fbpx

La prestazione occasionale preclude la possibilità di percepire la Naspi?

La prestazione occasionale preclude la possibilità di percepire la Naspi?

Ho un quesito sul tema della compatibilità tra Naspi e svolgimento di prestazione occasionale. La prestazione occasionale (es. attività di baby sitter) svolta da parte di chi percepisce l’indennità Naspi preclude la possibilità in capo al prestatore di continuare a percepire quest’ultima?

I compensi percepiti per attività rientranti nelle prestazioni occasionali (art. 54-bis del decreto legge n. 50/2017) non incidono sullo stato di disoccupazione; ragion per cui se il soggetto è beneficiario della NASpI, può svolgere prestazioni di lavoro occasionale nel limite di 5.000 euro annui. Entro detto limite, l’indennità NASpI è interamente cumulabile con i compensi. Inoltre, il soggetto non è tenuto a comunicare all’Inps il compenso derivante dalla predetta attività. (circolare INPS n. 174, del 23 novembre 2017).

Per maggiori informazioni, di seguito, un estratto dell’art. 54-bis del decreto-legge n. 50/2017:

[…] Entro i limiti e con le modalità di cui al presente articolo è ammessa la possibilità di acquisire prestazioni di lavoro occasionali, intendendosi per tali le attività lavorative che danno luogo, nel corso di un anno civile: a) per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro; b) per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro; c) per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore a 2.500 euro; c-bis) per ciascun prestatore, per le attività di cui al decreto del Ministro dell’interno 8 agosto 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 195 del 23 agosto 2007, svolte nei confronti di ciascun utilizzatore di cui alla legge 23 marzo 1981, n. 91, a compensi di importo complessivo non superiore a 5.000 euro […]

Leggi anche:

NASpI e licenziamenti nulli in periodo di sospensione: i chiarimenti dell’Inps [E.Massi]

I chiarimenti dell’Inps sulla questione del riconoscimento della NASPI in favore di chi è stato licenziato per giustificato motivo oggettivo in un momento in cui vigeva la sospensione dei licenziamenti

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 703 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

131 Commenti

  1. gdad
    Ottobre 26, 12:31 Reply

    Buongiorno, sto percependo la naspi e da poco mi è stato proposto un contratto fino al 31/12/2020 con prestazione occasionale e compenso totale pari a 2100,00€. Mi sono documentato e nel mio caso non è prevista la sospensione della naspi, nè devo comunicare niente all’inps. Pò darmi delucidazioni in merito? grazie.

    • Roberto
      Ottobre 28, 21:54 Reply

      Sì, è così. Le prestazione effettuate ai sensi dell’art. 54-bis sono compatibili con la Naspi.

  2. Max
    Ottobre 22, 13:30 Reply

    Buongiorno,
    Vorrei sottoporre gentilmente un quesito. Percepisco la disoccupazione da mesi in seguito a chiusura dell’azienda. Se vengo assunto per un contratto solamente di una settimana avrò una decurtazione significativa della Naspi?
    La ringrazio in anticipo

    • Roberto
      Ottobre 23, 15:35 Reply

      No, va rapportato alla retribuzione che percepirà.

  3. Laudix
    Ottobre 19, 10:39 Reply

    Buongiorno.
    Mi chiamo Salvatore e a seguito di un accordo sindacale che prevede un esodo incentivato e NASPI sono disoccupato dal 1 di ottobre 2020, l’accordo prevede anche il riconoscimento di 4 mesi di preavviso quindi fino a gennaio 2021 compreso.
    Sul sito dell’INPS la pratica della NASPI risulta attivata.
    Ho ricevuto una proposta per una collaborazione per 3 mesi (da novembre 2020 a gennaio 2021) che si vorrebbe regolare come “Collaborazione Occasionale”.
    Se ho capito bene la collaborazione occasionale con un unico datore di lavoro non può superare i 2500 euro anno, è corretto?
    essendo la NASPI già interrotta (per via dei 4 mesi di mancato preavviso in cui il vecchio datore di lavoro riconosce i contributi) fino a gennaio 2021 come mi devo comportare con l’IMPS?
    Il mio timore è quello di non perdere il diritto alla NASPI da febbraio in poi quando comunque questo lavoro occasionale terminerà, può consigliarmi su come gestire al meglio questa situazione?
    Un saluto.
    Salvatore

    • Roberto
      Ottobre 23, 15:34 Reply

      Se si tratta di una prestazione occasionale (art. 54-bis) è corretto.

