È obbligatoria la risposta ad una statistica dell’INAPP?

È obbligatoria la risposta ad una statistica dell’INAPP?

Abbiamo ricevuto una richiesta di partecipazione ad una statistica da parte l’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP). Si tratta di una rilevazione prevista nel Programma Operativo Nazionale – Sistemi di politiche attive per l’occupazione (PON SPAO). Volevamo sapere se fosse obbligatoria la partecipazione.

Sì, la statistica rientra nell’elenco del Programma statistico nazionale 2017-2019. La richiesta dell’ente comporta l’obbligo di risposta. Allego il link di riferimento della statistica codice IAP-00006 (ex ISF-00039):

  Elenco obbligo risposta Programma Statistico Nazionale

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 528 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di prosecuzione del rapporto di lavoro oltre il termine inizialmente pattuito, trasmettere l’UNILAV è obbligatorio?

Parere in ordine alla sussistenza o meno dell’obbligo di trasmettere l’UNILAV in caso di prosecuzione di fatto del rapporto di lavoro oltre la scadenza del termine inizialmente pattuito (art.22 D.Lgs.

Se una persona, iscritta nelle liste di mobilità, lavora con contratto a termine 12 mesi e poi successivamente viene confermata a tempo indeterminato entro il 2015, l’azienda, oltre ad avere lo sgravio per i successivi 12 mesi gode anche delle agevolazioni degli 8mila euro per 3 anni ?

In relazione agli incentivi per l’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex art. 6 della legge n. 223/1991, risulta cumulabile con l’esonero contributivo esclusivamente il contributo di cui

Qual’è il massimale di compenso che posso prevedere per un lavoratore accessorio ?

Il massimale di compenso che posso prevedere per un lavoratore accessorio è pari a 2.000 euro netti l’anno, attraverso la corresponsione di voucher. Il massimale riguarda esclusivamente gli imprenditori, in quanto,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento