fbpx

La prestazione occasionale preclude la possibilità di percepire la Naspi?

La prestazione occasionale preclude la possibilità di percepire la Naspi?

Ho un quesito sul tema della compatibilità tra Naspi e svolgimento di prestazione occasionale. La prestazione occasionale (es. attività di baby sitter) svolta da parte di chi percepisce l’indennità Naspi preclude la possibilità in capo al prestatore di continuare a percepire quest’ultima?

I compensi percepiti per attività rientranti nelle prestazioni occasionali (art. 54-bis del decreto legge n. 50/2017) non incidono sullo stato di disoccupazione; ragion per cui se il soggetto è beneficiario della NASpI, può svolgere prestazioni di lavoro occasionale nel limite di 5.000 euro annui. Entro detto limite, l’indennità NASpI è interamente cumulabile con i compensi. Inoltre, il soggetto non è tenuto a comunicare all’Inps il compenso derivante dalla predetta attività. (circolare INPS n. 174, del 23 novembre 2017).

Per maggiori informazioni, di seguito, un estratto dell’art. 54-bis del decreto-legge n. 50/2017:

[…] Entro i limiti e con le modalità di cui al presente articolo è ammessa la possibilità di acquisire prestazioni di lavoro occasionali, intendendosi per tali le attività lavorative che danno luogo, nel corso di un anno civile: a) per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro; b) per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro; c) per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore a 2.500 euro; c-bis) per ciascun prestatore, per le attività di cui al decreto del Ministro dell’interno 8 agosto 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 195 del 23 agosto 2007, svolte nei confronti di ciascun utilizzatore di cui alla legge 23 marzo 1981, n. 91, a compensi di importo complessivo non superiore a 5.000 euro […]

Leggi anche:

NASpI e licenziamenti nulli in periodo di sospensione: i chiarimenti dell’Inps [E.Massi]

I chiarimenti dell’Inps sulla questione del riconoscimento della NASPI in favore di chi è stato licenziato per giustificato motivo oggettivo in un momento in cui vigeva la sospensione dei licenziamenti

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 680 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un dipendente ha l’appuntamento per la vaccinazione, che tipo di permesso ha a disposizione?

Un dipendente ha l’appuntamento per la vaccinazione, che tipo di permesso ha a disposizione in questo caso? Ad oggi, la legge non prevede un permesso speciale per chi si assenta

Posso mettermi in aspettativa non retribuita e lavorare altrove?

Un dipendente ha chiesto se può mettersi in aspettativa non retribuita per qualche mese e andare a lavorare in un’altra azienda. Non vuole dimettersi perché, ha trovato un lavoro a

Un lavoratore mi chiede un congedo per cure ad invalido. È corretto?

Si tratta dell’articolo 7 del Decreto Legislativo n. 119 del 18/07/2011. La concessione del congedo è corretta qualora vi siano i seguenti presupposti: il lavoratore sia un mutilato e invalido

122 Commenti

  1. Sergio
    Giugno 25, 17:01 Reply

    Salve,
    sono da poco pensionato, tuttavia sto eseguendo dei lavori di consulenza ricevendo compensi per prestazione occasionale; scrivo perchè sicuramente supererò i famosi 5000 euro lordi annui (6-7000). Non vorrei aprire una P.Iva per cui come mi dovrei comportare? grazie

    • Roberto
      Giugno 28, 20:40 Reply

      Al supermento dei 5mila euro, dovrà indicare nella notula che farà al successivo committente, che questi dovrà corrispondere la contribuzione, in quanto Lei ha superato il massimale di compenso decontribuito, nel corso dell’anno civile (1° gennaio, 31 dicembre).

  2. teretere
    Giugno 24, 15:18 Reply

    Salve,
    devo recedere da una collaborazione occasionale continuativa sa 6 mesi. Esiste una tempistica di preavviso secondo la legge?
    GRazie mille

    • Roberto
      Giugno 27, 21:26 Reply

      No, non esiste una tempistica di legge. E’ comunque anomala una collaborazione “occasionale” di 6 mesi.

  3. Priscilla
    Maggio 30, 17:45 Reply

    Salve,
    Sono una docente con contratto a tempo determinato fino al 30/06. Dall’ 1 Luglio farò richiesta di disoccupazione. Considerato che nel periodo estivo, vorrei lavorare come group leader con il seguente inquadramento: “lettera d’incarico per prestazione meramente occasionale ai sensi dell’art. 2222 del Codice Civile senza vincolo di subordinazione”. Vorrei sapere se suddetto inquadramento preclude la possibilità di percepire la Naspi e se, in caso negativo, devo comunque comunicarlo.
    Grazie per l’attenzione.

    • Roberto
      Maggio 31, 21:29 Reply

      Ritengo che debba comunicarlo, evidenziando anche il compenso presunto.

  4. ninina
    Maggio 30, 15:18 Reply

    Buonasera,
    ho scoperto solo ora che potrei richiedere i tre mesi di Rem come ex Naspi (scadenza ottobre 2020). L’isee rientra nei requisiti , ma a febbraio ho firmato un co.co.co a tempo determinato con retribuzione mensile intorno ai 60,00Euro. Al comma 2 del Decreto c’è scritto che il co.co.co è ragione di esclusione, ma vale anche per un importo così basso e per un co.co.co a tempo determinato? Grazie mille

    • Roberto
      Maggio 31, 21:31 Reply

      La normativa parla di esclusione per coloro che hanno un contratto di collaborazione coordinata e continuativa, senza alcun riferimento al valore del compenso.

  5. Tommy
    Maggio 24, 13:19 Reply

    Buongiorno. A seguito della scadenza di un contratto a tempo determinato ho provveduto a fare richiesta di Naspi che è stata accolta. successivamente ho sottoscritto una lettera d’incarico per lavoro occasionale (art. 2222) per un totale lordo di euro 600 e con ritenuta d’acconto del 20 %. Mi chiedo se tale lavoro vada comunicato con l’applicativo NASPI-COM.

    • Roberto
      Maggio 25, 21:36 Reply

      Ritengo che l’attività debba essere comunicata

  6. AndreaLupo
    Maggio 22, 18:14 Reply

    Salve, ho un quesito in corso, durante l’anno passato ho percepito la Naspi ma una sera sono stato chiamato a partecipare ad una serarta d’animazione in una discoteca senza però ricevere compenso(oltre a qualche drink gratuito e la richiesta di riconoscimento all’ingresso staff con carta d’identità e codicefiscale). A distanza di un anno mi viene fatto presente dall’inps che durante il mio periodo naspi risulta una mia assunzione come lavoratore autonomo per la detta serata e il rischio di restituire i mesi successivi di Naspi. Ad oggi ho richiesto alla ditta che gestisce il locale l’invio della documentazione per poter rispondere al meglio, mi è stato inoltre detto che è stata fatta a mia insaputa un assunzione giornaliera per evitare possibile e giusti controlli di serata (questo spiega ad oggi la richiesta dei documenti). Chiedo, è possibile che io debba restituire la Naspi per questo fatto avvenuto a mia insaputa senza un reale compenso per di più? Grazie mille per la cortese risposta Dr. Camera

    • Roberto
      Maggio 27, 21:56 Reply

      Ritengo che Lei debba contestare l’assunsione effettuata dal locale o, almeno, la evidenza che non ha ricevuto alcuna retribuzione.

  7. Simo
    Maggio 20, 23:04 Reply

    Salve!
    Sono Simona e avrei dei quesiti…se gentilmente mi potesse chiarire alcuni dubbi…se sono percettore di NASpI come dovrei agire in questi casi?
    1) avrei la possibilità di avere un lavoretto come promoter assunta con un contratto di prestazione di lavoro autonomo occasionale (ai sensi dell’art. 2222 del c.c., pagato in ritenuta d’acconto); si tratterebbe forse di due giornate di lavoro…ma potrebbero essere anche quatto o forse qualcuna di più…non si sa con precisione. Nel caso accettassi, devo comunicarlo all’INPS? L’INPS mi decurterà l’indennità? essendo che sono lavoretti in cui si guadagnano piccoli importi…e per pochi giorni all’anno…secondo lei conviene accettarli o conviene non fare niente e continuare a percepire la NASpI? E’ vero che si può accettare il lavoro e non si perde la NASPI e la giornata viene messa in coda alla Naspi (perciò non si “perde” ma si recupera?);
    2) in alcune catene di supermercati della GDO, per un lavoretto di promoter richiedono l’assunzione a tempo determinato intermittente: con questa tipologia di contratto, c’è sempre l’obbligo di comunicazione all’INPs, giusto? viene decurata o ridotta la Naspi?

    Aggiungo che questi lavori da promoter sono appunto “lavoretti”, per così dire…e sicuramente non si superano i 4800 euro.

    Conviene accettarli o si rischia di perdere o di vedersi ridotto l’importo della NASPI?

    La ringrazio sin d’ora!

    Cordiali saluti,

    Simo

    • Roberto
      Maggio 23, 18:36 Reply

      Le consiglio di comunicarlo all’INPS. La decurtazione non avviene qualora l’importo dei compensi è basso. In particolare, non si perde la NASPI se l’importo dei compensi complessivamente non supera i 4.800 euro.
      Anche in caso di contratto intermittente, vanno comunicate le giornate di “chiamata”.

    • Roberto
      Maggio 25, 21:38 Reply

      Queste le informazioni INPS:
      chi percepisce la NASPI e avvia un’attività di lavoro autonomo potrà continuare a percepirla in misura ridotta, purché:
      • Il reddito annuale non superi i 4.800,00 euro;
      • Si comunichi all’INPS entro un mese dall’inizio dell’attività (ovvero entro un mese dalla domanda di NASPI se il lavoro è cominciato in data antecedente) il reddito annuo previsto.
      L’indennità viene decurtata di un importo pari all’80% del reddito previsto, rapportato al periodo intercorrente tra la data di inizio dell’attività e quella in cui termina il periodo di fruizione o, se antecedente, la fine dell’anno.

  8. Franz
    Maggio 12, 12:31 Reply

    Salve, ho un contratto di Prestazione Occasionale di 6 mesi da novembre 2020 a maggio 2021 con un compenso lordo di 14.400 euro.
    Vorrei sapere se ho diritto al sussidio di disoccupazione considerando che nella ricevuta sono presenti le trattenute INPS a mio carico pari al 33,72% di un terzo del lordo e 33,72% di due terzi a carico del datore di lavoro.

    • Roberto
      Maggio 15, 18:26 Reply

      Ritengo che non sia possibile. Andrebbe anche verificata, a mio avviso, la corrispondenza del contratto stipulato rispetto alla continuità della prestazione lavorativa richiesta.

  9. Raffaele
    Maggio 09, 15:34 Reply

    Buonasera chi è in naspi e inizia un lavoro di collaborazione occasionale autonomo come rider di piattaforme deve dichiarare all’ INPS oppure no?
    Grazie

    • Roberto
      Maggio 12, 21:54 Reply

      Ritengo di sì, con anche una indicazione, di massima, del compenso.

  10. Gio
    Maggio 01, 07:50 Reply

    Salve, ho perso il mio lavoro a tempo determinato per scadenza contratto. Ho un contratto di collaborazione occasionale ex art. 2222 cc.
    Ho chiesto la recessione del contratto di collaborazione per altri motivi non legati alla Naspi. Aspetto che mi venga recesso il contratto e dopo chiederò la Naspi. Posso chiedere Naspi oppure no visto che ho perso volontariamente l’occupazione chiedendo il recesso del contratto di collaborazione? Una volta fatta domanda Naspi devo inviare comunicazioni del reddito percepito fin ora con la collaborazione? Ringrazio!
    Buona giornata!

    • Roberto
      Maggio 03, 21:34 Reply

      La compatibilità tra la collaborazione e la Naspi dipende dall’importo della prima. Il recesso può avvenire anche unilateralmente.

  11. Marilena
    Aprile 30, 11:23 Reply

    Buongiorno, volevo chiederle, io sto percependo la naspi e questo mese ho svolto lavoro occasionale, dovevo comunicarlo all’inps? la ringrazio in anticipo per la sua attenzione.

    • Roberto
      Aprile 30, 19:30 Reply

      Sì, se si è trattato di lavoro autonomo occasionale, ai sensi dell’art. 2222 c.c.

  12. doni
    Aprile 23, 09:00 Reply

    Sono stata licenziata per giustificato motivo, e non ho intenzione di oppormi, dopo aver chiesto la NASPI ed ottenuta posso aprire partita iva per consulenza, posso prestare consulenza anche al mio vecchio datore di lavoro? emettendo regolare fattura?

    • Roberto
      Aprile 27, 21:57 Reply

      Sì, ma dovrà dichiarare i compensi all’INPS.

    • Elisabeta
      Maggio 20, 14:01 Reply

      Buongiorno, contenta di trovarla! La mia domanda: Sono percettrice Rem(” debutante”, cioè per la prima volta, per 3 mensilita , per adesso); sto per accettare un Contratto occasionale (una sostituzione di 33 gg ,come badante, per un tot de circa 950 euro; il mio importo Rem è di 560 euro! Come mi devo comportare , quindi cosa dovrei fare? Non voglio rischiare la perdita del sussidio, mi aiuta a pagare almeno l’affitto! Grazie in anticipo, se mi rispondete! Cordiali saluti!

      • Roberto
        Maggio 23, 18:46 Reply

        Ritengo che Lei possa accettare il lavoro occasionale. Le consiglio, comunque, di andare presso un Patronato che potranno fare i conti precisi tra REM e attività lavorativa.

  13. Dorina
    Aprile 16, 17:28 Reply

    Buongiorno ,
    vorrei esporle il mio caso. Sono stata licenziata il 28 febbraio 2021 causa liquidazione società dopo 25 mesi di lavoro con contratto a tempo indeterminato. Da marzo sto effettuando collaborazione occasionale con un altra società e non supero i 5000 euro. Volevo sapere se posso richiedere la dispoccupazione e se ci sono dei limiti di tempo dal licenziamento per richiederla.
    Grazie

    • Roberto
      Aprile 19, 22:15 Reply

      Può comunque richiedere la Naspi, dovrà dichiarare il reddito presunto annuo per le collaborazioni occasionali. La Naspi va richiesta entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

  14. Gloria
    Aprile 14, 16:53 Reply

    Buongiorno,
    scrivo per un informazione, dall’Aprile 2020 percepisco la Naspi, da Ottobre a Dicembre 2020 ho lavorato in un azienda con prestazione occasionale autonoma, ora dovrei compilare la Naspi com per ricevere l’ultimo mese, in questa sede devo comunicare di avere percepito questo reddito? Grazie mille

    • Roberto
      Aprile 15, 22:50 Reply

      Sì, trattandosi di lavoro autonomo occasionale, va comunicato all’Inps. E’ compatibile sino ai 4.800 euro.

  15. Carlo
    Aprile 12, 11:47 Reply

    Buongiorno,
    Volevo avere un informazione io sto ricevendo la naspi da lavoro dipendente, mia moglie ha un attività commerciale , posso lavorare qualche settimana nella sua attività con un contratto di collaborazione coadiuvante? In tal caso posso sospendere la Naspi o mi sarà revocata?

    • Roberto
      Aprile 13, 21:42 Reply

      Laddove il lavoro sia remunerato, deve informare l’Inps e dichiarare il compenso presunto per l’attività prestata.

  16. gio
    Aprile 06, 18:31 Reply

    Buongiorno,
    Io dovrei rientrare tra coloro che possono percepire i tre mesi di rem perché la naspi mi è scaduta a dicembre 2020, però sto svolgendo delle prestazioni occasionali per un azienda, vanno dichiarati nella richiesta rem o non incide?

    • Roberto
      Aprile 07, 18:17 Reply

      Ritengo che il reddito per prestazioni occasionali incida sul massimale di reddito per la concessione del beneficio. Deve andare da un patronato indicando il compenso presunto per tali attività.

  17. Maurovt
    Marzo 30, 03:29 Reply

    Salve sono in stato di naspi in relazione al divieto di spostamenti salvo per motivi di lavoro rientra in tale figura compensi percepiti
    Con ritenuta d’ acconto?
    La ringrazio
    Mauro

    • Roberto
      Marzo 31, 19:38 Reply

      Ritengo di sì, trattandosi di lavori autonomo occasionali.

      • Carlo
        Aprile 12, 11:50 Reply

        Buongiorno,
        Volevo avere un informazione io sto ricevendo la naspi da lavoro dipendente, mia moglie ha un attività commerciale , posso lavorare qualche settimana nella sua attività con un contratto di collaborazione coadiuvante? In tal caso posso sospendere la Naspi o mi sarà revocata?

        • micol
          Maggio 16, 11:08 Reply

          Buongiorno, sto percependo la naspi, posso intraprendere un piccolo lavoretto a provvigione che non supera il limite dei 500 annui? Devo comunicarlo?

  18. Mirko
    Marzo 08, 20:41 Reply

    Salve, la comunicazione all’Inps per prestazione occasionale deve avvenire anche se non percepisco alcuna Naspi?

    • Roberto
      Marzo 10, 08:46 Reply

      No, non deve fare la comunicazione, a meno che la prestazione occasionale non supera i 5mila euro e Lei non si è ancora iscritto alla Gestione separata.

  19. nana
    Febbraio 18, 18:05 Reply

    salve. sono sotto disoccupazione da novembre 2020.. mi è stato offerta un la lavoro di una settimana. contiene accettare?
    devo fare poi richiesta della nasci o appena comunicato il cessato lavoro continuano a erogarmela con lo stesso importo dei mesi precedenti?

    • Roberto
      Febbraio 19, 12:36 Reply

      Se il rapporto di lavoro è da dipendente, avviene tutto automaticamente: sospensione e ripresa.

  20. Carla
    Febbraio 17, 19:08 Reply

    Buonasera

    Volevo farle una domanda. Sono disoccupata da un anno ma non percepisco la Naspi ma bensì il Fondo Volo in quanto ex assistente di volo. Mi si è presentata l ‘ occasione di trovare lavoro , ma mi offrono 2 mesi con ritenuta d’ acconto e successivamente un contratto regolare di assunzione. La mia domanda è se per questi 2 mesi devo comunicarli all’ Inps? e soprattutto per 2 mesi da 800 euro al mese con ritenuta d’ acconto possono togliermi il fondo volo? Dalla firma del contratto già so che lo dovrò sospendere , il mio dubbio è relativo solo ai 2 mesi.
    La ringrazio anticipatamente.