    • Antonella1985
      Gennaio 15, 19:01 Reply

      Buonasera, ho fatto 4 ricevute “compenso per prestazione occasionale” con ritenuta d’acconto
      Il tutto dal 07.05.2020 al 10.11.2020 per un importo circa 3.500,00 annui.
      Sono andata dal caf per fare disoccupazione ha detto che non mi spetta.. Lei sa cosa e come posso fare per averla e se mi spetta?
      Grazie

      • Roberto
        Gennaio 18, 21:44 Reply

        Se non ha pregressi rapporti di lavoro subordinato, le sole prestazioni occasionali non le danno diritto alla Naspi.

  4. Alessandra
    Ottobre 18, 16:23 Reply

    Salve,

    sto percependo la NASPI e vorrei fare delle prestazioni occasionali. Se ho capito bene posso farlo ma non superando la cifra totale di 5000 euro annui e quella di 2500 euro annui per ogni singolo utilizzatore. Vuol dire che se, come nel mio caso, c’è un solo utilizzatore, non posso superare i 2500 euro annui? Chiedo gentilmente una conferma. Grazie

    • Roberto
      Ottobre 19, 21:47 Reply

      Sì, i 2500 euro sono collegati al singolo committente.

  5. Vale238
    Ottobre 17, 12:09 Reply

    Ho ricevuto dall’Inps i due mesi di proroga Naspi previsti per le cessazioni avvenute fra il 1° marzo 2020 ed il 30 aprile. La cessazione , nel mio caso era avvenuta il 14 marzo, quindi ho avuto una copertura fino al 14maggio. Dal 18 maggio, fino al 22 luglio, ho effettuato una prestazione di lavoro occasionale come baby sitter, per la quale la mia datrice di lavoro ha utilizzato il Bonus baby sitting e ha quindi utilizzato i voucher per erogarmi la retribuzione che è stata complessivamente di €. 960,00. Da metà settembre , fortunatamente ho ripreso a lavorare. Alla luce di tutto ciò, vorrei sapere se ho diritto a riscuotere la proroga Naspi prevista dal decreto di Agosto per gli ulteriori due mesi dal 15 maggio al 14 luglio o se tale proroga non è cumulabile con il Bonus percepito. La ringrazio per la sua risposta. Valentina

    • Roberto
      Ottobre 19, 21:45 Reply

      Ritengo che non sia cumulabile. Chieda comunque all’INPS per sicurezza.

      • Exa
        Maggio 03, 22:17 Reply

        Buongiorno,
        Attualmente ho un lavoro a tempo indeterminato che però non coincide più con le mie esigenze personali. In più, nemmeno coincide più con quelle fisiche dato che il suddetto lavoro mi sta provocando dolori a mani e schiena. Ho pensato di cercare un altro impiego, ma non vengo nemmeno chiamata essendo già occupata a tempo indeterminato. Finora, ho sostenuto pochissimi colloqui di lavoro. Onestamente, avrei preferito licenziarmi e provare a formarmi in una nuova professione. In caso di mio licenziamento, avrei diritto alla naspi? E se si, potrei comunque svolgere una collaborazione occasionale sotto i 5000 euro annui?
        Grazie

        • Roberto
          Maggio 04, 21:15 Reply

          Le dimissioni volontarie non comportano la percezione della Naspi per il lavoratore.

  6. Fabio
    Ottobre 14, 18:58 Reply

    Buona sera, ho concordato con l’azienda ed i sindacati un licenziamento una settimana fa, due giorni dopo ho firmato un contratto autonomo occasionale con un sltra azienda /(senzs partits iva), posso richiedere la naspi da domani? Devo comunicare il reddito presunto o posso fare a meno di comunicarlo all’inps ? Grazie.

