fbpx

Covid-19 e Quarantena – L’Inps fa chiarezza sulla questione tra isolamento fiduciario e malattia

Quarantena ridotta a dieci giorni ma non può essere equiparata al periodo di malattia

Covid-19 e Quarantena – L’Inps fa chiarezza sulla questione tra isolamento fiduciario e malattia

Covid-19 e Quarantena. Il Comitato tecnico scientifico e il Ministero della Salute hanno ridefinito le modalità di quarantena e di isolamento fiduciario, al fine di “restituire tempestivamente” al contesto sociale i soggetti guariti da Covid-19. Il periodo di Quarantena è stato ridotto da quattordici a dieci giorni e il doppio tampone negativo non è più obbligatorio. Sarà quindi sufficiente un solo tampone al termine del periodo di quarantena per accertare la positività o la negatività del soggetto in questione.

Una circolare del Direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Giovanni Rezza, individua 4 tipologie di situazioni.

  • I positivi asintomatici. Diagnosi confermata da test molecolare positivo. In questo caso si prevedono 10 giorni di isolamento fiduciario più tampone molecolare unico a fine quarantena.
  • I positivi sintomatici. Diagnosi confermata da test positivo. Almeno 10 giorni di isolamento (dei quali obbligatoriamente gli ultimi 3 in completa assenza di sintomi), tampone molecolare unico a fine quarantena.
  • I positivi asintomatici che non riescono a negativizzarsi. Diagnosi confermata da test molecolare positivo. L’isolamento è di almeno 21 giorni con riscontro di positività al test molecolare effettuato al 10° e al 17° giorno.
  • I contatti stretti. Isolamento fiduciario di 10 giorni più tampone antigenico rapido o molecolare al termine della quarantena.

La scelta di ridurre il periodo di quarantena e di non rendere obbligatorio il secondo tampone, proviene dalla volontà di attenuare gli effetti negativi della pandemia sul PIL nazionale, restituendo i lavoratori alle imprese il prima possibile nel momento in cui viene accertata la loro negatività.

Quarantena non equiparata al periodo di quarantena

Anche l’Inps comunica una novità importante sul periodo di quarantena. L’istituto infatti sancisce che il periodo di isolamento non è equiparabile al periodo di malattia. In pratica il riconoscimento della malattia si ha solo quando la quarantena è decisa da un operatore di sanità pubblica. Tale eventualità può scattare nel caso di contatto stretto con soggetti positivi ma non nei casi della cosiddetta quarantena fiduciaria per contatti non diretti.

La scelta dell’INPS rappresenta un limite molto netto rispetto a quanto previsto nel Decreto cura Italia che prevedeva l’equiparazione della quarantena con sorveglianza attiva alla malattia.

Inoltre la malattia non viene riconosciuta ai lavoratori fragili in smart working a meno che non sia accertata la malattia conclamata. Il ragionamento è che questi lavoratori non hanno un’incapacità temporanea al lavoro per una patologia in fase acuta. Non è possibile quindi ricorrere alla tutela previdenziale della malattia nei casi in cui il lavoratore si trovi in quarantena o in sorveglianza precauzionale perché considerato soggetto fragile. Sulla base degli accordi con il proprio datore di lavoro, il lavoratore può continuare a svolgere l’attività lavorativa presso il proprio domicilio.

Il discorso è valido anche per i lavoratori che si trascorrono il periodo di quarantena all’estero perché richiesta dal Paese di destinazione. In questo caso chi deve adempiere a quest’obbligo, prima di entrare in un paese che lo richiede, non potrà avvalersi del riconoscimento della malattia. Infine, secondo le nuove direttive Inps, la malattia non viene riconosciuta se il lavoratore malato si trova in cassa di integrazione o usufruisce l’assegno dei fondi di solidarietà.

 

 

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1360 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Le “ maxi sanzioni ” del 2006 sul lavoro nero sono state bocciate dalla Corte Costituzionale

Con sentenza n. 254 del 13 novembre 2014, la Corte Costituzionale ha ritenuto illegittimo, in quanto contrastante con l’articolo 3 della Costituzione, l’art. 36-bis, c. 7, lett. a), del Decreto Legge

Cassazione su: concetto di aliunde perceptum nel risarcimento per licenziamento / licenziamento per il rifiuto alla modifica del luogo di lavoro

* concetto di aliunde perceptum nel risarcimento per licenziamento Con sentenza n. 7685 del 18 aprile 2016 , la Corte di Cassazione ha affermato che nella misura del risarcimento dovuto in

Superamento del periodo di comporto e licenziamento [Cassazione]

Con ordinanza n. 19927 del 27 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che nel computo del comporto vanno calcolate soltanto le assenze per malattia. È, quindi, illegittimo il licenziamento avvenuto sommando, ai

2 Commenti

  1. Antonello
    Gennaio 03, 20:57 Reply

    Qualora il lavoratore fragile svolga una mansione che non permette l’attività lavorativa in regime di Smart Working (conducente di Autobus di linea, operai di officina), devono recarsi al lavoro?
    Se no, il datore di lavoro in regime lo deve collocare?

  2. Nicolas
    Novembre 04, 17:53 Reply

    Se un commesso di supermercato alimentari, viene messo in quarantena perchè ha avuto contatti stretti con un caso positivo e vista la tipologia di lavoro non si può applicare lo smart working, come si deve procedere? Grazie

Lascia un commento