    • Roberto
      Febbraio 19, 12:36 Reply

      Se il Fondo volo ha le stesse caratteristiche della NASPI, dovrà effettuare la comunicazione all’Inps. Durante il periodo avrà una riduzione del Fondo.

  21. Anita
    Gennaio 28, 07:51 Reply

    Buon io sono stata licenziata nel mese di settembre perché ho fatto una denuncia per ricatto è molestia sessuale,dove il datore di lavoro era al corrente,essendo un suo parente che mi faceva questo, mi hanno portato al gesto più brutto è disperato, dopo questo sono stata licenziata senza una lettera di richiamo è un preavviso,nel tempo ho trovato un lavoro di 2 ore a settimana i primi due mesi ho percepito la naspi al mese.di gennaio no, mi chiedo se è possibile che nonostante nn ho un tratto effettivo ma solo delle proroghe io come devo comportarmi. Grazie mille.

    • Roberto
      Gennaio 28, 20:49 Reply

      Deve andare presso un sindacato e raccontare come sono andate le cose con l’azienda. In particolare come è avvenuto il licenziamento. Se ci sono i presupposti, si potrà avviare un ricorso al giudice del lavoro per licenziamento illegittimo e vessazioni.

  22. FABIO
    Gennaio 27, 19:03 Reply

    salve
    avrei una domanda da porre…sono dipendente tempo indeterminato con RAL superiore ad € 30.000,00 e vorrei effettuare una consulenza professionale per un importo superiore ad € 5.000,00…non potendo usufruire di regime forfettario in caso di apertura di Partita Iva avevo pensato di effettuarla come prestazione occasionale vista l’occasionalità dell’operazione…questo comporta l’iscrizione alla gestione separata e il versamento dei contributi pari al 24% sull’eccedenza giusto?
    inoltre nel caso in cui dovessi essere licenziato entro fine anno tale prestazione occasionale (essendo superiore agli € 4.800,00 importo da non dichiarare) ha delle conseguenze su una eventuale NASPI?
    resto in attesa di una gentile risposta

    • Roberto
      Gennaio 28, 20:51 Reply

      1. Esatto, occorre una lettera di incarico del committente e l’emissione di una notula da parte sua, al termine della prestazione.
      2. No, il massimale è conteggiato nel caso in cui si stia già percependo la NASPI al momento della prestazione occasionale.

  23. RobertaP
    Gennaio 12, 11:20 Reply

    Buongiorno, vorrei cortesemente chiedere un chiarimento: io sono in Naspi da novembre 2019 e a fine maggio 2020 ho iniziato a lavorare occasionalmente presso un commercialista a cui emetto ricevuta per prestazione occasionale a fine mese relativa alle ore svolte. Sulla ricevuta c’è la seguente dicitura RICEVUTA PER CESSIONI DI BENI O PRESTAZIONI DI SERVIZI (OCCASIONALI)
    (NON SOGGETTE AD I.V.A. PER MANCANZA DEL REQUISITO SOGGETTIVO DI CUI AGLI ARTT. 4 E 5 DEL D.P.R. 26/10/1972 N. 633 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI).
    Su tale ricevuta io deduco la ritenuta d’acconto, i compensi non superano i 5.000€ annui.
    Avevo obbligo di comunicare all’INPS questi compensi?
    Essendo una prestazione occasionale non ho fatto, probabilmente sbagliando, nessuna comunicazione.
    Ringrazio per il riscontro.

    • Roberto
      Gennaio 12, 21:58 Reply

      Ritengo che andasse comunicata l’attività occasionale, senza con questo perdere il diritto alla Naspi, visto il compenso.

  24. barbara
    Dicembre 21, 09:55 Reply

    buon giorno,
    sono in cassa integrazione essendo stata licenziata alcuni mesi fa (cameriera d’albergo). mi hanno proposto di fare le pulizie in modo occasionale, pagandomi con gli ex vouchers dicendomi che devo registrarmi sul sito INPS e che sarà l’INPS stessa a versarmi i compensi sul mio conto corrente. E’ esatto.
    Grazie per la risposta.

    • Roberto
      Dicembre 21, 21:38 Reply

      Da quello che capisco, si tratta di prestazioni occasionali che prevedono la registrazione da parte del datore di lavoro (famiglia) e del lavoratore sul sito INPS. Poi sarà la famiglia che al termine del mese dichiarerà le prestazioni fatti e le verserà, nel conto virtuale inps, il valore di dette prestazioni.

  25. Pepro
    Dicembre 21, 09:31 Reply

    Buongiorno, avrei un quesito: in questa situazione pandemica, come percettore Naspi, posso cogliere l’opportunità di una collaborazione occasionale all’estero (paese incluso attualmente nell’elenco E del ministero degli esteri) della durata di due mesi entro i 5000E di limite? Il contratto di collaborazione occasionale rientra tra i motivi di lavoro utili per poter partire?

    • Roberto
      Dicembre 21, 21:39 Reply

      Prima di avviare la collaborazione deve avvertire l’INPS, fornendo l’ipotetico valore della collaborazione.

      • Pepro
        Dicembre 22, 15:11 Reply

        Grazie per la risposta!

        Quindi deduco che, se il valore della collaborazione dovesse rientrare entro i parametri di legge, io potrei partire con una valida motivazione come da indicazione degli ultimi DPCM, è corretto?

        • Roberto
          Dicembre 29, 22:03 Reply

          potrebbe avviare la collaborazione

  26. stefania
    Dicembre 13, 19:27 Reply

    Buonasera, vorrei porle un quesito.
    Ho una piccola impresa di trasporto medicinali. Vorrei incaricare per alcuni giorni al mese un collaboratore occasionale di tipo autonomo (ex art 2222 cv). Considerato che per il trasporto servono veicoli idonei (coibentati, a temperatura controllata e igienizzati) il collaboratore quando deciderà autonomamente di lavorare prenderà uno dei mezzi aziendali adibiti.
    Il collaboratore percepisce naspi. Da quello che ho capito:
    1) la ditta non deve fare nessuna comunicazione (INPS, DPL, ecc);
    2) la ditta a termine dell’incarico paga la prestazione e il collaboratore emette una ricevuta con marca da bollo;
    3)considerato che il collaboratore non percepirà più di 3000 euro non perde la naspi;
    Quello che non è chiaro:
    4) essendo lavoro molto saltuario il collaboratore prima e dopo la prestazione non deve comunicare nulla all’INPS/uffici? Ad esempio lui lavorerà 3 gg a settimana. Se deve comunicare qualcosa quando lo deve fare?

    • Roberto
      Dicembre 17, 21:26 Reply

      La comunicazione dovrà essere fatta qualora tra tutti i committenti superi la soglia annua decontribuita. Tenga presente che le prestazioni di questo tipo devono essere svolte per attività che prevedono una professionalità medio/alta, ove vi sia una piena autonomia gestionale della prestazione.

  27. Roberto
    Dicembre 11, 13:30 Reply

    Il compenso percepito quale lavoratore autonomo occasionale dovrà essere comunicato all’Inps, la quale potrebbe ridurre l’indennità di disoccupazione che sta erogando.

  28. aurelio
    Dicembre 10, 23:34 Reply

    Buongiorno, sto prendendo una disoccupazione naspi
    mi sta capitando i avere una opportunita di lavoro occasionale per una ditta vome rappresentante di prodotti. mi danno un ciscinetto di 700€ piu il 2% se faccio un fatturato di 10000,00€. quindi 200€ di guadagno. mi janno detto che npn devo presentare nulla all’INPS perche entro 5000€ annui lo posso fare. quindi tre mesi nel 2020 e per altri 5 mesi per il 2021 li posso fare. e giusto quello che mi hanno detto? posso lavorare tranquillamente ho devo comunicare? ogni mese vogliono una marca da bollo da 2 €. grazie gentilissimp

  29. Daniela
    Dicembre 05, 11:53 Reply

    Buongiorno, io ho lavorato per un mese ma prima di questo ho svolto lavoro occasionale, quest’ultimo può concorrere a formare le 13 settimane contributive per richiedere la naspi?

    • Roberto
      Dicembre 09, 22:01 Reply

      Ritengo di no. Si tratta di soli rapporti subordinati.

  30. Catoblepa
    Dicembre 02, 08:36 Reply

    Buongiorno, sono un lavoratore in Naspi e sto valutando di effettuare un lavoro di esazione crediti per conto di un istituto di vigilanza privata con trattamento economico meramente provvigionale e senza alcun vincolo da ambo le parti salvo l’emissione mensile da parte mia di una ricevuta con ritenuta d’acconto. Devo comunicarlo all’Inps? È compatibile con la Naspi?

    • Roberto
      Dicembre 05, 15:52 Reply

      Deve comunicare all’INPS il reddito presunto della sua attività occasionale.

      • Botep
        Febbraio 10, 02:57 Reply

        Buongiorno, il limite dei 2500 euro per singolo committente prestazione occasionale vale anche se questo è estero e non tenuto alla dichiarazione dei redditi in Italia? In questi casi chi paga il contributo previdenziale se si supera la soglia dei 5000 euro annui?

        • Roberto
          Febbraio 10, 09:24 Reply

          Lei sta parlando di un’altra tipologia: Prestazioni Occasionali (ex voucher). Per il lavoro autonomo occasionale non ci sono limiti se non per il pagamento della contribuzione.

  31. Barria
    Dicembre 01, 17:59 Reply

    Buonasera, io ricevo la naspi perchè ho perso il lavoro un anno fa, se dovessi prendere il bonus baby sitter, perdo il diritto alla Naspi?

    • Roberto
      Dicembre 05, 15:53 Reply

      Ritengo di no, in quanto non è equiparato ad una retribuzione.

  32. Azzurra
    Dicembre 01, 13:37 Reply

    Buonasera ho un dubbio
    La differenza tra prestazione occasionale e lavoro autonomo occasionale la fa la ritenuta d’acconto?
    Anche se lavoro 1 giorno solo ed emetto ricevuta con ritenuta si tratta di lavoro autonomo ed in caso di Naspi va comunicato?
    La prestazione invece non passa attraverso la ritenuta ma attraverso la piattaforma inps (ex voucher) giusto?

    • Roberto
      Dicembre 05, 15:53 Reply

      Ha ragione su tutta la linea. L’ex voucher non comporta comunicazioni all’INPS.

      • Botep
        Febbraio 10, 02:59 Reply

        Buongiorno, il limite dei 2500 euro per singolo committente prestazione occasionale vale anche se questo è estero e non tenuto alla dichiarazione dei redditi in Italia? In questi casi chi paga il contributo previdenziale se si supera la soglia dei 5000 euro annui?

      • Naspi2021
        Marzo 16, 14:42 Reply

        Buonasera,
        Ho letto diversi post su compatibilità tra naspi e contratto di collaborazione occasionale.
        Nel mio caso specifico, sto prendendo la naspi da circa un mese, nel frattempo mi hanno proposto un lavoro, con un contratto a prestazione occasionale.
        La domanda è:
        Accettando questa formula contrattuale, e non superando il tetto massimo di 5 mila euro annui, è necessario comunicarlo all’ inps?, perdo la naspi? Verrà sospesa?

        • Roberto
          Marzo 17, 09:03 Reply

          Le consiglio di effettuare la comunicazione. Non ci sarà sospensione se la soglia è sotto i 4800 euro

  33. Azzurra
    Dicembre 01, 13:32 Reply

    Buonasera ho un dubbio.
    Un lavoro occasionale e prestazione se viene pagato attraverso la piattaforma inps (ex voucher) diventa lavoro autonomo sempre occasionale se si emette la ritenuta d’acconto ? Giusto ?

    • Roberto
      Dicembre 05, 15:54 Reply

      No, sono 2 cose diverse. Il lavoro autonomo occasionale non deve passare per il sito Inps e viene gestito con la ritenuta d’acconto.

  34. Alvin
    Novembre 27, 18:21 Reply

    Salve, vorrei capire se posso intraprendere attività di Network marketing(vendita diretta di prodotti online) durante NASPI. Chiedo se devo comunicarlo all INPS e se i 2 redditi sono cumulabili o mi viene tolta e/o decurtata la NASPI. Grazie

    • Roberto
      Dicembre 01, 10:16 Reply

      Deve comunicare all’INPS il presunto reddito che percepirà con l’attività autonoma effettuata durante la NASPI. Questo le permetterà di non perdere la NASPI che le verrà, comunque, proporzionalmente ridotta rispetto al reddito dichiarato. Contatti l’INPS.

  35. Raffaella
    Novembre 25, 17:59 Reply

    È il primo mese che percepiro’ la Naspi per lavoro occasionale x 4gg… Bisogna fare qualche comunicazione o documento o avviene tutto in automatico?
    Grazie

    • Roberto
      Novembre 28, 12:10 Reply

      Se non ho capito male, lei è in NASpI e ha svolto un lavoro occasionale. In questo caso, deve comunicare all’INPS l’importo presunto del compenso.

  36. Ale78
    Novembre 10, 12:44 Reply

    Salve, percepisco la naspi da qualche mese e volevo sapere se firmando un contratto di prestazione occasionale con guadagni ampiamente sotto i 5000 euro ma non quantificabili avrò un annullamento/sospensione della naspi e se sono tenuto a comunicarlo all’INPS. Grazie mille

    • Roberto
      Novembre 14, 17:58 Reply

      Se per prestazioni occasionali intende ex voucher, non vi è alcuna sospensione della naspi.

  37. Ale78
    Novembre 10, 12:39 Reply

    Salve, percepisco la naspi da qualche mese e volevo sapere se firmando un contratto di prestazione occasionale con guadagni ampiamente sotto i 5000€ ma non quantificabili avrò un annullamento /sospensione della naspi e se sono tenuto a comunicarlo all’INPS. Grazie, buona giornata

  38. Mony
    Novembre 04, 11:06 Reply

    Percepirò a breve la naspi e arrotondo creando siti web.
    La creazione di un sito web con ritenuta d’acconto è visto come lavoratore autonomo occasionale per cui la naspi si riduce oppure come prestazione occasionale in cui non perdo nulla di naspi? Non mi è ben chiaro questa differenza.
    Ringrazio anticipatamente.

    • Roberto
      Novembre 05, 21:39 Reply

      Si tratta di un lavoro autonomo occasionale (art. 2222 c.c.).

  39. Francesco Mario
    Ottobre 30, 16:33 Reply

    Buonasera ,vorrei esporle il mio caso.Mi trovo in stato di disoccupazione,e percepisco appunto la Naspi da Marzo,per un anno perciò fino a Marzo 2021.Data la situazione generale in cui versiamo e la mia in particolare che mi ritrovo a vivere da solo da Luglio le spese sono tante ,pensavo di cominciare a fare le consegne con Glovo ma senza rinunciare alla Naspi,Glovo offre un contratto di prestazione occasionale fino al 31 12 2021 e fino ai 5000 euro annui dopodiché occorrerebbe aprire partita Iva.La domanda è la seguente :firmando un contratto di prestazione occasionale metterei a repentaglio la Naspi?Grazie anticipatamente.

    • Roberto
      Novembre 03, 22:33 Reply

      Deve fare riferimento alla circolare Inps n. 94/2015, dove viene precisato che il soggetto beneficiario deve informare l’INPS entro un mese dall’inizio dell’attività, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarre da tale attività.
      In tal caso l’indennità NASpI è ridotta di un importo pari all’80% dei del reddito previsto, rapportato al periodo di tempo intercorrente tra la data di inizio dell’attività e la data di fine dell’indennità o, se antecedente, la fine dell’anno.
      Infatti, Lei sta parlando di lavoro autonomo occasionale (art. 2222 c.c.) e non prestazione occasionale (art. 54-bis), interamente cumulabile con la Naspi.

  40. Ale68
    Ottobre 30, 11:32 Reply

    Quanto tempo deve passare fra la scadenza di un contratto a termine e l’assunzione con prestazione occasionale per non intaccare la domanda di dispoccupazione?

    • Roberto
      Novembre 01, 12:51 Reply

      Ritengo almeno 8 giorni, anche se legislativamente non è previsto un termine.

  41. la.ange
    Ottobre 29, 23:29 Reply

    Buongiorno. Ho un bambino nato nel 2020, dopo 10 anni di lavoro presso una ditta non potendo cambiare i miei orari di lavoro ho deciso di licenziarmi il 1 ottobre.
    Il bambino non avendo ancora 1 anno l’idea era di poter avere la naspi e continuare a crescere mio figlio a casa.
    Immediatamente ho chiesto poi la Naspi direttamente sul sito dell’INPS.
    Nel frattempo dal 7 al 10 ottobre sono stata chiamata per una supplenza alle medie (mi sono iscritta quest’estate alle graduatorie per la prima volta), poi il 14 ottobre un università privata mi ha fatto un contratto co.co.co di poche ore fino al 31 luglio per un importo totale che sarà di 1500 euro lordo per tutto il periodo, quindi ogni mese mi verrà pochissimo, circa 150 euro netto.
    ll 21 ottobre mi hanno richiamato per una nuova supplenza fino al 2 novembre.

    Collegandomi sul mio account dell’INPS ora la mia richiesta Naspi risulta respinta e non so cosa devo fare ….
    Ho chiesto un appuntamento all’INPS ma nessuno può ricevermi, ho chiamato i call center e nessuno risponde
    La mia domanda è : E possibile che la mia domanda Naspi sia stata respinta perché nel frattempo la mia 1 supplenza ed il mio contratto co.co.co sono pervenuti come informazione all’INPS e quindi in automatico mi hanno respinto la mia domanda ?
    Premetto che ho avvisato l’INPS per mail chiedendo aiuto quando ho preso la 1 supplenza e successivamente il contratto co.co.co perché appunto lo volevo dichiarare, ma nessuno mi ha risposto alla mail.

    Come mi devo comportare ora che dal 2 novembre non avrò più lavoro tranne il co.co.co di 150 euro netto al mese.
    Posso avere la Naspi visto che precedentemente sono stata impiegata per 10 anni ?
    Devo rifare una nuova domanda sul sito INPS anche se la prima domanda è stata respinta ?

    La prego se mi può gentilmente aiutare e dirmi come procedere ….

    • Roberto
      Novembre 01, 16:42 Reply

      Non penso che il problema sia la supplenza, ma il contratto co.co.co. per il quale doveva dichiarare l’importo approssimativo entro 30 giorni. Può fare ricorso alla mancata accettazione della Naspi. Vada da un patronato.

  42. Carlogenna
    Ottobre 29, 16:37 Reply

    Salve,sono disuccupato dal 31/08/2020 e ho una NASPI accettata e in corso,ora ho ricevuto una proposta di lavoro temporaneo (notula) per circa 2 mesi per 800€ al mese,da quanto ho capito non dovrei perdere la NASPI,giusto?
    ma la cosa che più mi preme è : devo comunicarlo all’INPS? perchè ho letto da qualche parte che in caso di mancata comunicazione potrebbe decadere la NASPI,è corretto?
    se devo comunicarlo,in che modo?
    Grazie in anticipo.

    • Roberto
      Novembre 01, 12:53 Reply

      Non è più obbligatoria la comunciazione in quanto la nuova ditta dovrebbe comunicare l’assunzione e quindi mettere al corrente anche l’Inps. Nulla vieta, comunque, che Lei comunichi all’Inps la cosa, attraverso una email dal suo profilo personale all’interno del sito inps.

  43. Nino54
    Ottobre 26, 17:23 Reply

    Buonasera.
    Percepisco la naspi è mi è stata proposta una collaborazione di tipo occasionale per procurare dei clienti ad un’azienda. In pratica lavoro 1 giorno a settimana fino alla fine dell’anno e dovrei percepire un compenso netto inferiore ai 5000 €. In merito a questa situazione ho qualche dubbio:
    devo comunicare qualcosa su aspi com? dalla circolare 174 del 23-11-2017 sembra di no, me lo conferma?
    l’importo massimo di 5000 € è netto o lordo? vorrei essere sicuro perchè con l’eventuale ritenuta d’acconto potrei superare l’importo massimo e quindi cambierebbe il mio status.
    Grazie e saluti

    • Roberto
      Ottobre 28, 21:53 Reply

      Ritengo che il rapporto che dovrà svolgere non è quello di “prestazione occasionale ai sensi dell’art. 54bis” (ex voucher) ma quello di lavoro autonomo occasionale, previsto dall’art. 2222 c.c. (in quanto parla di ritenuta d’acconto).

  44. gdad
    Ottobre 26, 12:31 Reply

    Buongiorno, sto percependo la naspi e da poco mi è stato proposto un contratto fino al 31/12/2020 con prestazione occasionale e compenso totale pari a 2100,00€. Mi sono documentato e nel mio caso non è prevista la sospensione della naspi, nè devo comunicare niente all’inps. Pò darmi delucidazioni in merito? grazie.

    • Roberto
      Ottobre 28, 21:54 Reply

      Sì, è così. Le prestazione effettuate ai sensi dell’art. 54-bis sono compatibili con la Naspi.

  45. Max
    Ottobre 22, 13:30 Reply

    Buongiorno,
    Vorrei sottoporre gentilmente un quesito. Percepisco la disoccupazione da mesi in seguito a chiusura dell’azienda. Se vengo assunto per un contratto solamente di una settimana avrò una decurtazione significativa della Naspi?
    La ringrazio in anticipo

    • Roberto
      Ottobre 23, 15:35 Reply

      No, va rapportato alla retribuzione che percepirà.

  46. Laudix
    Ottobre 19, 10:39 Reply

    Buongiorno.
    Mi chiamo Salvatore e a seguito di un accordo sindacale che prevede un esodo incentivato e NASPI sono disoccupato dal 1 di ottobre 2020, l’accordo prevede anche il riconoscimento di 4 mesi di preavviso quindi fino a gennaio 2021 compreso.
    Sul sito dell’INPS la pratica della NASPI risulta attivata.
    Ho ricevuto una proposta per una collaborazione per 3 mesi (da novembre 2020 a gennaio 2021) che si vorrebbe regolare come “Collaborazione Occasionale”.
    Se ho capito bene la collaborazione occasionale con un unico datore di lavoro non può superare i 2500 euro anno, è corretto?
    essendo la NASPI già interrotta (per via dei 4 mesi di mancato preavviso in cui il vecchio datore di lavoro riconosce i contributi) fino a gennaio 2021 come mi devo comportare con l’IMPS?
    Il mio timore è quello di non perdere il diritto alla NASPI da febbraio in poi quando comunque questo lavoro occasionale terminerà, può consigliarmi su come gestire al meglio questa situazione?
    Un saluto.
    Salvatore

    • Roberto
      Ottobre 23, 15:34 Reply

      Se si tratta di una prestazione occasionale (art. 54-bis) è corretto.

    • Antonella1985
      Gennaio 15, 19:01 Reply

      Buonasera, ho fatto 4 ricevute “compenso per prestazione occasionale” con ritenuta d’acconto
      Il tutto dal 07.05.2020 al 10.11.2020 per un importo circa 3.500,00 annui.
      Sono andata dal caf per fare disoccupazione ha detto che non mi spetta.. Lei sa cosa e come posso fare per averla e se mi spetta?
      Grazie

      • Roberto
        Gennaio 18, 21:44 Reply

        Se non ha pregressi rapporti di lavoro subordinato, le sole prestazioni occasionali non le danno diritto alla Naspi.

  47. Alessandra
    Ottobre 18, 16:23 Reply

    Salve,

    sto percependo la NASPI e vorrei fare delle prestazioni occasionali. Se ho capito bene posso farlo ma non superando la cifra totale di 5000 euro annui e quella di 2500 euro annui per ogni singolo utilizzatore. Vuol dire che se, come nel mio caso, c’è un solo utilizzatore, non posso superare i 2500 euro annui? Chiedo gentilmente una conferma. Grazie

    • Roberto
      Ottobre 19, 21:47 Reply

      Sì, i 2500 euro sono collegati al singolo committente.

  48. Vale238
    Ottobre 17, 12:09 Reply

    Ho ricevuto dall’Inps i due mesi di proroga Naspi previsti per le cessazioni avvenute fra il 1° marzo 2020 ed il 30 aprile. La cessazione , nel mio caso era avvenuta il 14 marzo, quindi ho avuto una copertura fino al 14maggio. Dal 18 maggio, fino al 22 luglio, ho effettuato una prestazione di lavoro occasionale come baby sitter, per la quale la mia datrice di lavoro ha utilizzato il Bonus baby sitting e ha quindi utilizzato i voucher per erogarmi la retribuzione che è stata complessivamente di €. 960,00. Da metà settembre , fortunatamente ho ripreso a lavorare. Alla luce di tutto ciò, vorrei sapere se ho diritto a riscuotere la proroga Naspi prevista dal decreto di Agosto per gli ulteriori due mesi dal 15 maggio al 14 luglio o se tale proroga non è cumulabile con il Bonus percepito. La ringrazio per la sua risposta. Valentina

    • Roberto
      Ottobre 19, 21:45 Reply

      Ritengo che non sia cumulabile. Chieda comunque all’INPS per sicurezza.

      • Exa
        Maggio 03, 22:17 Reply

        Buongiorno,
        Attualmente ho un lavoro a tempo indeterminato che però non coincide più con le mie esigenze personali. In più, nemmeno coincide più con quelle fisiche dato che il suddetto lavoro mi sta provocando dolori a mani e schiena. Ho pensato di cercare un altro impiego, ma non vengo nemmeno chiamata essendo già occupata a tempo indeterminato. Finora, ho sostenuto pochissimi colloqui di lavoro. Onestamente, avrei preferito licenziarmi e provare a formarmi in una nuova professione. In caso di mio licenziamento, avrei diritto alla naspi? E se si, potrei comunque svolgere una collaborazione occasionale sotto i 5000 euro annui?
        Grazie

        • Roberto
          Maggio 04, 21:15 Reply

          Le dimissioni volontarie non comportano la percezione della Naspi per il lavoratore.

  49. Fabio
    Ottobre 14, 18:58 Reply

    Buona sera, ho concordato con l’azienda ed i sindacati un licenziamento una settimana fa, due giorni dopo ho firmato un contratto autonomo occasionale con un sltra azienda /(senzs partits iva), posso richiedere la naspi da domani? Devo comunicare il reddito presunto o posso fare a meno di comunicarlo all’inps ? Grazie.

    • Roberto
      Ottobre 19, 21:44 Reply

      Deve comunicare il reddito presunto all’INPS.

  50. Michy68
    Settembre 24, 20:19 Reply

    Buongiorno,
    Sono un infermiera e sono in disoccupazione e sto prendendo naspi
    Ho un contratto di lavoro occasionale dal 31 /09/20 al 30/09/20 con la croce rossa italiana con un compenso di 150 euro al giorno! Come mi devo comportare per non perdere naspi ? Devo trasmettere il raporto di lavoro a inps , mi devo fermare di fare i turni quando arrivo a 4800 euro ? Se mi propongono la proroga di un altro mese cosa devo fare? Grazie per la risposta!

    • Roberto
      Settembre 28, 21:58 Reply

      Deve comunicare il compenso all’INPS perchè possa valutare la sospensione o la cessazione della NASPI.

  51. Paola
    Settembre 21, 08:31 Reply

    Buongiorno, sono Paola e vorrei alcune informazioni sul lavoro a chiamata, a maggio 2019 Adecco mi ha fatto un contratto a chiamata intermittente a tempo indeterminato e ho lavorato fino a settembre 2019. Da allora non ho più ricevuto chiamate non sono più parte del progetto per cui ero entrata e non sono stata avvisata via email che il mio referente era cambiato ecc (mentre altri hanno ricevuto email) ho chiesto spiegazione senza risposta, ora mi trovo con un contratto attivo (e quindi anno prossimo dovrò pagare relativo 730 perché ho anche la naspi) senza lavoro. Loro naturalmente non mi licenziano, ma io mi chiedo il senso di avere questo contratto che mi penalizzerebbe se saltasse fuori un nuovo lavoro. Mi è stato detto di non licenziarmi ma non credo che l’agenzia mi chiamerà visto il periodo. Che fare?

    • Roberto
      Settembre 22, 18:50 Reply

      Proverei a chiudere il rapporto con una dimissione per giusta causa (mancanza di prestazioni e relativa retribuzione).

      • Laurapece77
        Ottobre 29, 22:17 Reply

        Buonasera, la scorsa settimana ho presentato domanda per la Naspi, nei mesi scorsi ho effettuato delle prestazioni di lavoro occasionale, pagate con ritenuta d’acconto, senza alcun vincolo contrattuale, e che non so se si ripeteranno in futuro. In questo caso devo dichiarare qualcosa all’Inps o, rientrando nei limiti dei 5000 euro annui, non sono tenuta a dichiarare questi compensi, non sapendo neanche quale potrebbe essere il reddito annuale ipotizzabile per il futuro? Grazie mille.

        • Roberto
          Novembre 01, 12:54 Reply

          Ritengo di no, non superando il limite dei 5mila euro annui.

  52. Sabrina Giraldo
    Settembre 20, 11:45 Reply

    Buongiorno, avrei un quesito da porle. Attualmente sto perceoendo la NASPI e mi è stato proposto una collaborazione come segnalatrice presso un assicurazione. Mi sono informata e se nn supero i 5.000.euro di soglia, non incorro nel pericolo di interruzione della NASPI. Vorrei la certezza di questo. Grazie

      • Azzurra
        Dicembre 01, 11:16 Reply

        Buongiorno sono percettrice Naspi , ho un dubbio . Per mantenere lo stato al 100% di disoccupazione posso avere una prestazione occasionale . La prestazione occasionale ex voucher non è quella con ritenuta d’acconto ma è quella che viene attivata sul sito inps giusto ?

  53. jackino
    Settembre 03, 15:42 Reply

    Salve, se sto percependo la Naspi e mi propongono un lavoro all’estero (autonomo occasionale senza P IVA) sotto i 4000€ devo comunicarlo? In caso positivo viene applicata una riduzione o sospensione della Naspi?

    • Roberto
      Settembre 07, 08:26 Reply

      Deve comunicarlo ma, a mio avviso, non avrà alcuna penalizzazione. Comunque, senta l’INPS in merito.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.