    • Roberto
      Ottobre 19, 21:44 Reply

      Deve comunicare il reddito presunto all’INPS.

  7. Michy68
    Settembre 24, 20:19 Reply

    Buongiorno,
    Sono un infermiera e sono in disoccupazione e sto prendendo naspi
    Ho un contratto di lavoro occasionale dal 31 /09/20 al 30/09/20 con la croce rossa italiana con un compenso di 150 euro al giorno! Come mi devo comportare per non perdere naspi ? Devo trasmettere il raporto di lavoro a inps , mi devo fermare di fare i turni quando arrivo a 4800 euro ? Se mi propongono la proroga di un altro mese cosa devo fare? Grazie per la risposta!

    • Roberto
      Settembre 28, 21:58 Reply

      Deve comunicare il compenso all’INPS perchè possa valutare la sospensione o la cessazione della NASPI.

  8. Paola
    Settembre 21, 08:31 Reply

    Buongiorno, sono Paola e vorrei alcune informazioni sul lavoro a chiamata, a maggio 2019 Adecco mi ha fatto un contratto a chiamata intermittente a tempo indeterminato e ho lavorato fino a settembre 2019. Da allora non ho più ricevuto chiamate non sono più parte del progetto per cui ero entrata e non sono stata avvisata via email che il mio referente era cambiato ecc (mentre altri hanno ricevuto email) ho chiesto spiegazione senza risposta, ora mi trovo con un contratto attivo (e quindi anno prossimo dovrò pagare relativo 730 perché ho anche la naspi) senza lavoro. Loro naturalmente non mi licenziano, ma io mi chiedo il senso di avere questo contratto che mi penalizzerebbe se saltasse fuori un nuovo lavoro. Mi è stato detto di non licenziarmi ma non credo che l’agenzia mi chiamerà visto il periodo. Che fare?

    • Roberto
      Settembre 22, 18:50 Reply

      Proverei a chiudere il rapporto con una dimissione per giusta causa (mancanza di prestazioni e relativa retribuzione).

      • Laurapece77
        Ottobre 29, 22:17 Reply

        Buonasera, la scorsa settimana ho presentato domanda per la Naspi, nei mesi scorsi ho effettuato delle prestazioni di lavoro occasionale, pagate con ritenuta d’acconto, senza alcun vincolo contrattuale, e che non so se si ripeteranno in futuro. In questo caso devo dichiarare qualcosa all’Inps o, rientrando nei limiti dei 5000 euro annui, non sono tenuta a dichiarare questi compensi, non sapendo neanche quale potrebbe essere il reddito annuale ipotizzabile per il futuro? Grazie mille.

        • Roberto
          Novembre 01, 12:54 Reply

          Ritengo di no, non superando il limite dei 5mila euro annui.

  9. Sabrina Giraldo
    Settembre 20, 11:45 Reply

    Buongiorno, avrei un quesito da porle. Attualmente sto perceoendo la NASPI e mi è stato proposto una collaborazione come segnalatrice presso un assicurazione. Mi sono informata e se nn supero i 5.000.euro di soglia, non incorro nel pericolo di interruzione della NASPI. Vorrei la certezza di questo. Grazie

      • Azzurra
        Dicembre 01, 11:16 Reply

        Buongiorno sono percettrice Naspi , ho un dubbio . Per mantenere lo stato al 100% di disoccupazione posso avere una prestazione occasionale . La prestazione occasionale ex voucher non è quella con ritenuta d’acconto ma è quella che viene attivata sul sito inps giusto ?

  10. jackino
    Settembre 03, 15:42 Reply

    Salve, se sto percependo la Naspi e mi propongono un lavoro all’estero (autonomo occasionale senza P IVA) sotto i 4000€ devo comunicarlo? In caso positivo viene applicata una riduzione o sospensione della Naspi?

    • Roberto
      Settembre 07, 08:26 Reply

      Deve comunicarlo ma, a mio avviso, non avrà alcuna penalizzazione. Comunque, senta l’INPS in merito.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.