Contributi INPS 2020 – Le istruzioni per la rateizzazione dei versamenti sospesi

Versamento del 50% dei contributi sospesi in un’unica soluzione o in un massimo di quattro rate, con prima scadenza fissata al 16 settembre 2020

Contributi INPS 2020 – Le istruzioni per la rateizzazione dei versamenti sospesi

Contributi INPS 2020 – Rateizzazione dei versamenti sospesi

Contributi INPS 2020. Con la circolare n° 3274, l’INPS ha pubblicato le istruzioni parziali per il versamento dei contributi previdenziali sospesi per emergenza Coronavirus in considerazione delle novità presenti nel decreto di Agosto. 

L’articolo 97 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 ha introdotto infatti un’ulteriore rateizzazione dei versamenti sospesi. Si prevede in questo modo la possibilità per i contribuenti di effettuare i versamenti beneficiando di una diversa modulazione:

  • versamento del 50% dei contributi sospesi in un’unica soluzione o in un massimo di quattro rate, con prima scadenza fissata al 16 settembre 2020;
  • versamento del restante 50% a partire dal 16 gennaio 2021, in un massimo di 24 rate mensili, con pagamento da ultimare quindi nel 2022.

Il messaggio pubblicato dall’INPS fornisce però nuove indicazioni solo sulle prime quattro rate dovute dai titolari di partita IVA che hanno beneficiato della sospensione. A seguito di una nuova circolare saranno fornite le istruzioni per il pagamento del restante importo.

Contributi INPS 2020. Versamento del 50% dal 16 settembre 2020

I titolari di partita IVA che hanno beneficiato della sospensione dei versamenti dei contributi INPS potranno scegliere come e quando pagare. La prima rata, o l’importo complessivamente dovuto, scade il 16 settembre 2020.

Il 16 settembre 2020 è il termine ultimo per la domanda di rateizzazione. Per artigiani e commercianti è anche la scadenza per la comunicazione di adesione alla sospensione dei versamenti contributivi. Sebbene l’INPS abbia recepito le novità previste dal decreto legge n. 104, rimanda ad un successivo intervento per le istruzioni relative alle rate da pagare dal 16 gennaio 2021, specificando che la rateizzazione lunga è da intendersi quale alternativa al pagamento in quattro rate dal 16 settembre al 16 dicembre 2020.

Rateizzazione per le aziende con dipendenti

Nel paragrafo 2.4 del messaggio n. 2871/2020 sono riportate le indicazioni per la trasmissione della comunicazione della volontà di avvalersi della rateizzazione per le aziende con dipendenti, artigiani e commercianti e committenti tenuti al versamento dei contributi alla Gestione separata.

Il servizio, disponibile nel sito internet dell’Istituto, contenente il format da inoltrare. Le aziende con dipendenti ed i committenti tenuti al versamento dei contributi alla Gestione separata INPS che intendano avvalersi della rateazione lunga prevista dal c.d.”decreto agosto”, dovranno comunque continuare ad utilizzare il format di cui al messaggio n. 2871/2020, indicando gli importi totali oggetto di sospensione.

Per il versamento delle prime quattro rate di pari importo, pari al cinquanta per cento delle somme dovute, i contribuenti provvederanno ai relativi versamenti utilizzando i codici F24 e le modalità riportate nel medesimo messaggio.

Regole e procedure invariate anche per artigiani e commercianti, che entro il 16 settembre 2020 dovranno inviare la comunicazione di sospensione dei versamenti contributivi.

  Scarica la Circolare INPS 3274

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1324 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per il lavoratore invalido superamento del periodo di comporto [Cassazione]

Con sentenza n. 9395 del 12 aprile 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che “nell’ipotesi di rapporto di lavoro con invalido assunto obbligatoriamente…., le assenze dovute a malattie collegate con

Effettiva presenza e legittimità del licenziamento durante il periodo di prova

Con la sentenza n. 25482 del 2 dicembre 2014, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del patto di prova calcolato sull’ effettiva presenza in servizio del lavoratore, non computando pertanto riposi settimanali e altre assenze, nel caso in cui

Illegittimo il licenziamento per rifiuto al trasferimento dopo la maternità | Cassazione

Con la sentenza n. 3052/2017, la Corte di Cassazione ha dichiarato l’illegittimità di un licenziamento per mancata disponibilità al trasferimento, intimato ad una lavoratrice da poco rientrata da periodo di

1 Commento

  1. simpat
    Settembre 29, 08:57 Reply

    buongiorno, chi al 16/09 ha pagato tutti i contributi sospesi e quindi non rateizza non deve fare nulla?
    ggrazie

Lascia un commento