È obbligatorio depositare al Ministero del Lavoro il premio di risultato per usufruire della detassazione?

È obbligatorio depositare al Ministero del Lavoro il premio di risultato per usufruire della detassazione?

Abbiamo un accordo aziendale, siglato a novembre 2018, che prevede un premio di risultato che, per quest’anno, è incrementale rispetto agli indicatori previsti dal contratto stesso. Il problema è che non l’abbiamo ancora depositato al Ministero del Lavoro. Possiamo comunque fruire della detassazione?

La circolare n. 5/2018 dell’Agenzia delle Entrate, in merito al deposito del contratto aziendale, ha specificato che: “ai fini dell’applicazione dell’imposta sostitutiva del 10%, l’art. 5 del Decreto prevede che i contratti territoriali e aziendali siano depositati entro 30 giorni dalla loro sottoscrizione, … Tale termine è da intendersi quale ordinatorio fermo restando che i premi di risultato risulteranno agevolabili sempreché i contratti aziendali o territoriali al momento della erogazione del premio siano già stati depositati, unitamente alla dichiarazione di conformità del contratto alle previsioni della legge.”.

In definitiva, qualora non abbiate ancora distribuito il Premio Di Risultato e questo è agevolabile secondo quanto previsto dalle legge 208/2015 e dal Decreto Ministeriale 25 marzo 2016, potete detassarlo previo deposito dell’accordo aziendale al seguente link:  Deposito telematico contratti di secondo livello

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 536 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In merito alla continuazione del rapporto a tempo determinato oltre la scadenza: era possibile in base al D. Lvo 81/2015, lo è anche ora con la Legge 96/2018?

Vorrei chiedervi un chiarimento in merito alla continuazione del rapporto a tempo determinato oltre la scadenza: Era possibile in base al D. Lgs 81/2015, lo è anche ora con la

L’azienda presso la quale lavoro applica il CCNL che non disciplina l’apprendistato professionalizzante, così come modificato dal TU 167/2011; posso comunque assumere un apprendista con le vecchie regole ?

L’interpello n. 4/2013 del Ministero del Lavoro stabilisce che nel caso in cui il datore di lavoro applichi un contratto collettivo che non abbia disciplinato l’ apprendistato professionalizzante, è possibile

Ho un caso un po’ particolare: una dipendente ha avuto 3 gemelli. In questo caso, a quanto ammonta il riposo giornaliero?

Il riposo giornaliero (cd. allattamento), prescritto dall’articolo 39 e ss, del decreto legislativo 151/2001, è pari a 2 ore. In caso di parto plurimo, i periodi di riposo sono raddoppiati

3 Commenti

  1. luca
    Luglio 10, 15:48 Reply

    Gent.mo Dott.Camera,
    un ulteriore dubbio mi rimane in merito al quesito di cui sopra e lo vorrei sottoporre alla sua attenzione ed esperienza.
    Se ho 30 giorni di tempo per depositare l’accorda dalla data di sottoscrizione (che nell’esempio proposto è stato sottoscritto a novembre 2018) come faccio a depositare il contratto ad esempio a giugno 2019?
    In attesa di un Suo gentile riscontro saluto cordialmente

    • Roberto
      Luglio 11, 08:55 Reply

      Perchè l’Agenzia delle Entrate, nella circolare 5/2018 ha precisato che il termine dei 30 giorni per il deposito del contratto è “da intendersi quale ordinatorio fermo restando che i premi di risultato risulteranno agevolabili sempreché i contratti aziendali o territoriali al momento della erogazione del premio siano già stati depositati, unitamente alla dichiarazione di conformità del contratto alle previsioni della legge”.

    • Roberto
      Luglio 11, 08:56 Reply

      Perchè l’Agenzia delle Entrate, nella circolare 5/2018, ha precisato che il termine dei 30 giorni è da considerarsi “ordinatorio fermo restando che i premi di risultato risulteranno agevolabili sempreché i contratti aziendali o territoriali al momento della erogazione del premio siano già stati depositati, unitamente alla dichiarazione di conformità del contratto alle previsioni della legge”.

Lascia un commento