La presente per chiedere informazioni sulla corretta modalità e procedura da seguire pr la trasformazione di un contratto a tempo indeterminato full-time in tempo parziale.Precisamente chiedo in quale modalità (tempistiche/modulistiche) deve essere effettuata la convalida di tale trasformazione davanti alla dpl-territorialmente competente ?

image_pdfimage_print

Non esiste una modulistica obbligatoria per la trasformazione del rapporto di lavoro da full-time a part-time, per cuipuò utilizzare una qualsiasi forma scritta che evidenzi la volontarietà per le parti(datore e lavoratore) di addivenire ad una rimodulazione, in riduzione, del rapporto di lavoro. Inoltre, non vi è più l’obbligo di convalidare detta riduzione alla DTL competente.

A cura di : Roberto Camera

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se il contratto collettivo applicato nella mia azienda non prevede le modalità di effettuazione dello straordinario , posso obbligare i lavoratori a farlo?

No. Il comma 3 dell’art. 5 del D.L.vo 66/2003 stabilisce che “in difetto di disciplina collettiva applicabile, il ricorso al lavoro straordinario è ammesso soltanto previo

Un contratto a chiamata stipulato in base all'età del lavoratore, è al sicuro da eventuali disconoscimenti da parte di ispettori del lavoro?

  Sì, il contratto a chiamata è autenticamente stipulato se rispetta l’elemento soggettivo in capo al lavoratore (meno di 24 o più di 55 anni di età), indipendentemente da quanto

È possibile frazionare il godimento di ore malattia del bambino con quelle di allattamento nei contratti full time?

I “Congedi per la malattia del figlio” vanno intesi come giorni di astensione dal lavoro per i “periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio” (articolo 47 del D.L.vo 151/2001). Non

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento