per ulteriori approfondimenti sulle circolari dell’Ispettorato Nazionale del lavoro anno 2020.

Per maggiori informazioni sulle agevolazioni per le assunzioni del D.L. n.104/2020 dopo i chiarimenti dell’INPS, qui l’articolo di Eufranio Massi.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 694 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Lavoratore in trasferta in altra sede dell’azienda: può rifiutarsi?

Vorrei inviare un lavoratore in trasferta in un’altra sede della nostra azienda, distante 200 km da quella dove lavora, per 2 mesi in quanto sta per partire la formazione per

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

  Salvo quanto non diversamente previsto da un eventuale accordo conciliativo ovvero nel caso in cui il giudice non ravvisi un licenziamento discriminatorio, il costo massimo è pari a 4

Tra le modifiche apportate dal decreto dignità al lavoro in somministrazione c’è l’inserimento del diritto di precedenza?

No. Il diritto di precedenza rimane una prerogativa del contratto a tempo determinato diretto, cioè qualora il contratto sia stipulato tra l’azienda e il lavoratore senza la mediazione di una

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.