Raggiunto il massimale di ore di lavoro straordinario posso erogare, in luogo della retribuzione, un premio per l’aiuto che il lavoratore sta dando all’azienda?

Raggiunto il massimale di ore di lavoro straordinario posso erogare, in luogo della retribuzione, un premio per l’aiuto che il lavoratore sta dando all’azienda?

Domanda molto secca: una volta raggiunto il massimale di ore di lavoro straordinario che un lavoratore può svolgere nell’anno, posso continuare a fargli fare ore di straordinario ed erogare, in luogo della retribuzione e della relativa maggiorazione, un premio per l’aiuto che il lavoratore sta dando all’azienda?

La risposta è altrettanto secca: NO.

Il massimale di ore di lavoro straordinario è previsto dal CCNL applicato dall’azienda, ovvero, laddove non previsto, è indicato dalla legge in 250 ore annue. Il superamento del limite massimo di ore di lavoro straordinario, ancorché retribuite, fa scattare una sanzione amministrativa (articolo 18-bis, comma 6, D.L.vo 66/2003).

Di seguito un estratto dal D.L.vo 66/2003:

Art. 5 

  1. In difetto di disciplina collettiva applicabile, il ricorso al lavoro straordinario è ammesso soltanto previo accordo tra datore di lavoro e lavoratore per un periodo che non superi le duecentocinquanta ore annuali.
  2. Il lavoro straordinario deve essere computato a parte e compensato con le maggiorazioni retributive previste dai contratti collettivi di lavoro. I contratti collettivi possono in ogni caso consentire che, in alternativa o in aggiunta alle maggiorazioni retributive, i lavoratori usufruiscano di riposi compensativi.

Art. 18-bis. Sanzioni

La violazione delle disposizioni previste dall’articolo 5, commi 3 e 5, è soggetta alla sanzione amministrativa da 25 a 154 euro. Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata nel corso dell’anno solare per più di cinquanta giornate lavorative, la sanzione amministrativa va da 154 a 1.032 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 534 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Una signora, iscritta regolarmente all’ albo degli architetti, da febbraio collabora con noi come libero professionista a fattura. Quest’anno fatturerà circa l’80% con noi. Cosa ci possono contestare?

Si tratta di una signora, iscritta regolarmente all’ albo degli architetti, che da febbraio collabora con noi come libero professionista a fattura.  Cura una parte della manualistica, le fiere e

Quali sanzioni sono previste in caso di inadempienza all’ obbligo formativo ?

Il mancato assolvimento dell’ obbligo formativo , tale da pregiudicare le finalità dell’istituto e di cui sia esclusivamente responsabile il datore di lavoro, comporta il pagamento del doppio della differenza

Quali sono i lavoratori somministrati che non rientrano nel limite percentuale previsto dalla legge degli svantaggiati?

Sono esentati dalla percentuale del 30% (articolo 31, comma 2, del decreto legislativo 81/2015), i lavoratori somministrati appartenenti ad una delle seguenti categorie di lavoratori cd. svantaggiati (previsti dal Decreto

2 Commenti

  1. Angelo Trotta
    Ottobre 14, 16:03 Reply

    Sono un ex Ispettore del lavoro ed ho svolto il mio servizio a Pesaro dal 1967 al 1994. Apprezzo molto la rubrica che tieni su questo sito e considero molto utile Dottrina del Lavoro per le novità legislative commentate, per gli articoli e tutto ciò che concerne la disciplina del lavoro. Ciò perché collaboro, pur in pensione, con Studi di consulenza del lavoro. Complimenti.

    • Roberto
      Ottobre 14, 16:58 Reply

      Grazie per le belle parole. Le apprezzo particolarmente.

Lascia un commento