In caso di assunzione a termine con livello diverso dal precedente azzero le proroghe possibili?

In caso di assunzione a termine con livello diverso dal precedente azzero le proroghe possibili?

Buongiorno, se assumo un lavoratore a tempo determinato con un livello e categoria legale diversa rispetto ai pregressi rapporti a termine, si azzera il numero di proroghe e riprendono da 4?

No, il numero di proroghe (articolo 21, comma 1, del D.L.vo 81/2015) non è collegato al livello e categoria legale del lavoratore, così come la durata massima, ma è collegato unicamente alla figura del lavoratore assunto con rapporti di lavoro a tempo determinato con lo stesso datore di lavoro. Ricordo che nel massimale del numero di proroghe (4), non rientrano le proroghe effettuate durante eventuali rapporti in somministrazione con lo stesso lavoratore.

Per maggiori informazioni di seguito gli articoli 21 e 19 del D.L.vo 81/2015

Art. 21. Proroghe e rinnovi

Il contratto può essere rinnovato solo a fronte delle condizioni di cui all’articolo 19, comma 1.

Il contratto può essere prorogato liberamente nei primi dodici mesi e, successivamente, solo in presenza delle condizioni di cui all’articolo 19, comma 1.

In caso di violazione di quanto disposto dal primo e dal secondo periodo, il contratto si trasforma in contratto a tempo indeterminato. I contratti per attività stagionali, di cui al comma 2 del presente articolo, possono essere rinnovati o prorogati anche in assenza delle condizioni di cui all’articolo 19, comma 1.

Art. 19. Apposizione del termine e durata massima

Al contratto di lavoro subordinato può essere apposto un termine di durata non superiore a dodici mesi. Il contratto può avere una durata superiore, ma comunque non eccedente i ventiquattro mesi, solo in presenza di almeno una delle seguenti condizioni: 

a) esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività, ovvero esigenze di sostituzione di altri lavoratori;
b) esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili, dell’attività ordinaria.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 564 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se un dipendente dovesse andare a lavorare in un’altra azienda dovrebbe dimettersi ed essere assunto dall’altra azienda? Esiste una possibilità di evitare questo iter con una sorta di trasferimento diretto?

Per il caso prospettato, è possibile la cessione del contratto di lavoro, prevista dall’art. 1406 del c.c., che contempla la possibilità delle parti di cedere, ad un terzo, un contratto

È già obbligatoria la comunicazione dei lavoratori accessori (voucher) alla sede territoriale dell’ Ispettorato nazionale del lavoro?

La comunicazione non è ancora operativa per 2 motivi: Il correttivo deve essere pubblicato in Gazzetta ufficiale; Deve essere emanato un Decreto del Ministero del Lavoro che identifichi la procedura

Il contratto collettivo può rivedere il numero massimo di apprendisti che una azienda può assumere?

No. La norma (art. 42, comma 7, del D.L.vo 81/2015) non delega alla contrattazione collettiva la disciplina sul numero massimo di apprendisti presenti, contemporaneamente, all’interno dell’azienda. Questo limite è una

4 Commenti

  1. Titty
    Febbraio 14, 20:39 Reply

    Buonasera, in un contratto a termine per ragioni sostitutive esempio malattia del lavoratore, il termine è subordinato al rientro dalla malattia? Oppure bisogna apporre un termine indipendentemente dal rientro? Grazie mille

    • Roberto
      Febbraio 17, 07:58 Reply

      Ritengo che basti agganciare il contratto a termine al rientro del lavoratore sostituito.

  2. Roberto
    Gennaio 07, 16:08 Reply

    Buonasera, la norma prevede “l’azzeramento” del contatore della durata, laddove vi sia effettivamente un cambio di livello e categoria legale del lavoratore assunto a termine. Non è così palese che detto azzeramento riguardi le proroghe, in quanto non previsto dal comma 2 dell’articolo 21. Inoltre, ritengo che trattasi, comunque, di rinnovo e come tale va applicata la causale e la relativa contribuzione aggiuntiva.

  3. ANNALISA
    Gennaio 03, 18:24 Reply

    Buonasera Dr. CAMERA, visto i dubbi infiniti…riporto un estratto del comma 2 dell’Art.19 del D.L.vo 81/2015,
    “….fatte salve le diverse disposizioni dei contratti collettivi, e con l’eccezione delle attività stagionali di cui all’articolo 21, comma 2, la durata dei rapporti di lavoro a tempo determinato intercorsi tra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore, per effetto di una successione di contratti, conclusi per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale e indipendentemente dai periodi di interruzione tra un contratto e l’altro, non può superare i ventiquattro mesi…..”
    Facendo una deduzione “ingenua”, sembra si possano assumere lavoratori a tempo determinato, già assunti precedentemente a tempo determinato, per un totale di altri 24 mesi se la nuova mansione si inquadra in un diverso livello e categoria legale. E altrettanto ingenuamente, pensando ad un nuovo rapporto, sembra si abbiano a disposizione altre 4 proroghe….
    … la domanda è… HELP…. cosa rispondiamo alle Aziende?
    Grazie infinitamente e i più sinceri Auguri di Buon Anno

Lascia un commento