Per un appalto in un ente pubblico è obbligatoria la certificazione che evidenzi il rispetto della normativa sui disabili?

Per un appalto in un ente pubblico è obbligatoria la certificazione che evidenzi il rispetto della normativa sui disabili?

Ho aderito ad un bando per un appalto in un ente pubblico. L’ente ora mi chiede una certificazione che evidenzi il rispetto della normativa sui disabili. Sono obbligato a farla? Cosa succede se non la rilascio?

L’articolo 80, comma 5, lett. i), del decreto legislativo 50/2016 (Codice dei contratti pubblici) prevede, tra i requisiti di carattere generale per la partecipazione ad un appalto pubblico, il rispetto della normativa sui disabili. In particolare, l’impresa che vuole partecipare all’appalto deve, ai sensi dell’art. 17, della Legge 68/1999, presentare all’Ente pubblico (committente) la dichiarazione del legale rappresentante che attesti di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, pena l’esclusione della partecipazione all’appalto pubblico.

Di seguito gli estratti da:

  • decreto legislativo 80/2016 articolo 80, comma 5, lett. i
  1. Le stazioni appaltanti escludono dalla partecipazione alla procedura d’appalto un operatore economico in una delle seguenti situazioni, anche riferita a un suo subappaltatore nei casi di cui all’articolo 105, comma 6, qualora:[…]
  2. i) l’operatore economico non presenti la certificazione di cui all’articolo 17 della legge 12 marzo 1999, n. 68, ovvero autocertifichi la sussistenza del medesimo requisito
  • Legge 68/1999 art. 17

Art. 17. (Obbligo di certificazione).

  1. Le imprese, sia pubbliche sia private, qualora partecipino a bandi per appalti pubblici o intrattengano rapporti convenzionali o di concessione con pubbliche amministrazioni, sono tenute a presentare preventivamente alle stesse la dichiarazione del legale rappresentante che attesti di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, nonché apposita certificazione rilasciata dagli uffici competenti dalla quale risulti l’ottemperanza alle norme della presente legge, pena l’esclusione[…]

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 535 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho un caso un po’ particolare: una dipendente ha avuto 3 gemelli. In questo caso, a quanto ammonta il riposo giornaliero?

Il riposo giornaliero (cd. allattamento), prescritto dall’articolo 39 e ss, del decreto legislativo 151/2001, è pari a 2 ore. In caso di parto plurimo, i periodi di riposo sono raddoppiati

Tutte le aziende possono usufruire dello sgravio contributivo per un’assunzione a tempo determinato per sostituzione maternità ?

Lo sgravio contributivo riguarda esclusivamente le aziende con meno di 20 dipendenti. Queste aziende pagano, fino ad un anno di età del bambino, soltanto il 50% dei contributi per il

L’azienda può concedere un orario contrattuale diverso dallo standard per un lavoratore/genitore di un figlio disabile?

La concessione unilaterale della modifica dell’orario di lavoro, da parte dell’azienda, avviene esclusivamente qualora il lavoratore/trice abbia una patologia oncologica o una grave patologia cronico-degenerativa ingravescente, per la quale residui

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento