I buoni pasto rientrano nelle erogazioni liberali nel limite di 258 euro?

I buoni pasto rientrano nelle erogazioni liberali nel limite di 258 euro?

I buoni pasto non rientrano tra le erogazioni liberali (limite 258,23 euro annuali) ma sono gestiti nei limiti previsti dall’articolo 51, comma 2, lett. c), del TUIR:

  1. c) le somministrazioni di vitto da parte del datore di lavoro, nonché quelle in mense organizzate direttamente dal datore di lavoro o gestite da terzi, o, fino all’importo complessivo giornaliero di euro 5,29, aumentato a euro 7 nel caso in cui le stesse siano rese in forma elettronica,  …;

I buoni pasto vengono istituiti con accordo aziendale appositamente predisposto e sono esenti quindi entro i valori giornalieri summenzionati.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 510 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un' azienda Emiliana di 45 dipendenti vuole prendere un tirocinante.​ Visto che il limite è del 10% del personale, come si calcola 4,5 per eccesso o per difetto?

La sua azienda può utilizzare contemporaneamente 5 tirocinanti, in quanto la normativa regionale dell’Emilia Romagna prescrive sempre un arrotondamento in accesso.

È obbligatorio depositare al Ministero del Lavoro il premio di risultato per usufruire della detassazione?

Abbiamo un accordo aziendale, siglato a novembre 2018, che prevede un premio di risultato che, per quest’anno, è incrementale rispetto agli indicatori previsti dal contratto stesso. Il problema è che

Ad un’azienda con la quale ho rapporti commerciali, vorrei cedere il contratto di lavoro di un mio dipendente. Ci vuole la sua volontà ?

L’art. 1406 c.c., regolamenta la cessione del contratto. Più precisamente, la norma dispone che uno dei due contraenti possa cedere ad un terzo il contratto, a condizione però che l’altro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento